Bonus mobili, ancora pochi mesi per utilizzare lo sconto pazzesco, dal 2023 cambia tutto!

Il Bonus Mobili con l’entrata del 2023 si trasformerà ponendosi come meno favorevole per i contribuenti.

Il potenziale appuntamento con il risparmio, intanto, è ancora lì, il consiglio è quello di affrettarsi.

bonus mobili
Pixabay

La scadenza è fissata alla conclusione di quest’anno. In ballo i 5mila euro a disposizione con il Bonus Mobili. Se si dovesse sforare il 31 dicembre la convenienza andrebbe affievolendosi, specie con le variazioni che saranno apportate alla misura in questione.

Bonus mobili, un ripasso

Con l’avvento del nuovo anno il sussidio che garantisce il rinnovamento dell’arredamento della propria abitazione e dei propri elettrodomestici prenderà nuova forma. Con il 2023 i benefici saranno minori, ed è per questo che converrebbe approfittare degli ultimi mesi del 2022 per accaparrarsi un considerevole risparmio.

Il provvedimento non si estinguerà, sebbene modifiche nelle peculiarità lo presenteranno come non eccessivamente stuzzicante alla gola e alle tasche dei contribuenti. Si ricordi che la prestazione è congiunta inscindibilmente alla ristrutturazione dell’abitazione. Il bonus potrà essere richiesto solamente avendo effettuato lavori nell’immobile nel corso dell’anno precedente la richiesta, come:

  • opere della muratura;
  • lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria.

I cambiamenti previsti per l’anno nuovo

Il Bonus Mobili rimarrà in vigore fino al 2024, sebbene andrà modificando alcuni sue caratteristiche. Il pacchetto più conveniente terminerà con la conclusione del 2022. Attualmente il sussidio offre un abbuono del 50% su una spesa che non superi i 10 mila euro. Questo equivale a dire un risparmio fino a 5 mila euro per ogni singola abitazione. Uno scenario roseo che durerà sino al prossimo 31 dicembre.

A partire dal principio del 2023, difatti, lo sgravio della metà della spesa sarà attuabile a un termine massimo diverso, cioè 5 mila euro. E di conseguenza lo sconto massimo equivarrà a 2.500 euro per ogni singola abitazione.

Le modifiche abbracceranno ogni investimento ammesso portato avanti nel 2023. Per gli importi di quest’anno si andrà computando lo sgravio sulla spesa che non abbia superato i 10 mila euro.

N.B.: sono garantite tutte quegli investimenti connessi alle spese effettuate per mobilio oppure per elettrodomestici dalla considerevole classe energetica.

Bonus mobili e ristrutturazione dell’unità immobiliare

Il beneficiare del Bonus Mobili è strettamente legato all’avvenuta esecuzione di lavori di ristrutturazione del complesso immobiliare:

  • interventi di ristrutturazione edilizia, di restauro e risanamento conservativo;
  • riedificazione a seguito di un episodio di natura calamitosa.

Nel complesso, il Bonus sarà dispensato simmetricamente a un qualsivoglia sussidio per l’abitazione, si pensi al Bonus facciate, al Superbonus 110% o al Sismabonus.

Si potrà usufruire del sostegno anche senza aver effettuato una ristrutturazione. Basterà aver compiuto: lavori di abituale manutenzione (verniciatura delle pareti, rimpiazzo dei pavimenti, riparazione di portoni e grondaie…) e lavori di manutenzione eccezionale (avvicendamento infissi, sostituzione caldaia, montaggio di un ascensore…).

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *