eBay può aiutare il Made in Italy? La strategia di Alice Acciarri

eBay è una popolare piattaforma di vendite online famosa per le sue aste online con le quali è possibile comprare una parte dei prodotti in vendita.

applicazioni e-commerce

L’azienda fondata negli Stati Uniti nel 1995 è presente dal 2001 anche in Italia.

eBay dopo 25 anni dalla sua fondazione è oggi presente in 190 mercati e rimane attualmente l’unico soggetto in grado di competere con Amazon sul mercato dell’e-commerce. Ebay fornisce i suoi prodotti a 187 milioni di acquirenti grazie ai circa 20 milioni di commercianti che utilizzano il sito.

Dall’estate 2020 alla guida di eBay Italia c’è Alice Acciarri, General Manager anche per la Spagna. Alice è originaria di Pesaro e all’età di 39 anni è arrivata ai vertici dirigenziali di uno dei più grandi e-commerce al mondo. La manager ha conseguito la carica in linea con le sue esperienze e con i suoi studi, conclusi con la Laurea in Economia e Management all’Università Luigi Bocconi.

La multinazionale californiana è stato l’ultimo traguardo che Alice Acciarri ha raggiunto pur essendo molto lontana da un certo tipo di ambizioni. La manager non è mai voluta arrivare a posizioni verticistiche ma ha lavorato con dedizione arrivando un’esperienza dietro l’altra ad accumulare una serie di competenze trasversali e decisive.

Il giro d’affari di eBay Italy

Con un’esperienza di oltre 10 anni nel settore Acciarri è stata assunta per guidare le complesse strategie di business del mercato Europeo. Ebay ha nel nostro paese più di cinque milioni di commercianti che professionalmente utilizzano la piattaforma per vendere i circa cento milioni di prodotti disponibili.

Nel 2021 la situazione economica dell’e-commerce a livello globale si è molto ridimensionata. Gli utili sono calati relativamente considerando l’apice raggiunto dal record di ordini online seguiti alla chiusura e all’impossibilità per molti di accedere ai negozi fisici.

Il secondo trimestre 2021 ha visto l’utile operativo crollare del 57% e ha fornito proiezioni per il trimestre in corso al di sotto delle attese. Da marzo a giugno, il colosso dell’e-commerce ha perso 28 milioni di utenti. Il giro d’affari è tuttavia cresciuto del 14% rispetto allo stesso periodo del 2020 con un ricavo previsto per fine anno tra intorno ai 2,4 miliardi di dollari.

Il colosso californiano non è l’unico a dover fare i conti con la riapertura dei negozi. Amazon uno dei principali competitori ha chiuso il secondo trimestre con un fatturato in calo del 10,4% a 3,9 miliardi di dollari. La crescita dei ricavi trimestrali della stessa Amazon è rallentata bruscamente nel secondo trimestre rispetto al primo, con una crescita che è stata rispettivamente del 44% e del 27%.

eBay è oggi fortemente radicato nel territorio italiano, dove supporta una rete di piccole medie imprese che contribuiscono all’economia nazionale e allo stesso tempo diversificano rispetto alla dipendenza dall’economia locale. La pandemia è stata per eBay e per i commercianti al dettaglio un’occasione per scoprire un modo diverso di fare acquisti e vendere i propri prodotti. Oggi il mercato italiano su eBay conta 6,6 milioni di acquirenti

Come Alice Acciarri è arrivata alla guida i eBay

La prima autentica sfida per Alice Acciarri è stata quella di dare corpo alle sue competenze che spaziano dall’ambito della comunicazione a quello dell’economia digitale. Inizia a dare spazio alle sue propensioni lavorando all’analisi e alla costruzione di business plan nel settore pubblicitario. Continua nello stesso campo lavorando per Rcs, sentendo tuttavia la mancanza del lato comunicativo.

La moda in questo senso è il campo in cui Acciarri ha potuto per la prima volta conciliare tutti gli aspetti che l’hanno portata a crescere professionalmente. Ha iniziato in questo campo con Vestiaire collective, una start up di moda francese specializzata nell’e-commerce che apriva il suo ufficio a Milano.

Partecipare all’attività di decine di migliaia di imprese è per la manager marchigiana un’impresa che rappresenta il culmine di una serie di sfide lavorative. Alice Acciarri ha un significativo bagaglio di competenze sul commercio online, soprattutto nel campo della moda e dell’abbigliamento. La manager ha ricoperto importanti posizioni dirigenziali in aziende come Yoox Net-à-Porter in cui ha lavorato per sei anni. L’azienda Italiana fondata da Federico Marchetti è una tra le prime ad avere avuto l’idea di offrire il mercato online per aziende specializzate in moda, lusso e design. Sei anni in cui la manager ha seguito l’evoluzione, ricoperto diversi ruoli imparare sul campo, la contingenza del giro d’affari di un’azienda che opera però in un mercato virtuale.

Da giugno 2017 Alice Acciarri ha ricoperto il ruolo di direttore commerciale per l’e-commerce di Bottega Veneta, per cui ha guidato la strategia di vendita multicanale. Il settore del lusso è sempre più restio a rinunciare al contatto diretto con il cliente, la sfida era riuscire a bilanciare il commercio fisico con le vendite online aiutando l’azienda a servire meglio il cliente.

Il vantaggio per l’export italiano delle vendite sugli e-commerce come eBay

La manager è oggi orgogliosa di aiutare l’Italia a recuperare il ritardo che il commercio ha nello sfruttare le vendite online. Il cambiamento culturale è quello di comprendere che questo tipo di canale non sostituisce i negozi fisici ma sfrutta percorsi non lineari d’acquisto. Questi avvengono in piccoli ritagli di tempo in cui il cliente non avrebbe comunque possibilità di recarsi fisicamente in negozio.

Acciarri afferma che durante i lockdown i commercianti su Ebay sono cresciuti di sei milioni, e l’export dall’Italia è aumentato del 11%. Hanno contribuito allo sviluppo anche le collaborazioni attivate con interlocutori istituzionali come Unioncamere e Confcommercio. Queste hanno avviato programmi di formazione per aprire un attività online che hanno aperto la strada a centinaia di nuove attività e potuto così compensare le perdite economiche. Nel primo semestre del 2020 le attività aperte erano 35 mila, con un aumento della partecipazione del 53%.

L’obiettivo di eBay è quello che sempre più imprese italiane possano unirsi alla nostra community e sfruttare pienamente la possibilità di raggiungere acquirenti da tutto il mondo. La tendenza oggi è già quella di un ampia esposizione del commercio anche delle piccole medie imprese a sfruttare il contatto con l’estero. Le esportazioni di merci riguardano i più svariati settori, dai prodotti per la casa, all’alimentare, dall’artigianato alla tecnologia e persino il caffè. eBay è una vetrina globale in cui ogni articolo può essere interessante anche per acquirenti che non sarebbero mai arrivati a conoscere quel prodotto. Questo vale in particolar modo per i prodotti alimentari tipici che hanno una grande quantità di clienti stranieri. Tanti di questi sono in realtà italiani espatriati, che non intendono rinunciare al gusto e ai sapori di casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *