Aumento reddito di cittadinanza: 150 euro in più sulla ricarica di novembre

In occasione della ricarica di novembre è previsto un aumento reddito di cittadinanza che porterà nelle tasche dei percettori €150 in più.

Con l’approvazione del Decreto Aiuti-Ter è stato varato un altro pacchetto di misure che ha lo scopo di offrire un sostegno al reddito delle famiglie e dei cittadini italiani. Per questa ragione, in vista della ricarica di novembre 2022, i percettori di reddito e pensione di cittadinanza riceveranno un accredito maggiore.

aumento reddito di cittadinanza
Canva

Per ottenere il bonus di €150 una tantum, che sarà erogato a novembre in favore dei percettori di Rdc, non è necessario presentare alcuna domanda. Dopotutto il beneficio è erogato dall’istituto previdenziale, che è già a conoscenza della situazione reddituale degli aventi diritto.

Il beneficio una tantum del valore di €150 è la nuova versione del bonus di €200, così come previsto dal Decreto aiuti ter.

L’introduzione della misura è stato necessario in virtù di gli aumenti relativi ai costi di luce e gas, previsti per gli ultimi mesi del 2022. In sostanza, il governo Draghi è intervenuto nuovamente per offrire un sostegno economico alle famiglie e alle imprese, che si trovano a fare i conti con l’aumento dei prezzi.

Aumento reddito di cittadinanza: ecco a chi spetta

Sebbene il bonus del valore di €150 sia indirizzato famiglie e alle imprese italiane, allo scopo di offrire un aiuto concreto contro il caro energia, il beneficio non è rivolto a tutti. In pratica, per accedere al bonus una tantum è necessario essere in possesso di specifici requisiti reddituali, così come previsto anche per il bonus di €200.

Tuttavia, vi è una differenza tra le erogazioni effettuata in favore di dipendenti e pensionati e quella che spetta ai percettori di Rdc. Di fatto, per i primi beneficiari il bonus è erogato ad personam e, dunque, ne ha diritto ogni singolo dipendente, pensionato o disoccupato che soddisfa i requisiti richiesti. Quindi anche a più persone all’interno dello stesso nucleo familiare.

Nel caso dei percettori di reddito di cittadinanza, invece, l’erogazione del beneficio non è riconosciuta ad personam, ma all’intero nucleo familiare. Di conseguenza un solo componente della famiglia ha diritto al bonus di €150. Pertanto è necessario che nessun altro componente del nucleo familiare abbia beneficiato dello stesso sostegno economico.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Per concludere, i percettori di reddito di cittadinanza che hanno diritto a ricevere il bonus del valore di €150 otterranno la somma di denaro in occasione dell’accredito di novembre 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *