Nuovo codice della strada: ci tolgono i punti dalla patente se commettiamo questo (comune) errore

Un nuovo codice della strada, cosi come ampiamente previsto da alcuni mesi. Il nuovo testo presenta numerose novità.

Nuovo codice della strada

 

Il 2022 sarà l’anno, tra l’altro, del nuovo codice della strada. Una vera e propria rivoluzione con nuovi accorgimenti e pene più severe per chi commette determinate infrazioni. Il nuovo testo, cosi come previsto ormai da mesi porterà numerose novità in merito a numerosi atteggiamenti da seguire al volante. Rivoluzione anche per quanto riguarda il codice della strada insomma, oltre a numerosi altri aspetti che riguardano il quotidiano degli italiani.  Il 2022 si prospetta dunque come un anno da ricordare, che di sicuro resterà impresso per molto tempo nella memoria collettiva dei cittadini. Un anno che si spera possa essere molto più positivo dei due precedenti, considerata la situazione legata alla pandemia che ancora si dimostra più pesante del previsto.

Tra gli aspetti che maggiormente caratterizzano il nuovo testo, cosi come ampiamente descritto anche in Gazzetta Ufficiale, quelli che riguardano eventuali lanci di oggetti dal finestrino. Spazio anche all’occupazione impropria dei parcheggi auto riservati ad automobilisti disabili. Nel primo caso parliamo di un malcostume purtroppo molto frequente che dal 2022 sarà punito in due diverse modalità. Nel primo caso si andrà a punire ad esempio coloro i quali sono soliti gettare mozziconi di sigaretta in strada mentre sono alla guida, in quel caso le multe previste andranno da un minimo di 52 euro fino ad un massimo di 204. In precedenza per la stessa infrazione si andava da un minimo di 26 ed un massimo di 52 euro.

Nel secondo caso è prevista invece la multa per chi getta dal finestrino dell’auto oggetti che possono in qualche modo intralciare la stessa sicurezza stradale. In questo caso le multe previste andranno da un minimo di 216 euro fino ad un massimo di 866 euro. Nella vecchia versione l’importo delle multe partiva da un minimo di 108 euro fino ad un massimo di 433 euro.

Il codice della strada cambia nel 2022: tutte le sanzioni previste dal nuovo testo

Novità per  quel che riguarda invece l’occupazione impropria dei parcheggi auto riservati ad automobilisti disabili.  Il nuovo testo punirà l’infrazione con multe che partiranno da 168 euro ed arriveranno ad un massimo di 672 euro. Prevista inoltre la decurtazione di 4 punti dalla patente, che passeranno a 6 nel caso in cui si utilizzi un falso contrassegno utile per parcheggiare sui posti auto riservati a disabili. Per quanto riguarda poi i divieti di sosta sarà lasciato campo libero alle singole amministrazioni per la scelta di aree destinate ad esempio al parcheggio di scuolabus ecc. In questo caso la sosta su tali aree sarà punita con multe che andranno da un minimo di 25 euro fino ad un massimo di 100 euro per le moto e di 42 euro fino ad un massimo di 173 per gli altri veicoli.

LEGGI ANCHE >>> Sinistro stradale, il risarcimento non arriva: ecco come ottenerlo in tempi brevi

Alcune novità saranno inoltre introdotte in merito alla concezione del pedone per ogni singolo automobilista. Bisognerà considerare anche la sola presenza del pedone all’inizio delle strisce pedonali per far scattare l’obbligo di precedenza. In merito a quest’ultima disposizione la Gazzetta Ufficiale recita: “I conducenti devono dare la precedenza, rallentando gradualmente e fermandosi, ai pedoni che transitano sugli attraversamenti pedonali o si trovino nelle loro immediate prossimità. I conducenti che svoltano per inoltrarsi in un’altra strada al cui ingresso si trova un attraversamento pedonale devono dare la precedenza, rallentando gradualmente e fermandosi, ai pedoni che transitano sull’attraversamento medesimo o si trovino nelle sue immediate prossimità, quando ad essi non sia vietato il passaggio”.

Pene severe, inoltre, per chi si mette alla guida con smartphone alla mano, altro malcostume purtroppo ancora duro a morire per chi è al volante. 2022 insomma ricco di novità. Il codice della strada si fa nuovo, sperando nel buonsenso e nella concetto di civiltà degli automobilisti italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *