Prepagate con Iban: quali sono le migliori, costi e caratteristiche

Negli ultimi anni è letteralmente scoppiata la mania delle carte prepagate. Quali sono le migliori, con quali vantaggi. 

Prepagata
Prepagata (Adobe)

La moda delle carte prepagate è esplosa con prepotenza più di qualche anno fa. All’inizio la convenienza nell’utilizzo di certi prodotti, di specifiche modalità di pagamento aveva due funzioni principali. La prima riguardava l’acquisto di beni o servizi tramite il web, assicurando quindi una certa sicurezza nel non esporre, ad esempio, il proprio conto corrente ad eventuali rischi, la seconda, invece riguardava la possibilità di trasferire, ad esempio ad un figlio, o a chiunque altro, magari all’estero, piccole somme di denaro nel modo più semplice e veloce possibile. Negli anni, alcuni discorsi sono un po’cambiati.

Mantenendo le caratteristiche originarie, quasi tutte le prepagate, ormai, si sono dotate, per volere delle aziende che man mano hanno preso ad emetterle sempre con maggiore frequenza, di codice Iban. La cosa ha chiaramente comportato un intenso aumento dell’uso delle stesse carte. Il motivo? La possibilità di farsi accreditare lo stipendio, o la pensione, con costi molto ridotti rispetto a quelli necessari ad esempio al mantenimento di un conto corrente. Strumenti dinamici, economici e del tutto sicuri.

Carte prepagate con Iban: quali le più convenienti

Le carte prepagate con Iban di maggior rilievo negli ultimi anni sono, secondo una attenta stima le seguenti: la carta Dots, carta Hype e carta Tinaba. Nel primo caso abbiamo di fronte un conto di moneta elettronica con prepagata Mastercard. Di tipo digitale, quindi, la carta consente di effettuare pagamenti esclusivamente attraverso il proprio smartphone. La Hype, invece consente iverse opzioni di ricarica ed è possibile inoltre utilizzarla per prelievi ai vari Atm. Collegabile alle principali piattaforme di pagamento l la carta può essere gestita attraverso un’app e può essere inoltre disattivata ed attivata in qualsiasi momento.

LEGGI ANCHE >>> Postepay: il limite trasferibile da una carta all’altra: info e modalità

Carta Tinaba, invece fa parte anch’essa del circuito Mastercard e non prevede ne costi di gestione ne di commissioni di qualsiasi genere. Ricaricabile in modo del tutto gratuito è abilitata agli acquisti on line ed ai pagamenti con le seguenti piattaforme:

  • Apple Pay
  • Google Pay
  • Samsung Pay
  • FitBit Pay
  • Garmin Pay
  • Swatch Pay

Il mercato, insomma offre numerose soluzioni, sta al consumatore finale scegliere quale possa essere per lui l’0fferta più vantaggiosa. Nuove tecnologie e prodotti finanziari ultimamente sempre più a braccetto. Il futuro è dunque oggi, cosi come i vantaggi, assolutamente di prim’ordine rispetto alla vecchia concezione che voleva l’utilizzo esclusivo del conto corrente. Niente di più comodo e veloce, insomma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *