È meglio investire in un’unica soluzione o con cifre costanti nel tempo?

Il grandissimo segnale di forza che il mercato azionario ha mostrato negli ultimi mesi ha generato interesse e aspettative positive per l’andamento dei mercati finanziari nei prossimi anni. 

Dadi e investimenti

Il recupero, avvenuto con variazioni che hanno segnato dal 15 al 50% in meno di sei mesi, hanno dato l’avvio a un nuovo ciclo economico, che si spera possa durare avvantaggiando coloro che decideranno di investire. Se si sta prospettando un futuro finanziario che seguirà l’ascesa di una nuova stagione politica per l’Europa, l’economia può intrecciare i suoi fattori di crescita con quelli che saranno i settori trainanti del futuro. Si apre ora un periodo estivo storicamente volatile per i mercati finanziari. Negli ultimi dieci anni il mese di agosto è correlato alle prese di profitto determinate, similmente a quello che avviene nel periodo che precede il Natale, da una pausa lavorativa che avviene simultaneamente a livello internazionale.

Investire 10.000 a partire da questo periodo più consentire di acquistare gli asset di tuo interesse a prezzi particolarmente scontati, a tutto beneficio del timing di ingresso. La giusta base per pianificare il tuo investimento comincia dall’immaginare la messa a frutto dei tuoi risparmi in un arco temporale di lungo periodo, questo permette di moderare l’esposizione al rischio, traendo tutte le opportunità che si presentano senza necessariamente dover esporsi in relazione a singoli eventi di mercato.

Una solida disciplina nel rimanere investito consentirà la maturazione degli interessi che reinvestiti incrementano notevolmente il capitale finale. A questo proposito ci sono degli accorgimenti che è bene adottare per selezionare gli asset sui quali investire.

Asset allocation e durata dell’investimento

Prima di impostare l’asset allocation in relazione a quelli che saranno i settori in grado di trainare l’economia, bisogna considerare l’orizzonte temporale che segnerà la durata dell’investimento. Tendenzialmente dal punto di vista statistico più l’orizzonte temporale è lungo maggiore è la possibilità di chiudere in profitto il proprio investimento. Riuscire a sfruttare la volatilità dei mercati finanziari riuscendo al contempo a contenerne i rischi, dà la possibilità di incluedere nel portafoglio asset molto remunerativi anche nel breve termine.

Se vuoi investire 10.000 euro con un rendimento costante nel tempo, pianificarlo in questo modo ti consente eventualmente di compensare i mutamenti che avverranno nel corso del tempo, in base alle nuove condizioni di mercato. Vendendo per esempio asset che si rivelano poco performanti e valutando sempre le potenzialità all’interno di un arco temporale, che può andare da un minimo di 5 a fino a 10 o 15 anni. 10.000 euro non potranno farti diventare ricco, ma ti consentiranno sicuramente di avvantaggiarti economicamente, soprattutto se saprai considerare durante tutto l’arco temporale i cambiamenti del contesto economico e finanziario.

È meglio investire in un’unica soluzione o con piccole cifre costanti nel tempo?

Avendo un capitale limitato a 10.000 euro la soluzione ideale sarebbe trovare, anche per mezzo dell’aiuto di un esperto come un gestore patrimoniale, il momento corretto di ingresso a mercato, nonché la giusta diversificazione, che tuttavia può essere trovata investendo in strumenti già predisposti come i fondi comuni di investimento, gli ETF o i PAC, acronimo di piano di accumulo capitale. Questi strumenti permettono di investire il capitale in un’unica soluzione e incrementare il rendimento continuando a finanziarlo con piccole cifre periodiche e in modo costante, fino alla fine dell’arco temporale, finalizzato a sfruttare al meglio la crescita tendenziale dei mercati finanziari nel tempo.

Diversificare i propri investimenti, scegliendo sistemi di gestione basati su un processo graduale di accumulo del capitale, è importante se si vogliono ottenere ottimi rendimenti senza alcuna conoscenza dei mercati finanziari.

Quali sono i settori in cui è meglio investire un capitale di 10.000 euro?

Innanzitutto bisogna considerare gli enormi cambiamenti nella percezione del valore di alcuni comparti che si rivelano oggi strategici, la farmaceutica e soprattutto le biotecnologie. Proprio come il settore delle energie rinnovabili sarà in grado di accompagnare lo sviluppo industriale ed economico dei prossimi 10 anni, così il settore sanitario affiancherà la messa in sicurezza della salute della popolazione mondiale, completamente esposta senza la ricerca medica e farmaceutica, agli effetti economici e sociali tenuta economica e sociale degli Stati a livello internazionale. A questo proposito l’industria dell’intrattenimento è stata quella che, nel settore tecnologico, insieme ai veicoli elettrici, ha dato le maggiori prospettive di crescita sul lungo periodo. Nuove opportunità stanno per ripresentarsi data la fine delle restrizioni e delle chiusure e sulle quotazioni vi potranno essere prezzi scontati vista la stagione relativamente ai grandi nomi del comparto come Netflix, Disney ma anche Amazon con Prime Video, che potranno in futuro ottenere alti rendimenti data l’evoluzione incerta della crisi sanitaria.

Le grandi società tecnologiche come Microsoft e Amazon, a sconto dopo il crollo di questi giorni del 7,5% per aver mancato le aspettative di profitto dell’ultimo trimestre, possono fare la differenza dato l’utilizzo nel settore impiegatizio e dei liberi professionisti dei servizi in abbonamento delle due aziende, Office e Azure, per lavorare in remoto. Lo smart working e le modalità ibride di lavoro potranno amplificare la domanda sul breve medio termine. I modelli di business che potranno rivelarsi remunerativi su un arco temporale compreso tra i cinque e i dieci anni comprendono naturalmente tutti gli investimenti considerati nell’insieme degli ESG acronimo di Responsible Investing Indicator Model, che comprendono tutti quegli investimenti inclusivi del rispetto delle politiche di salvaguardia ambientale.

La pandemia ha anticipato e offerto ai governi la possibilità di diffondere con iniziative politiche e legislative le tendenze legate alla sostenibilità e l’ecologia, che già da diversi anni facevano pressione al fine di concertare a livello globale politiche in grado di pianificare una soluzione per risolvere il problema del riscaldamento globale. L’ESG è una parte permanente di questo nuovo sistema. Le società dovranno pensare attentamente alla loro politica industriale per assicurare ai propri modelli di business la profittabilità sul lungo periodo. In questo senso è consigliato investire su aziende che aiutano le filiere produttive a diventare ecologiche, per esempio aziende che offrono servizi di imballaggio ecologici e sostenibili dei prodotti, nonché naturalmente le aziende che producono sistemi di generazione o stoccaggio delle energie rinnovabili.

Investire in un’ottica di protezione del capitale

In un’ottica di protezione del capitale dalle eventuali oscillazioni del settore produttivo europeo e degli Stati Uniti è possibile investire una parte del capitale dedicandole a Forex, su valute come Dollaro USA e Renmimbi cinese. Pechino rappresenta oggi giorno una realtà economica impossibile da ignorare e in grado di influenzare nettamente lo scenario internazionale. Il comparto azionario asiatico è comunque difficile da considerare come un investimento sul lungo periodo, date le notevoli incertezze e le evoluzioni della politica interna del partito comunista cinese, nonché della guerra commerciale ancora in corso contro gli Stati Uniti.

Segnali diffusi di solidità arrivano anche dal comparto dei metalli non ferrosi, come il bronzo, l’alluminio e il rame, che non sembrano risentire degli effetti negativi del mercato azionario né dei fermi produttivi asiatici. Il comparto industriale nei quali vengono utilizzati è solo una parte dell’indotto che può accrescere il valore di questi metalli, un’altra parte della liquidità che vi si riversa è data sul breve periodo dalle preoccupazioni per le spinte inflazionistiche e sul medio lungo termine dalla valenza di bene rifugio. Il rame in particolar modo ha delle ottime prospettive di crescita dato il suo valore d’uso sempre maggiore, vista la crescita della domanda per i componenti elettronici, che abbisognano di componenti in rame. Il suo valore aumenta dagli inizi di marzo, quando è arrivato ai 9 dollari al kg, in parte a causa dei lockdown, in parte a causa del rinnovamento ecologico. Il metallo rosso è utilizzato ad esempio nella componentistica di base delle auto elettriche, nonché per le turbine delle pale eoliche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *