Condizionatore d’aria, ci sono agevolazioni per i titolari di Legge 104? Il Fisco risponde

Con l’arrivo del caldo, in molti si chiedono se esistano o meno agevolazioni per i titolari di Legge 104 circa l’acquisto di un condizionatore d’aria? Ecco cosa dice il Fisco in merito e tutto quello che c’è da sapere sull’argomento. 

Quest’anno l’arrivo del caldo è stato davvero precoce e inaspettato: le temperature sono davvero torride e in molti hanno già provveduto a rinfrescare le proprie abitazioni. Nelle ore più calde della giornata, infatti, è impossibile non accendere il ventilatore o il condizionatore d’aria per provare ad affrontare al meglio le temperature.

Costi condizionatore

In merito, sono in molti coloro che si chiedono se i titolari di Legge 104 possano o meno usufruire di agevolazioni per l’acquisto di questi dispositivi. Ecco nel dettaglio tutto quello che c’è da sapere e cosa dice il Fisco in merito: non immagineresti mai la risposta.

Legge 104 e condizionatore d’aria: ci sono agevolazioni per l’acquisto? Ecco cosa dice il Fisco

I titolari di Legge 104 possono usufruire dell’Iva agevolata al 4% per l’acquisto di numerosi dispositivi tecnici che ne migliorino quotidianamente la qualità della vita. Nel dettaglio, il decreto del Ministero delle Finanze del 14 marzo 1998 ha fissato i criteri per l’individuazione di tali dispositivi da pagare a tariffe molto agevolate.

All’art.2 del decreto, infatti, si può leggere: “Si considerano sussidi tecnici ed informatici rivolti a facilitare l’autosufficienza e l’integrazione dei soggetti portatori di handicap le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, appositamente fabbricati o di comune reperibilità, preposti ad assistere la riabilitazione, o a facilitare la comunicazione interpersonale, l’elaborazione scritta o grafica, il controllo dell’ambiente e l’accesso alla informazione e alla cultura in quei soggetti per i quali tali funzioni sono impedite o limitate da menomazioni di natura motoria, visiva, uditiva o del linguaggio“.

Nel dettaglio, per quanto riguarda la parte inerente al controllo dell’ambiente si intendono quegli strumenti che consentano al disabile il superamento degli impedimenti derivanti dal proprio handicap od il parziale recupero di migliori capacità motorie, uditive, visive o di linguaggio.

La risposta dell’Agenzia delle Entrate che chiarisce il dubbio

Il dubbio è stato chiarito da una Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate e, in particolare, dalla Risoluzione n.57 del 3 maggio 2005. I condizionatori d’aria, per quanto utili al miglioramento delle condizioni di vita, specie in estate, non sono ritenuti essere dal Fisco al pari di sussidi tecnici e informatici. 

Tale impossibilità, inoltre, è stata specificata anche dal Ministero della Salute. Non è, dunque, possibile usufruire delle agevolazioni fiscali spettanti ai titolari di Legge 104 per l’acquisto di tali dispositivi. “I condizionatori d’aria, non rientrano negli ausili che aiutano il recupero e l’autonomia funzionale di un soggetto disabile”, si può leggere in un apposito comunicato del Ministero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *