Detrazione spese funebri: spetta anche in questi casi ma in pochi lo sanno

I contribuenti possono ottenere il rimborso di una parte della spesa attraverso la detrazione fiscale, anche per le spese funebri, verifichiamo come.

Detrazione spese funebri: spetta anche in questi casi
Detrazione spese funebri: spetta anche in questi casi

I requisiti richiesti per detrarre le spese funebri sono cambiati da qualche tempo. La detrazione  è normata dal Dpr n. 917 dell’anno 1986, all’articolo 15, comma 1, lettera d. In quest’articolo rispondiamo ad un Lettore che si è rivolto agli Esperti di Trading.it per chiarimenti sulla norma. Nello specifico, il Lettore chiede se può detrarre nel 730 le spese funebri sostenute per un cugino. Verifichiamo cosa prevede la normativa per il grado di parentela e chi ha il diritto alla detrazione delle spese.

Detrazione spese funebri: spetta anche in questi casi ma in pochi lo sanno

La detrazione delle spese funebri è pari al 19% e può inserirla nella dichiarazione dei redditi annuale, la persona che ha sostenuta la spesa, a prescindere che abbia o meno un vincolo di parentela con la persona deceduta.

La detrazione spettante ha un limite di spesa massimo di 1.500 euro per ogni persona deceduta. La condizione indispensabile per detrarre la spesa è che deve essere effettuata con bonifico bancario o postale. Oppure, altro sistema tracciabile.

LEGGI ANCHE>>>Pensione di reversibilità: da oggi l’INPS invia un SMS al coniuge, cosa c’è scritto

Ricordiamo che la spesa sostenuta è dimostrabile tramite l’annotazione di colui che ha sostenuta la spesa, in fattura. Oppure, tramite la prova cartacea del pagamento effettuato, ad esempio estratto conto o ricevuta della carta di credito o debito.

Inoltre, bisogna ricordare che dal 2020 la detrazione per alcune spese è più conveniente, in quanto spetta per intero. Le spese sono  elencate nell’articolo 15 in vigore dal primo gennaio 2021,  se il reddito anno complessivo sono suora i 120.000 euro. Infine, per chi possiede redditi superiore a tale limite, la detrazione decresce fino ad arrivare a zero quando il reddito complessivo annuo ammonta a 240.000 euro. Detrazione spese sportive per ogni figlio: a quanto ammonta, attenzione alla ripartizione

Quindi, in risposta al nostro Lettore, se ha sostenuto le spese per il cugino e ha pagato con mezzi tracciabili può detrarre la spesa direttamente nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno in cui ha effettuato il pagamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *