Attenzione al Fisco: bussa alla porta per 261 volte e la visita è inaspettata

Attenzione partono dal Fisco circo 261 adempimenti divisi tra scadenze e adempimenti che gravano su cittadini, imprese e professionisti. 

Attenzione al Fisco: bussa alla porta per 261 volte
(Foto Adobe) Attenzione al Fisco: bussa alla porta per 261 volte

Il mese di novembre si presenta complicato e pieno di appuntamenti fiscali, infatti, il Fisco busserà alla porta degli italiani con ben 261 appuntamenti. Nella media circa nove appuntamenti al giorno. Nello specifico i 261 appuntamenti sono adempimenti e pagamenti che gravano su imprese, cittadini e professionisti al mese.

Attenzione al Fisco: bussa alla porta per 261 volte e la visita è inaspettata

Un calendario ricco che non tiene conto della quantità dei pagamenti a carico dei contribuenti, generati dal Decreto legge n. 146/2021. Molti i contribuenti che invece di pensare al Natale, dovranno fare i conti con i pagamenti dell’Agenzia delle Entrate che non fa sconti. Attenzione ai controlli del 730 precompilato, il Fisco non perdona

Bisogna precisare che lo scorso 2 novembre, molti contribuenti che a causa Covid, per cartelle esattoriali dilazionate e piani di rateizzazione in essere all”8 marzo 2020, dovevano pagare almeno il minimo dei pagamenti per non perdere il beneficio della dilazione.

LEGGI ANCHE>>>Affitto gratis, lo dice l’Agenzia delle Entrate: spetta al 100%

Pioggia di pagamenti in arrivo

Inoltre, entro fine mese di novembre, chiamati al pagamento, coloro che devono ancora pagare le rate del 2020 per saldo e stralcio e rottamazione ter. Gli appuntamenti nel mese di novembre son articolati nei seguenti giorni:

a) martedì 2 novembre;

b) mercoledì 10 novembre;

c) lunedì 15 novembre;

d) martedì 16 novembre;

e) lunedì 22 novembre;

f) giovedì 25 novembre;

g) martedì 30 novembre.

Tantissimi appuntamenti con partenza dallo scorso 2 novembre con la scadenza di trentasette tipologie di imposte, questo per effetto delle pregresse rateizzazione. Poi, gli adempimenti di IVA TR e dichiarazioni INTRA. Inoltre, bisogna precisare che queste scadenze erano di ottobre, ma sono passate alla prima data utile di pagamento, quindi, il 2 novembre. Tra il 10 e 15 novembre, i contribuenti sono chiamati a pagare per ben sette volte, si parte dall’imposta di bollo assolto virtualmente agli adempimenti dei CAF per il 730 integrativi.

Il culmine dei pagamenti si ottiene il 16 novembre, sono circa 147 le tipologie di pagamenti, che vanno dalle imposte dirette (pagamenti mensili e trimestrali) alle ritenute da lavoro. Inoltre, il 30 novembre è l’appuntamento più difficile per molti contribuenti, chiamato “tax day” in quanto bisogna pagare il secondo acconto delle imposte.

Inoltre, va ricordato che gli intermediari devono effettuare anche un altro adempimento, infatti, dovranno inserire nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta del 2020, gli aiuti di Stato. Quest’adempimento è per coloro che hanno ricevuto i vari ristori. Queste indicazioni investono tutti i modelli: PF, SC e SP, e il modello IRAP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *