Importo reddito di cittadinanza: perché non è uguale tutti i mesi? La risposta che non ti aspetti

L’importo reddito di cittadinanza varia da mese a mese provocando un aumento o una diminuzione del credito erogato in favore dei beneficiari: per quale motivo?

La somma di denaro erogata in favore dei percettori del reddito di cittadinanza varia in base a due fattori: la composizione del nucleo familiare e l’indicatore ISEE.

Importo reddito di cittadinanza
Adobe stock

Importo reddito di cittadinanza è caratterizzato da due parti:

  • Una quota serve ad integrare il reddito familiare fino ad un massimo di €6.000, moltiplicati per una scala di equivalenza;
  • La seconda quota, invece, è indirizzata solo in favore di chi paga un affitto o un mutuo.

Quest’ultima quota rappresenta un’integrazione al canone di locazione fino ad un massimo di €3.360, ovvero €280 al mese, oppure del mutuo fino ad un valore massimo di €1.800 ovvero €150 al mese.

In ogni caso, l’accredito complessivo non può superare il valore di 9.360 euro annui, ovvero €780 al mese. L’importo deve essere moltiplicato per la scala di equivalenza, a quale poi sarà sottratto il valore del reddito familiare.

In questo modo, è possibile stabilire qual è l’importo che il beneficiario ha diritto a ricevere mensilmente.

Tuttavia, ci sono delle lievi variazioni tra un mese ed un altro: perché accade ciò?

Importo reddito di cittadinanza: i motivi delle variazioni mensili

Il calcolo che serve a determinare l’ammontare del reddito di cittadinanza per ogni singolo soggetto viene effettuato dall’INPS. L’istituto previdenziale, effettuando il calcolo, prende in considerazione le dichiarazioni ISEE e le informazioni riguardanti il nucleo familiare del soggetto percettore del reddito di cittadinanza.

Si tratta di dati che possono essere soggetti a variazioni, per questo motivo la legge stabilisce che, il soggetto interessato, deve provvedere alla comunicazione tempestiva, all’INPS, di tutti gli eventuali cambiamenti.

Le variazioni possono essere dovute a diversi eventi, come ad esempio la perdita del lavoro o l’aumento/diminuzione del numero dei membri del nucleo familiare.

I motivi per i quali il percettore di Rdc può notare delle variazioni in merito all’importo del sussidio sono i seguenti:

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
  • Il reddito del nucleo familiare è stato ricalcolato e risulta variato rispetto all’anno precedente;
  • Le variazioni dell’importo possono essere dovute alla comunicazione UNILAV del datore di lavoro;
  • Il calcolo e le decurtazioni dei trattamenti assistenziali;
  • Il calcolo e le degustazioni relative ad alcuni bonus erogati dal comune o da altri enti territoriali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *