Tredicesima 2021: come la spenderanno gli italiani? Ecco le stime di Confesercenti

Nel 2021 la tredicesima sarà più ricca rispetto a quella dell’anno precedente, ma come la spenderanno gli italiani? Da Confesercenti arriva qualche stima poco rassicurante.

TREDICESIMA

Tra qualche giorno arriverà per oltre 30 milioni di italiani la tredicesima mensilità: una mensilità aggiuntiva che aiuterà gli italiani ad affrontare con più serenità le festività natalizie. Secondo un sondaggio condotto da Swg, quest’anno ci sarà un aumento rispetto a quanto percepito nel 2020.

Questa constatazione si tradurrà in ben 1200 euro circa in più che saranno disponibili per i lavoratori dipendenti e i pensionati nel mese corrente. Ma come la spenderanno gli italiani? Alcune stime di Confesercenti rassicurano molto: ecco cosa hanno portato alla luce.

Italiani e tredicesima, come spenderanno quella del 2021? Le stime che rassicurano i commercianti.

Secondo alcune stime di Confesercenti basate su delle statistiche fornite da Swg, gli italiani quest’anno impiegheranno la maggior parte della propria tredicesima in acquisti e beni di consumo. In particolare, per il 2021 vi sarà un aumento del +27,4% delle spese per la casa e la famiglia.

LEGGI ANCHE: Tredicesima 2021, per qualcuno sarà una delusione: ecco perché

Pensionati e lavoratori dipendenti, dunque, spenderanno la loro tredicesima mensilità per acquisti preventivati da tempo e rimandati, per i figli, per la casa o per l’acquisto del tipico corredo di alimenti per il cenone natalizio.

Al contrario, invece, è diminuita la quota di questa mensilità bonus che è destinata ai regali: essa sarà di circa il 10% inferiore rispetto all’anno scorso. Infine, a crescere ancora sarà il risparmio: alcuni italiani non spenderanno interamente la propria tredicesima ma la conserveranno per affrontare tempi più difficili. La quota risparmiata, nel 2021 aumenterà di 2,1 miliardi totali.

Il commento di Confesercenti

Non ha tardato ad arrivare il commento da parte di Confesercenti: “Un aumento dei consumi dovuto in primo luogo alla ripresa del lavoro dopo lo stop imposto dalla pandemia e alla conseguente riduzione dell’indebitamento. Un segnale che lascia ben sperare, anche se non mancano elementi di preoccupazione”, ha commentato un rappresentante dell’associazione.

Meno sicurezza, invece, è stata espressa da Codacons nei confronti di quanto dichiarato da Confesercenti. “L’utilizzo che gli italiani faranno delle tredicesime rispecchia infatti il clima di grande incertezza sul futuro dell’Italia: non a caso si riduce la quota destinata ai regali mentre aumenta in modo considerevole la propensione al risparmio da parte delle famiglie”, è stato dichiarato in merito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *