Lavoro e legge 104: il datore di lavoro può imporre gli straordinari?

In materia di lavoro e agevolazioni legge 104, sorge il dubbio se gli straordinari sono obbligatori o meno. Chiariamo quest’aspetto in base alla normativa. 

Lavoro e legge 104: gli straordinari sono obbligatori?
(Foto Adobe) Lavoro e legge 104: gli straordinari sono obbligatori?

Un Lettore chiede chiarimenti sugli straordinari lavorativi, in quanto lavora in una catena di supermercati con un contratto di lavoro a 38 ore settimanali. Fruisce dei tre giorni di permesso legge 104 per la madre convivente con handicap grave. Il datore di lavoro chiede che si facciano gli straordinari. Il Lettore chiede agli Esperti di Trading.it, se è obbligato ad effettuare gli straordinari. Analizziamo cosa prevede la normativa vigente, rispondendo al nostro Lettore.

Lavoro e legge 104: gli straordinari sono obbligatori?

Bisogna precisare che in materia di lavoro straordinario, i lavoratori che percepiscono i permessi legge 104, possono comunque svolgere l’attività lavorativa compresi gli straordinari. Infatti, il CCNL non preclude l’attività lavorativa o i permessi legge 104.

Il lavoro straordinario e i permessi legge 104, sono due istituti diversi che prevedono diverse condizioni e disposizioni, che ne regolano la fruizione. Inoltre, il datore di lavoro, nell’organizzazione aziendale, può chiedere orari di lavoro straordinario anche ai lavoratori che fruiscono dei permessi legge 104. Permessi legge 104: si rischia di perderli o di essere licenziati con questa distrazione

Però, il lavoratore disabile che fruisce dei permessi, può svolgere il lavoro straordinario solo se il prolungamento dell’orario di lavoro non pregiudica lo stato di salute. In questi casi, il datore di lavoro deve coinvolgere nella valutazione il medico competente, il quale dovrà valutare lo stato di salute e la compatibilità con le ore in più di lavoro.

LEGGI ANCHE>>>Permessi Legge 104, a risentirne è la busta paga: quanti soldi si perdono

Chi può fare domanda?

Ricordiamo che i permessi legge 104 consistono in permessi retribuiti di tre giorni al mese, frazionati anche ad ore. Possono ottenere i permessi legge 104:

a) i lavoratori disabili con handicap grave;

b) i genitori che assistono i figli disabili, anche adottivi o affidatari;

c) il coniuge, il convivente di fatto, i componenti dell’unione civile e i parenti o affini al secondo grado per familiari con handicap grave.

Da ricordare che l’astensione del lavoro per fruire dei permessi legge 104, da diritto alla copertura figurativa da parte dell’INPS. La contribuzione figurativa è valida ai fini del pensionamento, inoltre, non incidono sul trattamento di fine rapporto e sulla tredicesima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *