IMU 2021 in scadenza, mancano pochi giorni: ecco chi non la dovrà pagare

L’Imu per il 2021 è in scadenza, moltissimi contribuenti sono chiamati ad adempiere ai versamenti entro il 16 dicembre: ecco chi non la dovrà pagare perché esentato

Esenzioni Imu

L’Imu, o imposta municipale propria, è un tributo introdotto nel 2011 dal Governo Monti nell’ambito – della manovra “Salva Italia” che i proprietari o possessori di alcuni immobili sono tenuti a pagare. Fino al 2013 era valida anche sulla prima casa, mentre dal 2013 in poi è stato reso obbligatorio solo a partire dalla seconda casa.

Anche per quest’anno la scadenza del saldo di questo tributo è fissata al 16 dicembre. Tuttavia, è bene fare attenzione perché ci sono alcune categorie che sono esentate dal pagamento: ecco chi non la dovrà pagare.

Imu in scadenza: ecco chi sono i contribuenti che non la dovranno pagare

Secondo quanto previsto dalla Legge, coloro che sono obbligati al pagamento dell’Imu sono i possessori di alcune categorie di immobili, i titolari di usufrutto ed enfiteusi, i concessionari delle aree demaniali e locatari in caso di leasing.

LEGGI ANCHE: IMU sulla prima casa dal 2022: con il Decreto fiscale l’esenzione non sarà per tutti

Dovranno pagarla, inoltre, i proprietari di fabbricati, aree fabbricabili, terreni agricoli, fabbricati rurali ad uso strumentale, fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fabbricati merce. Per tutti questi contribuenti il termine ultimo scadrà il 16 Dicembre: entro tale data andrà saldato l’intero importo o la seconda rata se il pagamento è dilazionato.

Ci sono, però, delle categorie di contribuenti che, a causa della crisi scaturita dall’emergenza sanitaria saranno esentati dal pagamento. Non pagheranno l’Imu i cinema, i teatri, le sale per concerti e tutti gli immobili della categoria catastale D/3.

Altre esenzioni per i cittadini

Ad essere soggetti a questa importante esenzione, però, ci sono anche altre categorie di contribuenti. In particolare, non pagheranno l’Imu i proprietari di immobili danneggiati dal terremoto del 20 e 29 maggio 2012 in Lombardia, in Veneto e anche in Emilia Romagna.

Allo stesso modo, non lo pagheranno neanche i proprietari di immobili danneggiati dal terremoto del 24 agosto 2016 nel Centro Italia o da quello del 21 agosto 2017 a Ischia. Addirittura, coloro che hanno già pagato una rata avranno diritto a un rimborso.

Tale tributo, inoltre, sarà dimezzato per i pensionati non residenti; infine, i coniugi che si sdoppiavano in due case per evitare il pagamento dell’Imu non potranno più farlo, a stabilirlo è stata una sentenza della Corte di Cassazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *