Criptovalute: il Canada chiede alle piattaforme di trading di adeguarsi alle normative

Le autorità di regolamentazione dei titoli canadesi hanno pubblicato le linee guida per le piattaforme di trading di criptovalute

bitcoin e criptovalute

I token digitali si stanno diffondendo velocemente anche in Canada, per questo motivo le autorità di regolamentazione dei titoli canadesi hanno pubblicato una guida per chiarire aspetti fondamentali nell’organizzazione e nella gestione delle piattaforme di trading per le criptovalute.

LEGGI ANCHE >> Paypal: pagamenti con criptovalute! Bitcoin verso massimo storico?

La diffusione del documento ufficiale

Nel documento diffuso da Canadian Securities Administrators (CSA) e Investment Industry Regulatory Organization of Canada (IIROC), le due autorità hanno invitato prima di tutto le piattaforme a registrarsi e divenire membri dell’organizzazione. IIROC ha la funzione di definire gli standard del settore normativo e degli investimenti, e ha poteri quasi giudiziari, in quanto tiene udienze e ha il potere di sospendere, multare ed espellere membri e rappresentanti registrati, come i consulenti.

Il documento chiarisce come le regole già in vigore, siano sufficienti per una corretta gestione delle piattaforme di criptovalute, senza che ci sia la necessità di introdurne di nuove. L’obiettivo è assicurare da una parte la flessibilità dei mercati e l’innovazione nei mercati canadesi, dall’altra proteggere gli utenti garantendo l’efficienza dei servizi. Per questo, hanno determinato nel dettaglio tutti i passaggi a cui gli operatori dovranno attenersi per essere conformi alla normativa sui titoli e riuscire a integrarsi a pieno nella struttura legislativa canadese.

LEGGI ANCHE >> Cosa sono le criptovalute e come utilizzarle per fare trading

Perché il Canada ha deciso di regolamentare il mondo delle criptovalute?

Fondamentalmente, negli ultimi anni si sta sviluppando, in maniera esponenziale, il mondo cripto, quindi anche tutti i possibili illeciti che ne possono fare parte. L’esigenza di regolamentare questo settore è data in primi per tutelare gli investitori, ma anche per evitare riciclaggio di denaro e altre situazioni criminose.

CSA e IIROC, di conseguenza, hanno pensato di proseguire il processo iniziato nel  2019, evolvendo la legislazione fino a  delineare un quadro normativo chiaro. L’Ontario Securities Commission (OSC), inoltre, ha dichiarato che le piattaforme di trading sulle criptovalute, dovranno conformarsi il prima possibile alla normativa canadese, così da poter negoziare derivati e titoli con utenti persone fisiche e società. In caso contrario, l’OSC sarà pronta ad agire legalmente. Il regolatore, negli ultimi tempi, si sta occupando anche di piattaforme che operano al di fuori dell’Ontario per dare loro possibilità di adeguarsi alle normative e considerarle come se avessero operato all’interno del terriorio. Si invitano dunque le piattaforme di trading non registrate ad adeguarsi alle normative canadesi, come segno di trasparenza nell’ottica di fornire massima protezione agli utenti e agli investitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *