Aumenti dei prezzi? Ecco come chiedere la sospensione del Mutuo, bastano 3 step

Stiamo vivendo un momento economico difficile, e può venire da chiedersi se e come chiedere la sospensione del Mutuo. Ecco i consigli dell’ABI.

L’ABI è l’Associazione Bancaria Italiana e ha realizzato una guida online per aiutare i cittadini a conoscere le norme e le possibilità inerenti alla sospensione del mutuo.

come chiedere la sospensione del Mutuo
Adobe Stock

Contrarre un mutuo per comprare la casa è un impegno finanziario molto importante. Soprattutto, vista la probabile lunga durata nel tempo, è anche colmo di incognite. L’incubo di chi prende un mutuo, infatti, è quello di non riuscire a pagarlo, e di vedersi sottrarre la casa.

Gli italiani amano da sempre “investire nel mattone” e per il Governo italiano tutte le tasse derivanti dalle proprietà portano alti introiti. Purtroppo però in questo momento storico gli italiani si trovano in grande difficoltà. Finito il lockdown e la pandemia, cittadini e imprese speravano in una sorta di “rinascita”, sia emotiva che economica.

Invece tutto sta andando a rotoli. La crisi energetica, la guerra, gli aumenti dei prezzi e l’inflazione rischiano di distruggere il sogno di tanti. Che poi, in fondo, è “semplicemente” quello di lavorare, comprarsi una casa e garantire un futuro sereno ai figli. Mentre attendiamo che qualche problema si risolva, e che i partiti politici che ci governeranno sappiano tutelare i nostri interessi, facciamo i conti. E se i soldi per il mutuo non bastano più, dobbiamo prendere provvedimenti.

Per fortuna esistono delle formule a tutela di chi contrae un finanziamento per acquistare la casa. Tra queste la possibilità di chiedere una sospensione temporanea del pagamento delle rate. Occorre, però, rientrare in determinati requisiti. Ecco quali sono.

Come chiedere la sospensione del Mutuo, bastano 3 step

Se vogliamo “tirare un sospiro di sollievo” e sospendere momentaneamente il pagamento del mutuo, dobbiamo compiere tre passaggi. Innanzitutto verificare se il finanziamento che abbiamo contratto con la nostra Banca risponde ai requisiti. Infatti possono chiedere la sospensione coloro che:

  1. Abbiano stipulato un mutuo per un’abitazione principale (quindi non seconda casa); che il  fabbricato sia classificato come non di lusso; che l’importo totale del mutuo non superi i 220 mila Euro. Fino al 31 dicembre 2022 questa cifra arriva a 400 mila Euro
  2. Il mutuo deve essere in atto da almeno un anno e non deve essere coperto da alcuna garanzia (assicurazione sul mancato pagamento o agevolazioni pubbliche)
  3. Accedono alla richiesta di sospensione anche i mutui con rate pagate in ritardo; ma solo se il mancato pagamento non ha superato 90 giorni alla data di presentazione della domanda. Inoltre l’immobile non deve essere oggetto di procedimenti esecutivi

Dunque se un richiedente rientra in queste casistiche può inoltrare la domanda alla propria banca. Inoltre sono considerati validi i seguenti requisiti per poter chiedere la sospensione. “morte, riconoscimento di handicap grave o invalidità civile non inferiore all’80 per cento”.

Oppure in caso di perdita del posto di lavoro, previa presentazione della documentazione che attesta la disoccupazione in atto. Anche chi è stato sospeso dal lavoro da più di 1 mese può fare la richiesta di sospensione del mutuo. Infine, anche nel caso che il lavoratore intestatario del mutuo abbia subito una riduzione delle ore lavorative da almeno 1 mese.

Chi può presentare documentazione delle suddette condizioni può inoltrare la domanda. A seconda del complesso di dati valutati dall’istituto bancario si possono manifestare i seguenti casi:

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
  1. Se la richiesta proviene da chi è stato licenziato/sospeso dal lavoro, il mutuo può essere “bloccato” per 6 mesi se “la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro ha una durata compresa tra 30 e 150 giorni”
  2. Di 12 mesi se le condizioni sopra citate vanno dai 151 a 302 giorni
  3. 18 mesi se le condizioni di cui sopra superano i 303 giorni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *