Pensione e pagamento dei contributi volontari: si può chiedere il rimborso o il ricalcolo

In tema di pensione e pagamento dei contributi volontari per raggiungere quella di vecchiaia, esaminiamo un caso molto comune in cui l’INPS non ammette errori.

Un  Lettore ci scrive: “Sto pagando i contributi volontari per raggiungere il diritto alla pensione di vecchiaia. Purtroppo ho pagato i versamenti dell’ultimo trimestre 2021 con un giorno di ritardo virgola. La scadenza originale era il 31 Marzo io l’ho pagati il 1 Aprile. Posso sanare questo errore?”

Pensione e contributi
Pensione e contributi (Adobe Stock)

Chi ha cessato l’attività lavorativa o l’ha interrotta, può far versare i contributi volontari per raggiungere il diritto alla pensione. Purtroppo le regole dell’INPS sono ferree, anche un solo giorno di ritardo nel pagamento impedisce di coprire i contributi del trimestre per cui è stato disposto il pagamento. Inoltre, i contributi volontari possono essere restituiti in un determinato caso.

Pensione e pagamento dei contributi volontari

In effetti, chi versa in ritardo, ha due possibilità: attendere che l’INPS, in automatico, provvede al rimborso; o chiedere all’ente previdenziale di accreditare la somma versata al trimestre precedente la data del pagamento. Nel suo caso in esame, il pagamento effettuato il 1 Aprile al posto del 31 marzo non copre il trimestre di competenza, ma si può chiedere di accreditare il  versamento al trimestre successivo gennaio – marzo 2022.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *