Forex trading: cos’è il PIP? Tutto quello che bisogna sapere

Il PIP ( Price Interst Point, punto di intersezione dei prezzi) è l’unità di misura che definisce il più piccolo scostamento che il prezzo può avere.

Valute

I pips nel Forex vanno a “misurare” i movimenti o gli spostamenti che una moneta ha rispetto a un’altra.  Spesso infatti possiamo avere uno scarto che coincide con la differenza tra le due valute che appartengono al solito cross.

Tutto ciò accade perché nel trading di Forex non si fanno operazioni su una singola valuta, ma su coppie di monete, ad esempio euro-dollaro. Quanto consideriamo il valore del dollaro in una determinata frazione temporale, lo valutiamo mediante il confronto con un’altra moneta, identificandone il tasso di cambio. Se considerassimo il valore dell’euro per esempio, senza confrontarlo, è chiaro che 1 euro vale 1 euro. Il tasso di conversione o tasso di cambio delle valute continua a variare perché deve esserci un incontro tra domanda e offerta. Quanto si è  disposti a pagare in euro per avere un dollaro? Ci sono parecchi fattori che vanno ad incidere sulle variazioni e modifiche che subisce una valuta rispetto all’altra, questi spostamenti (da 1,2 euro a 1,23 euro) sono rappresentati proprio dai cosiddetti pips.

Può essere d’aiuto un esempio per capire cosa si intende effettivamente per pip. Generalmente nel maggior numerdo dei casi il prezzo di una coppia di valute è indicato da 5 numeri, poniamo EUR/USD 1.2105. Se il prezzo andasse da 1.2105 a 1.2125 allora si potrà affermare che è aumentato di 20 pips. Nel caso delle coppie di valute a 5 numeri, il pip rappresenta la variazione che subisce la quarta cifra decimale. In definitiva, se un trader dovrà scegliere se effettuare o meno un trade su una coppia di valute, stando agli esempi sopra fatti andrà a considerare le oscillazioni dei pips individuate nel quarto numero, tra i momenti considerati.

LEGGI ANCHE >>Sterlina ai massimi storici, occasione per fare trading: ecco come

LEGGI ANCHE >>Forex: il mercato dei cambi e gli indicatori macroeconomici a cui fare attenzione

In che modo vengono calcolati guadagni e perdite?

Una volta compreso come si devono individuare i numeri per calcolare i pips, possiamo fare i dovuti calcoli.

  • abbiamo aperto un trade di 100.000 EUR/USD e si è generata una variazione di 30 pips;
  • L’ammontare in soldi che viene generato si calcola con la seguente operazione (100000 x 0.0030 = 300);
  • quindi avremo generato una variazione pari a 300$ di guadagno o perdita.

Questa è una modalità di calcolo semplice che non tiene conto delle commissioni applicate dal broker che potranno essere fisse, variabili o calcolate su base percentuale.

Perché è importante calcolare i pips?

Prima di effettuare  una qualsiasi operazione di trading, per decidere  se il rischio che si andrà aa sostenere porterà ad un utile soddisfacente, è necessario andare a calcolare i pips. In più andranno valutati anche i costi dell’operazione, soprattutto quando si parla di scalping, dove l’obbiettivo è guadagnare facendo molti trade e magari con piccole oscillazioni, di conseguenza  il peso delle commissioni può erodere il guadagno.

Poniamo il caso di un trade dove verrà chiusa l’operazione al raggiungimento di 5 pips di guadagno, ripetendo la stessa operazione per 15 volte per un guadagno di 75 euro. Se però ogni volta  ho sostenuto un costo di 2 pips, di fatto il guadagno è di soli 45 euro.

Prima di ogni investimento, quindi, è importante calcolare i pips perché in seconda istanza si deve riuscire a sostenere la fattibilità di queste scelte, soprattutto se si considera la leva finanziaria e il tipo di lotto su cui investire. Cosa fondamentale è calcolare sempre i potenziali profitti e le potenziali perdite rispetto al proprio capitale, prima di entrare in un’operazione.

I guadagni o le  perdite vanno sempre calcolate in pips e non in valuta, perché altrimenti potremmo essere tratti in inganno e fare scelte economicamente poco convenienti. Infatti , il guadagno di 100 euro su un micro lotto potrebbe sembrare ottimo, ma la stessa scelta non sarebbe per nulla conveniente se venisse ripetuta su 10 lotti. Utilizzando il pip, la dimensione dell’investimento è separata da valutazioni eccessive perché stiamo trattando di un’unità di misura neutra, valida per ogni coppia di valute che si vuol considerare. Certamente si dovrà rapportare il valore dell’investimento calcolandone  anche gli aspetti monetari e basterà moltiplicare il numero di pips per il loro valore. Cosi non sarà necessario fare una valutazione sulla base della misura del lotto che vogliamo considerare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *