Benefici fiscali, gestire bene residenza e stato di famiglia vi farà ottenere di più

Con una gestione ottimale di residenza e stato di famiglia è possibile ottenere maggiori benefici fiscali: scopriamo insieme come fare per ottenere un aiuto in più.

La residenza e lo stato di famiglia sono due requisiti fondamentali per la compilazione della dichiarazione ISEE. Il numero dei componenti del nucleo familiare, infatti, è fondamentale per il calcolo dell’ISEE nonché per il calcolo delle imposte da corrispondere come, ad esempio, la Tari. Allo stesso modo, anche la residenza risulta fondamentale per tutta una serie di aspetti.

stato famiglia residenza

Gestire bene questi due elementi può favorire il nucleo familiare e dare l’accesso ad una lunga serie di benefici fiscali. Ecco quali sono e come fare.

Residenza e stato di famiglia, come gestirli per ottenere benefici fiscali

Lo stato di famiglia è un documento che contiene e certifica la composizione anagrafica della famiglia. Esse, dunque, sono persone che hanno un legame affettivo o di parentela e che vivono sotto lo stesso tetto. Tuttavia, molto spesso, capita che i figli diventino economicamente indipendenti pur restando nello stato di famiglia originario: questo pesa molto sul reddito ISEE del dichiarante.

Un metodo per ottenere maggiori benefici fiscali, dunque, sarebbe quello di uscire dallo stato di famiglia quando si è economicamente indipendenti. Per farlo, occorre cambiare la propria residenza: secondo la Legge, infatti, solo fissando la propria residenza in un altro posto rispetto a quello della propria famiglia, se ne può uscire.

Infatti, compiendo questa operazione si otterrebbe una riduzione dell’ISEE e di alcune imposte come, ad esempio, la Tari sui rifiuti. Il calcolo di questa imposta, infatti, non si basa tanto sui metri quadri dell’abitazione quanto, invece, sui componenti del nucleo familiare che la abita.

Come compiere questa operazione

Quando si ha un rapporto familiare o affettivo si costituisce un unico stato di famiglia. Quando si raggiunge l’indipendenza economica e si vuole diventare indipendenti si può anche uscire da quello dei genitori e formare il proprio. Per compiere questa opzione è necessario, però, cambiare la residenza in una nuova abitazione. Solo in questo modo sarà possibile ottenere benefici fiscali. 

Tuttavia, vi è un caso particolare e previsto dalla Legge nel quale si può fare un’eccezione a questa regola. In tal caso, infatti, sarà possibile uscire dal nucleo familiare anche senza cambiare residenza. Parliamo di un’unità immobiliare che si possa sdoppiare creandone due più piccole. 

In tale procedura la casa del nucleo familiare originario viene divisa in due per la creazione di due diversi stati di famiglia con due ISEE diversi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *