Fincantieri, il colosso del mare. La sua storia, i suoi numeri, gli stipendi che offre

Un vero e proprio gigante. Una di quelle aziende che esportano il grande made in Italy nel mondo. Fincantieri rappresenta una assoluta eccellenza nella costruzione di grandi navi.

Fincantieri rappresenta uno dei più importanti complessi cantieristici al mondo. Un leader tutto made in Italy a livello globale nella progettazione e costruzione di navi da crociera. E’ operatore di riferimento in tutti i settori della navalmeccanica ad alta tecnologia, dalle navi per la Difesa all’offshore e navi speciali, Dai ferry ad alto valore aggiunto ai mega-yacht, nonché nelle riparazioni e trasformazioni navali. E ancora nella produzione di sistemi e componenti per i settori meccanico ed elettrico, nelle soluzioni di arredamento navale, nei sistemi elettronici e software, nelle infrastrutture, nelle opere marittime e nell’offerta di servizi di supporto post vendita.

Un modello di businnes ad altissimo contenuto tecnologico

I manufatti sono contengono elevati contenuti a livello di personalizzazione e, spesso si tratta di prototipi con sistemi di tecnologia all’avanguardia e che quindi impongono un importante impegno in fase di progettazione, di approvvigionamento, di produzione, di pianificazione e di gestione delle commesse.

Fincantieri agisce come una sorta di integratore di sistema operando per lo più come prime/general contractor. Gestisce i progetti di realizzazione della navi nel loro insieme e se ne assume la responsabilità. Per ogni commessa sviluppa le attività di project management, di progettazione, di approvvigionamento e di produzione degli scafi. Questa grande azienda svolge per lo più un ruolo di integrazione e di coordinamento nell’ambito di una selezionata rete di fornitori altamente specializzati circa gli allestimenti impiantistici, il settore alberghiero e, per le unità militari, per quanto attiene al sistema di combattimento.

E’ stato messo in campo un business caratterizzato da un alto livello di flessibilità e d’integrazione dei fondamentali processi aziendali oltre che proporre delle soluzioni con tecnologia di avanguardia. Si è  scelta la strategia di make or buy per ogni fase dello sviluppo e della realizzazione delle commesse navali, questo per assicurare il controllo da parte del team delle maestranze principali e delle attività con un alto valore aggiunto. Sono state invece a esternalizzate, a fornitori qualificati, le attività non essenziali, seppure specialistiche, oppure quelle con un valore aggiunto minore.

Alcuni numeri del re dei quattro mari

Con più di 230 anni di storia e più di 7.000 navi costruite, questo gigante mantiene il proprio know-how e i centri direzionali in Italia, dove impiega 10.000 dipendenti e attiva circa 90.000 posti di lavoro, che raddoppiano su scala mondiale in virtù di una rete produttiva di 18 stabilimenti in quattro continenti e oltre 20.000 lavoratori diretti.

Nel primo semestre di quest’anno Fincantieri ha fatto registrare ricavi in aumento di oltre il 25 per cento pari 3.026 milioni vale a dire un +28 per cento rispetto allo stesso periodo del 2020.

Le date simbolo della storia di Fincantieri

Nel 1870 il 1° cantiere moderno del Belpaese dà il via alle attività a Castellamare di Stabia. Nel 1933 il Transatlantico Rex vinse il premio “Blue Riband” come veloce attraversata dell’Atlantico di una nave per passeggeri. Nel 1959 viene creata Fincantieri, vale a dire la società finanziaria deputata al controllo dei maggiori cantieri italiani. Nel 1984 venne trasformata in una società operativa.

La crescita negli anni ’90 e 2000

Negli anni ’90 l’impresa entra nel settore delle navi da crociera e ne consegna la 1, la Crown Princess, al Gruppo Carnival. Nel 1992 il Destriero fissa il record, fino a oggi ancora imbattuto, per la più rapida traversata dell’Oceano Atlantico senza fare rifornimento. Dal 1993 fino al 2001 Fincantieri si concentra nel progettare la produzione di prodotti ad altissimo valore aggiunto, come le navi da crociera, i traghetti e le navi ad uso militare. In quel lasso di tempo viene effettuata la consegna di venti navi da crociera, di sedici traghetti, diciotto navi militari di cui tredici commissionate dalla Marina Militare Italiana. Nel 1998 la società conta 8 cantieri e opera tramite 2 divisioni: quella delle navi mercantili e e quelle delle navi militari.

Dal 2005 il gruppo implementa la strategia di crescita con la diversificazione del perimetro in 3 nuove aree affaristiche. La Mega Yachts, con la nascita della linea  “Fincantieri Yachts”, centrata nella progettazione e costruzione di navi di lusso di importanti dimensioni. Riparazioni e trasformazioni navali, con il potenziamento dell’attività di trasformazione e riconversione delle navi. Sistemi e componenti, che ha l’obiettivo è di implementare l’attività operando come un integratore di sistema per progettare e e costruire di soluzioni “chiavi in mano” offrendo prodotti a clienti che operano sia nel settore spaziale che in quello industriale.

Gli… sbarchi nella Borsa Italiana e nel mercato cinese

Dal 2008 al fino al 2013 il Gruppo opta per una strategia di maggiore diversificazione e internazionalizzazione con varie di acquisizioni e con la costituzione di società che agiscono a livello globale. Nel 2014 il Gruppo viene quotato alla Borsa italiana. Nasce la società Marine Interiors, che è specializzata nel progettare, nel fare refitting e consegnare cabine chiavi in mano. Nel 2015  sono create 2 nuove società: Fincantieri SI, che è attiva nel progettare, produrre e fornire sistemi innovativi integrati nel settore dell’impiantistica industriale elettronica, elettrica, elettromeccanica. Fincantieri trading Co,Ltd, che è una filiale in Cina, con sede a Shangai, che ha il compito di garantire la presenza del gruppo in questo mercato strategico.

LEGGI ANCHE>>Cybersicurezza: due aziende promettenti in cui investire

Come inviare il proprio curriculum e quanto guadagna un operaio

Gli interessati alle future assunzioni Fincantieri e alle opportunità di lavoro attive possono candidarsi visitando la pagina dedicata alle ricerche in corso del gruppo, FincantieriLavora con noi, e registrando il curriculum vitae nell’apposito form online. Gli stipendi medi mensili per operaio/a presso Fincantieri – Italia sono circa 1.100 euro, ovvero il 14 per cento al di sopra della media nazionale.

Fincantieri è stata premiata sia nel 2019 che nel 2020 come Most Actractive Employer da Universum, l’Azienda ideale sia per i giovani che si affacciano al mondo del lavoro sia per professional a manager che desiderano intraprendere una nuova sfida.   Nel 2019 Fincantieri si è classificata al primo posto tra le aziende del comparto Industrial Engineering and Manufacturing sia per gli studenti e i professional STEM. Nel 2020 Fincantieri ha confermato il primo posto nella classifica delle aziende del settore Manufacturing, Mechanical & Industrial Engineering per gli studenti STEM.