Una nuova soluzione per ottenere 10 giorni di assenza retribuita dal lavoro

Gli ultimi mesi abbondano di grandi soluzioni e soprattutto grandi novità. L’ultima riguarda i lavoratori che diventano papà.

Congedo paternità
Congedo paternità

Una soluzione che prima nemmeno esisteva, o meglio poteva trovarsi relegata tra i privilegi di qualche particolare corpo armato o categoria professionale. Oggi la realtà ci dice altro e colloca la misura direttamente tra quelle pienamente accessibili a tutti i lavoratori dipendenti. L’eventualità è la paternità, l’eventualità consente di restare a casa fino a 10 giorni completamente retribuiti senza aver bisogno di permessi speciali condizioni particolari e quant’altro. Congedo parentale vero e proprio, 10 giorni retribuiti lontano dal lavoro ma da godere pienamente con la propria famiglia ed tanto atteso erede.

Le politiche sociali in questo anno che sta per arrivare potrebbero diventare il fiore all’occhiello di un Governo che inizialmente molti hanno temuto considerandone i vertici. Un Governo che invece sta contraddistinguendo la sua opera per quel che riguarda proprio le politiche sociali. Numerosi gli interventi per tutelare classi lavorative, singoli professionisti, nuclei familiari e quant’altro e numerose saranno le iniziative da concretizzare il prossimo anno, una su tutte l’assegno unico, atteso da mesi.

Lavoratori pronti a restare a casa se c’è il lieto evento

I tempi sembrano essere nettamente cambiati. Inimmaginabile una simile iniziativa qualche decennio fa ma forse anche dopo. I lavoratori dipendenti potranno quindi godere di ben 10 giorni di riposo dal lavoro, 10 giorni regolarmente e pienamente retribuiti dal proprio datore di lavoro in occasione della nascita di un figlio. Il Governo insomma lancia una nuova iniziativa e la possibilità ai lavoratori di godere di nuove e diverse soluzioni per stare maggiormente in famiglia e si potrebbe dire meno sul posto di lavoro.

LEGGI ANCHE >>> Legge 104 e congedo per assistere un familiare disabile: spetta la NASPI?

Il 2022 come detto attende al varco anche l’assegno unico, una unica erogazione di denaro contenente tutti i bonus e le misure a sostegno delle famiglie. Una operazione importante ed imponente che farà in modo che in un’unica data vadano a confluire tutti i pagamenti mediamente spettanti in base al reddito ad una famiglia italiana. Il 2022 sarà importante anche per quel che riguarda le pensioni con gli aumenti dovuti all’aumento dell’inflazione, con Quota 100 che va in pensione e con nuove riforme da studiare per l’esecutivo guidato da Mario Draghi, tutto avverrà in pochissimo tempo, gli italiani sono avvisati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *