Assegno unico, ci sono problemi con le domande: ecco perché l’hanno bloccato

In molti hanno lamentato numerosi problemi con le domande per l’Assegno Unico: sono tanti i richiedenti che non hanno ancora ricevuto l’importo spettante. Facciamo maggiore chiarezza su questa incredibile situazione. 

L’Assegno Unico è una misura di supporto a numerosi nuclei familiari con figli a carico, a prescindere se versino o meno in una situazione di particolare indigenza economica. Tale misura, infatti, comprende al suo interno sia l’assegno relativo ai figli a carico, sia altri supporti quali, ad esempio, il bonus bebè o il bonus per l’asilo nido.

assegno unico problemi

Il versamento di tali cifre, sarebbe dovuto cominciare nel mese di marzo, tuttavia in molti sono i beneficiari che hanno lamentato problemi con le domande e con la ricezione degli importi. Ecco l’incredibile situazione che si è verificata e cosa sta accadendo: saranno presi provvedimenti in merito? Scopriamo tutto quello che c’è da sapere.

Problemi con l’Assegno Unico, in molti si lamentano: cosa sta accadendo

Nel mese di marzo sarebbero dovuti cominciare i pagamenti per quanto riguarda l’Assegno Unico. I beneficiari, infatti, hanno ricevuto l’importo spettante direttamente in busta paga. Tuttavia, non tutti coloro a cui spetta tale supporto l’hanno ricevuto. Sono numerosi, infatti, coloro che hanno lamentato la mancata ricezione dell’Assegno Unico sia per il mese di marzo che per quello di aprile.

Questa incredibile situazione ha lasciato molti nello sgomento: l’Assegno Unico, infatti, ha lo scopo di supportare le famiglie con figli minorenni a carico (o maggiorenni se in particolari condizioni e, ad ogni modo, fino ai 21 anni). Per questo motivo, la mancata ricezione ha lasciato in molti una profonda preoccupazione.

Alla base di questo mancato accredito ci sarebbero degli errori compiuti al momento della domanda. Il più comune e diffuso tra tutti è l’errata trascrizione del codice Iban. Per il buon fine della procedura, infatti, è fondamentale che l’Iban sul quale ricevere le cifre spettanti sia intestato al richiedente.

Come evitare di commettere errori

Evitare di commettere errori è piuttosto semplice e bisogna soltanto prestare molta attenzione al momento della domanda e tenere bene aperti gli occhi quando vengono inseriti i dati. Per questo motivo è sempre bene rivolgersi ad un CAF o ad un patronato. L’importante è notare tempestivamente i ritardi negli accrediti.

Lo Stato, infatti, ha fissato un termine esatto per completare la domanda indicando anche tutti gli arretrati spettanti. Una volta trascorso questo termine, che ricade nel mese di giugno, sarà comunque possibile presentare domanda per l’Assegno Unico, ma si perderà il diritto a ricevere gli arretrati. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *