I brand più rispettati al mondo: c’è un italiano sul podio

La Global Rep Trak 100 2021 è capeggiata dalla Lego. All’interno però ci sono davvero tanti brand italiani e uno di questi è sul podio.

Brand (AdobeStock)
Brand (AdobeStock)

Avere un brand potente è fondamentale per le aziende. Cruciale però diventa il rispetto che questo incute tra la gente. La Global Rep Trak 100 è una classifica annuale che decreta i 100 brand più rispettati a livello mondiale. La graduatoria viene stilata in base a un campione di 68.577 interviste che vengono condotte online. Le domande sono poste tra dicembre e gennaio nelle 15 maggiori economie a livello globale.

A prendersi il primo posto con un punteggio di 80,4 ci ha pensato la Lego. L’azienda danese è diventata famosa in tutto il mondo per i suoi mattoncini colorati. Negli ultimi anni però grazie a svariati accordi ha visto accrescere a dismisura la fama del proprio brand. Alle sue spalle Rolex, il marchio di orologi più ambito e famoso del mondo.

Tanti brand italiani nella top-100

Al terzo posto però c’è una piccola soddisfazione l’Italia. La Ferrari, infatti, con 78,8, scala di una posizione rispetto ad un anno fa e si prende il podio. A Maranello non sono nuovi a questo genere di risultati. Se in F1 le cose non vanno bene è ben diverso il discorso dal punto di vista commerciale dove il Cavallino Rampante è incostante crescita.

Solo 9° posto per Walt Disney, che negli ultimi anni è in costante ascesa dopo aver acquistato la Fox e messo in piedi la propria piattaforma streaming. L’Italia però non è rappresentata solo dalla Ferrari nella top-100. In risalita troviamo la Barilla che si ferma all’11° posto.

LEGGI ANCHE >>> Ferrero tenta il colpaccio estivo: i 5 gusti in arrivo da aprile

In graduatoria però ci sono anche Ferrero e Pirelli, rispettivamente 19a e 25a. Lavazza in calo ma comunque 53a. Spazio anche per Armani 61a. Rientra, invece, nella top-100 Prada, che si piazza all’84° posto. La notizia positiva è che quasi tutti i brand italiani risultano in risalita a livello di rispetto. Speriamo che questo possa tradursi in una ripresa economica per il nostro Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *