Rocco Commisso, l’imprenditore USA di nuovo in Italia per acquistare la Fiorentina

Rocco Commisso è nato a Reggio Calabria nel 1949:  ha avuto grande successo negli Stati Uniti ed è attualmente il presidente della Fiorentina. Commisso è un esempio di quello che poteva essere il sogno dell’italiano che emigrava Oltreoceano.

Rocco Commisso

Gli Stati Uniti primo tra tutte le nazione un tempo mito di lavoro, ricchezza e possibilità di fare carriera partendo da zero, sono stati per Commisso l’inizio della svolta imprenditoriale.

Commisso è arrivato appena dodicenne negli Stati Uniti con la famiglia che seguendo la volontà del padre, falegname, decise li di cercare migliore fortuna. Senza sapere una parola d’inglese conclude il ciclo scolastico fino agli studi universitari, laureandosi in ingegneria gestionale alla Columbia University. La riconoscenza verso il Paese è tale che l’Università nel 2013 in virtù delle eccezionali donazioni gli ha intitolato il proprio stadio di calcio.

Diventato nuovamente popolare oggi dopo l’acquisto della Fiorentina, rimane un grande appassionato di calcio. Firenze è nel mondo la città forse più rappresentativa dell’Italia e delle sue bellezze artistiche e culturali. Ma l’imprenditore non è certo diventato celebre grazie alla sua passione sportiva. Nel 1975 ha 25 anni e mentre si laurea inizia a lavorare alla Pfizer Pharmaceutical, l’esperienza gli darà modo di mettere assieme un piccolo capitale e puntare tutto su quella che è la sua prima attività imprenditoriale. Decide infatti di fondare la prima discoteca italo americana negli Stati Uniti.

L’ingresso nel mondo del business di Rocco Commisso

Il locale si chiama Act III e nel giro di pochi mesi diventa il ritrovo per eccellenza degli italiani che vivono a New York. L’avventura dura solo fino al 1981 quando Commisso capisce che quell’impresa non potrà durare troppo a lungo. Prevedendo con anticipo le tendenze e i mutamenti rapidi del settore intraprende la carriera nel settore bancario. Lavora per Chase Manhattan Bank che confluirà nel 2000 in JP Morgan, e per Bank of Canada. Il settore gli darà lo spunto decisivo per intraprendere una strada originale frutto delle sue convinzioni e aspirazioni. Entra in contatto per caso con un proggetto che si rivolge alla Chase Manhattan Bank per un finanziamento, è un’azienda di telecomunicazioni di nome Comcast. Oggi è un leader del settore proprietaria di Sky, ma Rocco capisce già ai tempi che si tratta di un ottimo spunto per fare impresa.

Nel 1986 decide di dare una svolta alla sua carriera e lasciare il settore per entrare in Cablevision. Qui e lavora con impegno e apprende quanto più possibile al fine di fondare un’azienda nello stesso settore. Lavora per nove anni fino alla carica di direttore finanziario.

LEGGI ANCHE>>Dal cinema al pallone, come è cambiato il core business di Aurelio De Laurentis

La fondazione di Mediacom

Nel 1995 Rocco Commisso fonda Mediacom Communications Corporation. L’azienda è di telecomunicazioni statunitense è oggi una realtà che produce e distribuisce servizi di televisione via cavo, internet e piani tariffari telefonici. L’azienda nel 2019 è la quinta realtà più importante negli USA del settore. Ha circa 4500 impiegati e 1 milione e mezzo di clienti negli Stati Uniti. Con un patrimonio stimato in circa 7,6 miliardi di dollari, l’imprenditore italo americano è riuscito fin da subito a fare della sua impresa un’azienda remunerativa. Anno per anno Mediacom chiude in attivo i bilanci, riuscendo ad approfittare dei nuovi regolamenti federali. Entrati in vigore negli anni del suo ingresso nel mercato, sono tali da sconvolgere gli assetti finanziari delle aziende più piccole che si rivelano impreparate.

In questo modo riesce ad approfittare della svendita di asset acquistandoli per prezzi molto economici. L’investimento iniziale riesce così a essere compensato e nel 2000 Mediacom è quotata in borsa dando l’avvio alla sua rapida ascesa. Oggi Rocco Commisso è Sposato e padre di due figli, Commisso vive a Saddle River, nel New Jersey.

La Fiorentina e l’attività imprenditoriale di Rocco Commisso nel mondo del calcio

Tra le altre attività imprenditoriali c’è naturalmente il calcio. La Fiorentina è stata acquistata nel 2019 per un investimento stimato tra i 150 e i 170 milioni di dollari. Oltre a questo Commisso ha avviato la costruzione di un area che in cui sorgerà il nuovo centro sportivo della Fiorentina. I’area Denominata Viola Park, si trova nel comune di Bagno a Ripoli ed è una struttura dall’ampiezza di 22 ettari con dieci campi di allenamento e due stadi. In queste strutture rispettivamente della capcità di 3.000 e di 1500 posti, giocheranno le squadre primavera e femminile e le giovanili. Vi sono inoltre nonché un padiglione eventi da 400 posti, per un investimento totale tra i 80 e 85 milioni di euro.

Precedentemente Rocco Commisso aveva già avuto simili esperienze. A partire dal 2017 è infatti azionista di maggioranza e presidente della New York Cosmos. A partire dal 1971  il club ha vinto otto campionati e ha portato negli USA alcune tra le maggiori star del calcio internazionale.