Esenzioni ticket sanitario, come ottenerle: requisiti reddito e dettagli

Questione esenzioni ticket sanitario 2022: come fare per ottenerli, quali i requisiti di reddito e i dettagli circa il nuovo anno

La Regione Emilia Romagna fa sapere che da quest’anno le esenzioni dal pagamento del ticket sanitario per reddito e disoccupazione verrano rilasciate in automatico dalla Azienda sanitaria locale in base agli elenchi forniti dal Ministro dell’Economia e delle Finanze. I dettagli in merito.

Esenzioni ticket sanitario: come ottenerli, requisiti reddito e dettagli
banconote, sanità (fonte foto: Adobestock)

Esenzioni del ticket sanitario per reddito e disoccupazione saranno dunque rilasciati in via automatica dalla Azienda Sanitaria Locale, dunque, fa sapere l’Emilia Romagna, laddove queste esenzioni hanno iniziato ad essere registrate in via informativa già dal 2021.

Ad approfondire il punto è newsrimini.it che spiega che quella in quesitone non è la novità; un decreto ministeriale, si legge, ha messo un punto alle esenzioni con validità illimitata, e dal 2022 la durata delle esenzioni per reddito, disoccupazione nuclei familiari con almeno due figli a carico, sarà annuale, dal primo aprile al trentuno marzo dell’anno seguente.

Nella Regione dunque in via progressiva termineranno quelle con validità illimitata.

Mediante il Fascicolo sanitario elettronico, sin dalla seconda metà di marzo, vi sarà modo di controllare se vi sia stato il rilascio d’ufficio dall’Azienda sanitaria; qualora chi pensasse di averne diritto non fosse all’interno degli elenchi, avrà modo di presentare una autocertificazione mediante il Fse, le quali saranno controllate dall’Agenzia delle Entrate e sarà verificato che il reddito non vada oltre i limiti previsti ai fini del beneficio dell’esenzione.

Qualora emergesse una non conformità, il soggetto interessato avrà una comunicazione mediante Fascicolo con riportati anche eventuali ticket da restituire all’Azienda. Chi avesse già un’esenzione totale dal ticket per altre ragioni, spiega newsrimini.it, non dovrebbe preoccuparsi di fare richiesta di esenzione per reddito, poiché al di là di tutto non sarebbe tenuto a nessuno pagamento. Come nel caso delle persone invalide.

Tessera sanitaria, mai più lunghe code: ecco la procedura online

Esenzioni ticket, come presentare l’autocertificazione

Come presentare l’autocertificazione ticket sanitario? Si tratta, si legge su newsrimini.it, di un’operazione facile giacché molti dei dati in questione sono già compilati in via automatica. Oltre ad essere controllati, ad essere richiesti, in modo guidato, sono solo le info legate al tipo di esenzione, con tempi ridotti circa comunicazione di eventuali incongruenze.

Il soggetto che non è ancora in possesso delle credenziali per avere accesso al proprio Fse, avrà modo di presentazione un’ultima autocertificazione cartacea agli sporteli delle Ausl, e avrà le credenziali SPID per avere poi accesso in modo autonomo ai rinnovi successivi. Qui, info da consultare.

Spese sanitarie, ci sono dei contributi a fondo perduto: ecco chi può fare domanda

Esenzioni ticket sanitario, requisiti reddito

L’esenzione del ticket e relativo diritto sono riconosciuti secondo reddito percepito l’anno prima, così come la condizione del nucleo familiare.

Per quanto concerne coloro che sono esenti dal pagamento dello stesso secondo reddito, riguarda i bambini minori di anni 6 che appartengono ad un nucleo familiare con reddito complessivo minore di euro 36.151,98 (Cod esenzione 01); cittadini maggiori di sessantacinque anni legati a reddito familiare con reddito complessivo minore di euro 36.151,98, esenzione personale (cod E01).

Poi riguarda disoccupati, ciò in precedenza occupati alle dipendenze e loro familiari a carico, che appartengono a nucleo familiare con reddito complessivo minore di euro 8.263,31, alzato fino a 11.362, 05 se con coniuge e di altri 516,46 per ciascuno figlio a carico. La disoccupazione deve risultare al momento attuale (cod E02). Poi, coloro che sono titolari di assegno (ex pensione) sociale e familiare a carico (cod E03) oppure titolati di pensione al minuto, con età maggiore di 60 anni e familiari a carico, che appartengono ad un nucleo familiare con un reddito complessivo minore di euro 8.263,31, fino a 11.362,05 se con coniuge a carico e altri 516,46 per ciascuno figlio a carico (Cod E04).

I lavoratori che sono stati colpiti da crisi e loro familiari a carico che in modo involontario hanno perso il lavoro, autonomo oppure alle dipendenze, dal primo ottobre 2008 e versano in condizione di disoccupazione secondo normativa vigente. Lavoratori che sono stati spesi da un rapporto lavorativo dipendente con intervento di trattamento di integrazione salariale secondo D. Lgs. 148/2015 o di CIG in deroga e il cui limite di reddito non supera quanto previsto dal medesimo D. Lgs, articolo 3 comma 5 lettera a, come rivalutato annualmente da INPS (Cod E99).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *