Carta acquisti, i pagamenti di novembre: requisiti e modalità di gestione

Al via i pagamenti per la Carta acquisti. La social card, insomma, con i suoi vantaggi e la sua missione principale.

Carta acquisti
Carta acquisti (Adobe)

Un prezioso sostegno per le famiglie italiane seriamente in difficoltà. Un importantissima “mano” che lo Stato cala per dare la possibilità a milioni di famiglie del nostro paese di ricevere un piccolo aiuto extra con cadenza bimestrale. La Carta acquisti, o Social card nasce con questo fine. Destinatari della misura, in base ovviamente ad una serie di fattori certificati dalla documentazione Isee sono le famiglie con figli minori di tre anni e gli over 65. Il reddito, in questo caso assume importante rilievo perchè di fatto sancisce il diritto o meno alla misura in questione.

Come detto la cadenza degli accrediti è bimestrale, generalmente questa avviene tra i primi dieci giorni del mese. Per quel che riguarda novembre, pare che gli accrediti siano partiti dal giorno 3. Le modalità di utilizzo della carta prevedono le stesse funzioni di un normale bancomat, con la sola esclusione di operazioni di prelievo di contante. La carta sulla quale verrà caricato l’importo bimestrale di 80 euro può essere utilizzata in negozi e supermercati e può essere gestita attraverso gli sportelli Postamat di Poste italiane per controllarne saldo e movimenti.

Carta acquisiti: tutto quello che c’è da sapere sulla vecchia Social card

La richiesta della Carta acquisti va generalmente effettuata presso uno dei tanti Caf presenti sul nostro territorio. Il possesso dell’Isee rappresenta il requisito principale per attestare il diritto o meno alla misura richiesta. Una breve procedura farà in modo che il soggetto sia associato all’iniziativa e riceva in pochi giorni carta e pin cosi da iniziare a fare acquisiti con il primo credito presente. Per avere informazioni circa il credito residuo o altre informazioni, oltre al Postamat è possibile utilizzare altri canali Poste italiane, come il numero verde appositamente segnalato sulla piattaforma web dell’azienda.

LEGGI ANCHE >>> Postepay: il limite trasferibile da una carta all’altra: info e modalità

I requisiti principali per accedere alla misura in questione, cosi come anticipato sono i seguenti:

  • Età non inferiore ai 65 anni o presenza nel nucleo familiare di un minore di 3 anni
  • Isee non superiore ai 7.001,37 euro
  • Assenza di patrimonio mobiliare superiore a 15mila euro
  • I richiedenti di qualsiasi tipo non devono risultare essere intestatari di più di una utenza elettrica, più di una utenza non elettrica, più del 25% di un immobile ad uso abitativo, più del 10% di un immobile ad uso non abitativo.

Le condizioni economiche chiaramente risultano essere essenziali ai fini dell’ottenimento della carta in questione, milioni di italiani hanno già da anni aderito all’iniziativa. Novembre è arrivato e con esso un nuovo accredito. La misura convince sempre di più i cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *