Novità Bonus mobili, ritoccato il tetto di spesa: la sorpresa di Natale

Il saliscendi del bonus mobili nel 2022 crea grossa confusione, sembra che finalmente ci sia un accordo e il tetto di spesa ritorna a 10.000 euro. 

Rottamazione a rate: niente paura se non si trovano i bollettini, si può fare così
Rottamazione a rate: niente paura se non si trovano i bollettini, si può fare così

Continuano i cambiamenti dei bonus casa, tra cui il bonus mobili che inizialmente prevedeva dal 2022 il tetto di spesa ridotto a 5mila euro, ma le ultime notizie riportano che tale limite è stato rideterminato in 10mila euro.

Novità Bonus mobili ritoccato il tetto di spesa da 5mila passa a 10mila euro

Nei giorni scorsi, le notizie riportavano che il bonus mobili sarebbe stato prorogato ma con un abbattimento pazzesco, infatti, il tetto di spesa da 16.000 euro fino al 31 dicembre 2021, era ridotto dal 2022 a 5.000 euro. Quindi, il bonus effettivo era di 2.500 euro. Dopo un lungo dibattimento, la maggioranza ha trovato l’intesa, si attende solo il via libera dal ministero dell’Economia. Il bonus mobili sarà prorogato tutto il 2022 e il tetto di spesa sarà di 10.000 euro, quindi, con una detrazione massima di 5.000 euro.  Sempre che non subisca un’ulteriore modifica. Dalle indiscrezioni potrebbe arrivare un Fondo di circa 150 milioni per rafforzare le misure nel 2022, anche considerando il protrarsi della pandemia nel 2022.

LEGGI ANCHE>>>Bonus mobili nel 2022 confermato con una riduzione pazzesca: si potrà pagare con carta?

Legge di Bilancio: continui rinvii e indecisione sulla manovra fiscale

Purtroppo la Legge di Bilancio 2022 è soggetta a continui rinvii. Infatti, la presentazione sulla manovra fiscale del Governo è slittata ad oggi, per ulteriori ritocchi sugli interventi Superbonus 110% con una proroga fino al 2023 e nei successivi anni. Il dibattito è ancora aperto e il punto spinoso della manovra fiscale, riguarda la proroga delle cartelle esattoriali, con la rottamazione ter e saldo e stralcio. La proroga è chiesta a gran voce dal centro destra, ma sembra non trovare accordi da parte del Governo. Pugno di ferro anche da parte del Pd che annuncia di dover andare avanti e soffermarci sulla ripresa economica dell’Italia. Rottamazione a rate: niente paura se non si trovano i bollettini, si può fare così

Intanto, tensione anche sulla manovra sul caro bollette e i fondi a tutela delle famiglie, intanto, passa un emendamento che fa slittare la fine del mercato unico al 31 dicembre 2023. Verso un’intesa l’abolizione del tetto ISEE di 25.000 euro inserito sul Superbonus per le case unifamiliari e una proroga ampia fino al 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *