Dichiarazione dei redditi: occhio a non dimenticare queste scadenze 2022

Tempistiche e scadenze, le date da conoscere e gli adempimenti da rispettare circa la dichiarazione dei redditi e 730/2022: i dettagli

Aspetti da approfondire in merito a dichiarazione dei redditi e 730/2022: date, scadenze, tempistiche e adempimenti da tener presente per quanto riguarda contribuenti e professionisti abiti: di seguito i dettagli.

Dichiarazione dei redditi: occhio a non dimenticare queste scadenze 2022
fonte foto:adobestock

In merito alla dichiarazione dei redditi, varie sono le scadenze e gli aspetti da tenere a mente, come accade per ogni anno, per quel che concerne contribuenti e professionisti abilitati.

In primo luogo va ricordato che il 730 è il modello per la dichiarazione dei redditi dedicato a lavoratori dipendenti e pensionati, il quale si può presentare a Agenzia delle Entrate mediante il modello ordinario tramite CAF-professionisti abilitati, come commercialisti, consulenti del lavoro, ragionieri, periti commerciali, Società tra professionisti.

O, ancora, mediante il modello precompilato, con diversi dati precaricati che il soggetto in questione, dopo essersi occupato dai vari ed opportuni controlli, ha la possibilità di trasmettere in via autonoma. Come spiegato da Quifinanza.it, sia nel primo che nel secondo caso, bisogna tener a mente il termine ultimo circa l’invio della dichiarazione dei redditi al periodo di imposta 2021, che vedrà come scadenza il 30settembre2022.

Dichiarazione dei redditi 2022, occhio a date e passaggi: alcuni dettagli al riguardo

Tematica importante che desta interesse, quella in oggetto, al cui riguardo non mancano altri elementi da approfondire, come nel caso del cosa fare con mutuo e detrazioni rispetto a dichiarazione dei redditi.

Come si legge su Quifinanza.it, sono varie e diverse le scadenze e le tempistiche da tener presente circa tale argomento; anzitutto, dal 2 maggio 2022 il contribuente ha la possibilità di presentare la dichiarazione dei redditi, attraverso modello ordinario, al CAF oppure professionista abilitato.

Dal 23 maggio, sarà a disposizione di pensionati e lavoratori dipendenti il modello 730 precompilato, il quale sarà raggiungibile in una sezione del portale dell’Agenzia delle Entrate a cui fare accesso attraverso SPID, CIE, CNS. Vi sarà la possibilità di visualizzare, modificare/integrare la propria dichiarazione ed inviarla. Ad invio effettuato, la dichiarazione con protocollo dell’invio resta visualizzabile e scaricabile dentro la propria area autenticata.

Entro il 15giugno del 2022 il sostituto di imposta il quale presta assistenza fiscale, il CAF-professionista abilitato: trasmette in modo telematico all’AE le dichiarazioni presentate dal contribuente entro il 31maggio; rilascia ricevuta di presentazione del 730 e relativo modello, circa le dichiarazioni presentate dal contribuente entro il 31maggio.

Nel periodo da luglio ed entro novembre, il contribuente riceve la retribuzione con importi trattenuti o rimborsati in seguito al conguaglio 730, in aggiunta alle trattenute delle prime rate inerenti la dilazione del saldo a debito o eventuali acconti. Le altre rate, maggiorate dell’interesse dello 0,33% mensile, le tratterrà dalle retribuzioni nei mesi a venire.

Qualora la retribuzione, si legge, fosse non sufficiente in relazione al pagamento delle imposte, ovvero degli importi rateizzati, trattiene la parte residua maggiorata dell’interesse nella misura dello o,4% mensile, dalle retribuzioni dei mesi che seguono.

Tempi, scadenze e adempimenti dichiarazione dei redditi: altri dettagli da considerare

Vari dunque gli aspetti, come approfondito da Quifinanza.it, da tener presente circa l’argomento in questione. Entro il 23 luglio, il sostituto di imposta che presta assistenza fiscale, CAF-professionista abilitato, trasmette mediante via telematica all’AE le dichiarazioni che son state presentate dal soggetto contribuente nel periodo da 21giugno a 15luglio; rilascia ricevuta di presentazione del 730 e relativo modello, circa le dichiarazioni presentate dal contribuente da 21giugno a 15luglio.

Invece, il sostituto di imposta che si occupa di assistenza fiscale, CAF-professionista abilitato, entro la data del 15settembre, trasmette in modo telematico all’AE le dichiarazioni che il contribuente ha presentato da 16luglio a 31 agosto; rilascia ricevuta di presentazione del 730 e relativo modello, per dichiarazioni che il contribuente ha presentato da 16luglio a 31 agosto.

La scadenza, il termine ultimo circa la presentazione del 730 ordinario a CAF oppure intermediario fiscale o mediante sostituto di imposta, e per quello 730 precompilato online, è il 30settembre. Quifinanza.it ricorda che chi non riuscisse a fare la prestazione della dichiarazione redditi entro la scadenza fissata, l’ultima data possibile è quella del 30novembre, attraverso Modello Redditi.

Si passa ad ottobre, entro il giorno 10, il soggetto contribuente comunica al sostituto di imposta non di non voler fare il secondo o unico acconto IRPEF oppure di procede in misura minore di quanto indicato nel modello 730-3. Entro il 25ottobre il contribuente ha la possibilità di presentazione al CAF-professionista abilitato della dichiarazione 730 integrativa.

Entro il 10novembre, il Cat-professionista abilitato si occupa di verificare la conformità dei dati presenti nella dichiarazione redditi integrativa, comunica i risultati finali al sostituto e trasmette in modo telematico all’AE.

A novembre, in tal mese, il contribuente ha la Retribuzione con importi trattenuti a titolo di acconto IRPEF; qualora fosse incapiente, la parte residua sarebbe maggiorata in misura pari a 0,4 per cento e trattenuta dalla retribuzione inerente il mese di dicembre.

Entro la data del 30novembre, spiega ancora Qui Finanza, occorre presentare il modello Redditi 2022 integrativo, il cui termine ultimo risulta valido anche per modelli Redditi Società di capitali, Redditi società di persone e redditi enti non commerciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *