Azioni al ribasso e l’euro tocca il minimo da 20 anni, stretta della BCE sui tassi

I futures sulle azioni europee sono scesi e l’euro ha subito un nuovo calo. Questa situazione si è verificata dopo che i governi europei hanno annunciato misure di emergenza per mitigare l’impatto dei prezzi elevati dell’energia. 

L’innalzamento dei prezzi è scaturito dalla chiusura da parte della Russia di un importante gasdotto verso l’Europa.

azioni
Foto Canva

L’euro è sceso dello 0,5% ai minimi da 20 anni di 0,9900 dollari. Il mercato ha valutato ulteriori rischi di recessione europea. I futures dell’EUROSTOXX 50 sono scesi del 3,0% e quelli del FTSE dell’1,0%.

La Germania ha annunciato piani di spesa per 65 miliardi di euro (64,7 miliardi di dollari) per proteggere i clienti e le imprese dall’aumento dei costi, mentre la Finlandia e la Svezia hanno offerto garanzie di liquidità per mantenere aperte le aziende elettriche. I prezzi del petrolio sono saliti insieme all’intero complesso energetico, mentre i mercati statunitensi sono stati poco scambiati a causa della festività.

Le blue chip sono scese dello 0,6% a causa delle notizie di ulteriori blocchi per coronavirus in Cina che hanno aumentato il nervosismo. L’indice MSCI, che comprende le azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone, è sceso dello 0,6%, mentre il Nikkei 225 è sceso solo marginalmente.

Wall Street è andata un po’ meglio, con i futures dell’S&P 500 in rialzo dello 0,2% e quelli del Nasdaq dello 0,1%, dopo essere già scesi nella tarda serata di venerdì.

Azioni al ribasso e la crisi energetica mette in difficoltà la BCE

La crisi energetica complica ulteriormente le cose per la Banca Centrale Europea (BCE), che prenderà in considerazione la gamma di rialzi dei tassi di interesse quando si riunirà questa settimana. Tapas Strickland, Head of Markets and Economics di NAB, ha dichiarato che: “l’Europa sta affrontando una grave crisi energetica e ci sono molte prove aneddotiche del fatto che le aziende stanno tagliando la produzione“. Inoltre,  ha aggiunto che “la BCE deciderà sicuramente di alzare i tassi questa settimana“.

Il mercato sta prendendo in considerazione un rialzo dei tassi di 75 punti base dopo che molti funzionari della BCE hanno detto di essere orientati in quella direzione, ma il dibattito sui 50-75 è ancora probabile.

Continua la lotta tra euro e sterlina

Anche le banche centrali del Canada e dell’Australia dovrebbero aumentare i tassi di interesse questa settimana e diversi responsabili politici, tra cui il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell, probabilmente si presenteranno e parleranno con toni rigidi sull’inflazione.

Nonostante il piacevole rapporto sui posti di lavoro negli Stati Uniti di agosto abbia mostrato un raffreddamento del mercato del lavoro, gli investitori propendono per un rialzo dei tassi di 75 punti base da parte della Fed questo mese.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il rendimento del Treasury americano a due anni è sceso di circa 12 punti base venerdì e lunedì i futures hanno oscillato in un clima di generale avversione al rischio. Il movimento verso la sicurezza ha favorito ancora una volta il dollaro USA, che ha toccato un massimo di 20 anni a 110,090 contro un paniere di valute principali. Il dollaro è stato scambiato a 140,33, appena al di sotto del massimo di 24 anni raggiunto venerdì a 140,80. La sterlina ha lottato a 1,1468 dollari dopo essere scesa fino a 1,1458 dollari, un livello visto nel marzo 2020 all’inizio della pandemia.Una rottura di 1,1412/13 dollari raggiungerebbe una profondità che non si vedeva dal 1985.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *