Buste paga, tienile al sicuro: potrebbero tornarti molto utili

Le Buste paga sono molto importanti per effettuare tantissime richieste: infatti, conviene tenerle al sicuro poiché potrebbero tornarvi molto utili ed evitare alcuni problemi. Scopriamo insieme di cosa si tratta e facciamo un po’ di chiarezza. 

La tendenza a buttare sempre tutto nel cestino della spazzatura, alcune volte potrebbe causare dei problemi inaspettati. Questo soprattutto quando, a finire nel cestino, sono dei documenti che potrebbero tornare molto utili. Infatti, sono molti coloro che, una volta pagata una bolletta oppure aver ottenuto un sussidio, finiscono con il buttare via le eventuali ricevute.

Buste paga e documenti

Tuttavia, questa particolare tendenza, in un Paese come il nostro dove la burocrazia è presente in modo capillare, non rappresenta sicuramente una scelta giusta. Buona parte dei documenti andrebbero conservati e non gettati nel cestino della spazzatura: un esempio è dato dalla Busta paga. Conservarla è importante poiché potrebbe evitare alcuni problemi: scopriamo insieme di cosa si tratta.

Tieni al sicuro le buste paga, potrebbero tornarti davvero utili: ecco di cosa si tratta

La busta paga è un documento fondamentale per i lavoratori. Infatti, tale documento è fornito dal datore di lavoro al lavoratore e contiene tutte le informazioni relative all’importo che si percepisce per il lavoro prestato definito in un determinato periodo di tempo che, solitamente corrisponde ad un mese.

Proprio per le informazioni contenute, la busta paga è richiesta per accedere ed ottenere: mutui, prestiti, finanziamenti oppure per richiedere l’affitto di un immobile. Per questo motivo, è importante avere l’abitudine di conservare le proprie buste paga. Tuttavia, non è obbligatorio conservare determinati documenti ma si tratta esclusivamente di una buona abitudine.

Nel caso di una richiesta di mutuo o prestito, infatti, è prevista la dimostrazione dell’esistenza di una retribuzione: in questo caso vengono richieste spesso le buste paga degli ultimi due anni lavorativi.  La necessità di fornire una dimostrazione della propria retribuzione si può verificare in caso di locazione di un immobile. Infatti, alcune volte il locatario richiede la busta paga per valutare la solvibilità. Dunque, è importante pur non essendo obbligatoria la dimostrazione in caso di affitto di un immobile conservare le buste paga degli ultimi mesi.

Per quanto tempo bisogna conservare le buste paga

Come abbiamo visto, è buona abitudine conservare alcuni documenti come la busta paga poiché potrebbero ritornare molto utili. In linea generale, è opportuno che ogni cittadino conservi i documenti in forma cartacea con una certa rilevanza per un periodo di 5 anni.

Il consiglio è quello di creare un piccolo archivio dove conservare tutti i documenti importanti incluse le proprie buste paga. Inoltre, è possibile anche digitalizzare tutta la propria documentazione: infatti, basterà solamente avere a propria disposizione uno scanner e inserire il documento scannerizzato in apposite cartelle denominate in modo da riconoscere e accedere con facilità ai dati una volta che si verifica l’esigenza di dimostrare un eventuale pagamento o come abbiamo visto, attestare la propria retribuzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *