Fotovoltaico, pannelli solari da balcone: sorpresa per le famiglie in difficoltà

Fotovoltaico da appartamento, da mettere sul balcone, per risparmiare sulla bolletta e aiutare l’ambiente: arriva l’iniziativa per le famiglie in difficoltà 

Tema fotovoltaico da appartamento, che messo sul bancone permette di risparmiare sulla bolletta e, al contempo, aiutare l’ambiente: arriva la campagna di crowfunding #UnPannelloInPiù, lanciata da Legambiente ed Enel X: di cosa si tratta e dettagli al riguardo.

Fotovoltaico, pannelli solari da balcone: iniziativa per le famiglie in difficoltà
fonte foto:adobestock

Si tratta di una iniziativa tesa a sostenere le famiglie in difficoltà, così da permettere loro di poter mettere sul proprio balcone il pannello e risparmiare energia. A spiegarlo nell’approfondimento è La Repubblica, e si legge che in Italia l’otto per cento delle famiglie non può permettersi un servizio di riscaldamento soddisfacente, e non ha la possibilità di accedere ai servizi energetici di base.

Stando ai dati dell’Osservatorio italiano sulla povertà energetica, circa 4milioni di famiglie italiane spendono più del dieci per cento del loro reddito ai fini del pagamento di servizi energetici di base. Gli aspetti recenti quali crisi energetica e caro bollette hanno reso ancor più complicato le cose.

Per quel che concerne la donazione, vien spiegato che sarà possibile farla sul sito di Legambiente e sarà aperta tanto a singoli donatori quanto ad imprese e associazioni; si tratta di una iniziativa la quale viene accompagnata da una campagna itinerante che dall’8 al 27 giugno farà la propria tappe in 9 città del Paese.

Nel dettaglio, si legge:

  • Napoli, 8 giugno;
  • Brindisi, 10 giugno;
  • Palermo, 13 giugno;
  • Roma, 15 giugno;
  • Cagliari, 18 giugno;
  • Firenze, 21 giugno;
  • Torino, 23 giugno;
  • Milano, 25 giugno;
  • Bologna, 27 giugno.

Al riguardo, diversi appuntamenti legati alla sensibilizzazione sugli strumenti che vi sono per la riduzione dei costi in bolletta, tra cui il ruolo del solare fotovoltaico nel coltrato alla povertà energetica, ma anche comunità energetiche, bonus sociali, sharing economy.

#UnPannelloInPiù, la campagna Legambiente e ENEL X: alcuni dettagli

C’è sempre grande attenzione sul tema rinnovabili, con tanti spunti che possono destare attenzione a vario livello, come nel caso dei bonus pannelli solari e eolico, come risparmiare e dunque pagare meno per l’installazione di impianti a casa.

Ma si pensi anche ad altri approfondimenti che possono interessare, come:

In merito al tema in oggetto, La Repubblica riporta le parole del presidente nazionale di Legambiente Ciafani, il quale spiega che mediante la campagna #UnPannelloInPiù che vede Legambiente accanto a Enel X, si intende offrire una risposta concreta al caro bollette e alle disuguaglianze sociali.

Questi spiega che di recente l’aumento delle utenze e il conflitto tra Russa e Ucraina hanno dato vita ad una grossa preoccupazione sopratutto in merito alle famiglie che non hanno un reddito elevato. Ciafani ha affermato che un contributo economico legato al pagamento di una bolletta sarebbe una “soluzione risolutiva nel breve termine”.

E per tale ragione, risulta essere fondamentale tanto “che il governo acceleri lo sviluppo delle fonti rinnovabili per sostituire le fossili, velocizzi l’autorizzazione di grandi impianti industriali e definisca delle regole per realizzare le comunità energetiche”, quanto, spiega il presidente nazionale di Legambiente “dare ai cittadini anche una soluzione di welfare strutturale con strumenti per l’autoproduzione da energie rinnovabili e in grado di portare benefici duraturi, sia dal punto di vista economico e sociale che di salvaguardia dell’ambiente”, andando a contrastare la povertà energica che ancor prima dell’arrivo della pandemia riguardava più di 2,2 milioni di famiglie in Italia.

La Repubblica riporta le parole del Responsabile Globale e-Home di Enel X, Scognamiglio, il quale afferma che Enel X è convinta che la sostenibilità può essere accessibile a tutti soltanto se ciascuno ha a disposizione gli studenti per poter essere protagonista della transizione energetica. Ciò vuole dire, spiega, anche l’estensione a più persone possibile circa la possibilità del godimento di benefici che derivano dalle azioni sostenibili.

Questi spiega che “Il pannello fotovoltaico da appartamento Plug&Play, rappresenta l’esempio perfetto di questa filosofia”, aggiungendo che l’iniziativa #UnPannelloInPiù nasce con tale spirito col medesimo principio del “caffè sospeso: anche un solo pannello in più può fare la differenza e ognuno di noi lo può donare dando un contributo per aiutare le famiglie in povertà energetica, facendo risparmiare loro fino al 25% l’anno in bolletta per i prossimi 20 anni.”

Il responsabile Globale e-Home di Enel X ha affermato che sono felici di poter supportare Legambiente in tale iniziativa solidale ed energetica, “donando anche i primi 50 pannelli e contiamo sull’apporto di tutte le persone per renderla un successo”.

Repubblica spiega che il fotovoltaico da appartamento, il quale si installa fuori da balcone o finestre, evita l’immissione in atmosfera di 145Kk di COl’anno, che equivalgono alla quantità di CO2 assorbita da dieci alberi all’incirca. Qualora soltanto il venti per cento degli appartamenti fosse dotato di un pannello fotovoltaico sul balcone o finestra, si andrebbe ad evitare l’immissione in atmosfera di più di seicento mila tonnellate di CO2 all’anno, pari a quella assorbita da una foresta con all’incirca trentacinque milioni di alberi.

Un’azione che contribuirebbe al risparmio di 225 milioni circa di metri cubi di gas importato dall’estero, e equivarrebbe a d installare 1,6 GW di nuova potenza fotovoltaica, più della metà dell’obiettivo inerente il Green Deal fissato per il 2022 in Italia.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *