Acquisto auto con legge 104, l’amministratore di sostegno può avere le agevolazioni?

I disabili possono ottenere agevolazioni fiscali per l’acquisto auto con legge 104, ma anche l’amministratore di sostegno può fruirne?

Acquisto auto con legge 104, l'amministratore di sostegno può avere le agevolazioni?
(Foto Adobe)Acquisto auto con legge 104, l’amministratore di sostegno può avere le agevolazioni?

Sempre in tema di lavoro e legge 104, un Lettore chiede agli Esperti di Trading.it se può acquistare l’auto con le agevolazioni previste per la legge 104, in qualità di amministratore di sostegno.

La figura dell’amministratore di sostegno è una figura che ha una misura di tutela e protezione verso una persona disabile. Nella prassi, rappresenta una misura di protezione restrittiva e rispettosa del soggetto incapace e delle sue esigenze. Quindi, l’amministratore di sostegno è volta a tutelare l’impossibilità parziale o temporanea a tutela degli interessi della persona con disabilità.

Acquisto auto con legge 104, l’amministratore di sostegno può avere le agevolazioni?

Gli atti di straordinaria o ordinaria amministrazione che può compiere l’amministratore di sostegno sono vari, sempre con l’autorizzazione del giudice tutelare.  La procedura di acquisto di un auto da parte di un amministratore di sostegno, può essere effettuata con istanza da proporre al Giudice Tutelare.

Nell’istanza deve essere motivato in modo adeguato le ragioni sottese dell’acquisto. Bisogna dimostrare l’interesse del beneficiario a compiere tale acquisto.

Ad esempio, se l’obiettivo ravvisato è fondamentali per le cure e il servizio del disabile, con il fine di migliorare la qualità di vita del beneficiario. In questi casi il Codice Civile all’articolo 375 non precisa nulla sull’acquisto del bene, ma precisa che l’alienazione del bene, qualora si dimostri indispensabile per la salute e di migliorare lo stato di vita, il bene in se può essere considerato acquistabile.

L’Amministratore di Sostegno può compiere atti di ordinaria amministrazione da solo, ma devono essere sempre finalizzati a soddisfare le esigenze della vita quotidiana.

LEGGI ANCHE>>>Legge 104, possibilità di lavorare vicino al familiare che si assiste: perché non è sempre possibile?

Amministratore di sostegno con istanza straordinaria

La situazione è diversa quando si parla di un acquisto auto, in quanto costituisce un qualcosa in più delle condizioni di vita del soggetto disabile. Quindi, è soggetto ad un parere di terzi (medici) in quanto l’istanza ha una natura straordinaria. Inoltre, l’ultima parola spetta sempre al Giudice TutelareLegge 104: il passaggio di proprietà (IPT) si paga? In pochi lo sanno

La carica dell’amministratore di sostegno dura circa dieci anni ed è rinnovabile, tranne che non si tratti di un parente che ha cura stabilmente del familiare convivente. In quest’ultimo caso la carica dura per sempre a patto che non ci sia la rinuncia o la richiesta di revoca dell’interessato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *