Reddito di cittadinanza e il ritardo nei pagamenti dell’assegno unico, ecco cosa sta succedendo

Cerchiamo di capire quali sono i motivi relativi al caso dell’assegno unico su Rdc che, a quanto pare, non è stato pagato ad agosto.

L’assegno unico indirizzato ai percettori del reddito di cittadinanza è stato erogato negli ultimi giorni del mese di agosto. Tuttavia, a quanto pare, alcuni aventi diritto non hanno ricevuto l’assegno. Cerchiamo di capire quali sono i motivi che si celano dietro questo disguido tecnico.

Il caso dell'assegno unico su Rdc
Adobe stock

Istituto previdenziale, lo scorso 29 agosto 2022, ha elaborato diversi pagamenti relativi all’assegno unico indirizzato ai percettori di reddito di cittadinanza. Tale erogazione faceva riferimento al mese di luglio ed era rivolto a coloro che hanno effettuato domanda.

In realtà, le erogazioni di fine agosto riguardavano anche gli arretrati per coloro che avevano compilato il modulo Rdc Com Au.

Per questioni tecniche, alcuni assegni unici su Rdc potrebbero essere versati nei primi giorni di settembre.

Ma ci sono alcuni soggetti che non hanno ancora ricevuto l’importo e desiderano sapere quali sono i motivi del ritardo.

Il caso dell’assegno unico su Rdc: i ritardi di agosto

Per controllare dei dati relativi al pagamento del proprio assegno unico è possibile consultare il fascicolo previdenziale del cittadino. Il servizio è offerto gratuitamente dall’istituto previdenziale ed è disponibile sul portale dell’INPS. Gli interessati devono accedere all’area riservata tramite credenziali digitali come SPID, CIE o CNS.

Tra il 29 agosto e il 31 agosto 2022 sono stati erogati diversi assegni unici indirizzati ai percettori di Rdc. I soggetti interessati erano coloro che hanno fatto domanda dell’assegno unico relativo al mese di luglio. Ma le erogazioni erano previste anche per coloro che attendevano gli arretrati dell’assegno unico.

Quest’ultima categoria di cittadini potrebbe ricevere i pagamenti anche nei primi giorni di settembre. In ogni caso, ricordiamo che gli arretrati sono rivolti a tutte quelle famiglie che hanno fatto domanda a partire dal settimo mese di gravidanza e a quelle che hanno compilato il modulo Rdc com Au.

Nel corso del mese di agosto 2022 sono stati versati numerosi sussidi da parte dell’INPS. Tuttavia, non sono mancati ritardi e problemi tecnici di diversi tipo.

I motivi

I motivi per i quali un percettore di reddito di cittadinanza, pur avendone diritto, non ha ricevuto l’assegno unico potrebbero essere i seguenti:

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
  • Agosto coincideva con il mese di stop e l’interessato non ha presentato la domanda per l’assegno unico. I percettori di Rdc, al termine di 18 mensilità, devono presentare nuovamente domanda entro l’ultimo mese precedente allo stop. Per effettuare la domanda era necessario accedere al sito INPS, entro il 31 luglio 2022, e inoltrare l’istanza per ricevere il contributo economico di agosto.
  • Il percettore rientra nella categoria di coloro che hanno compilato il modulo Rdc com Au e sono in attesa degli arretrati. Come spesso l’INPS ha chiarito, il sistema automatizzato impiega molto tempo ad accettare di elaborare le nuove informazioni che sono integrate tramite il suddetto modulo. Per questo motivo, può accadere che non si riceva l’importo entro la data prevista o che percettore riceva un importo inferiore rispetto a quelli a cui ha diritto.
  • Il percettore di Rdc fa parte di un nucleo familiare in cui è presente un unico genitore oppure rientra nelle categorie a cui spettano le maggiorazioni dell’assegno unico. In tal caso, il Cittadino interessato è tenuto a compilare il modulo Rdc com Au per integrare i dati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *