Information Bias: come evitare il pericoloso nemico del tuo trading

Quando ci apprestiamo a fare attività di trading sui mercati finanziari, siamo costantemente sotto attacco da diversi fronti, sia interni che esterni: uno dei maggiori nemici del nostro capitale è proprio il cosiddetto information bias.

Quando ci sentiamo troppo sicuri delle informazioni che possiamo raccogliere dai nostri strumenti di analisi dei mercati finanziari, rischiamo di cadere vittime di diversi bias che possono alterare la nostra capacità di giudizio e influenzare negativamente l’esito delle nostre decisioni operative.

information bias investimenti trading
Adobe Stock

La prima arma sulla quale possiamo contare per difenderci da questi rischi, che giungano dall’interno come nel caso dell’information bias che andremo a trattare oggi, sia che giungano dal mondo esterno, il primo passo è certamente quello di conoscere il nostro nemico, come si muove, in che modo ci danneggia e, non per ultimo, come evitare di caderne vittime.

Vediamo quindi che cosa caratterizza l’information bias, quali danni può portare al nostro trading e ai nostri capitali e, una volta capito come individuarlo, cercare di ridurre al minimo il suo impatto sulle nostre attività a mercato.

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Che cos’è l’information bias

Il fenomeno noto come information bias si verifica quando le informazioni o i dati raccolti da una persona vengono misurati o registrati in modo errato, al punto da non rappresentare più correttamente la verità fondamentale. Questo bias può essere la conseguenza di un semplice errore nella raccolta dei dati o nell’elaborazione delle informazioni, può essere indotto da una distorsione intenzionale o può avere origine dall’inclinazione inconscia di un individuo a filtrare le informazioni per soddisfare le proprie esigenze o aderire a idee precedenti.

Il processo decisionale di un investitore può essere fortemente influenzato dall’information bias, che possono portare a scelte che vanno da investimenti non ideali a investimenti potenzialmente rischiosi. Ciò è dovuto al fatto che gli esseri umani sono naturalmente predisposti a una serie di pregiudizi, tra i quali il bias di conferma (che si verifica quando cerchiamo e diamo priorità alle informazioni che si adattano alle nostre nozioni preconcette, scartando le prove che le contraddicono) e il bias di ricorrenza (che si verifica quando alle informazioni più recenti e rilevanti viene attribuito un peso maggiore di quello che potrebbero avere in realtà).

Nell’era dei social media e della connessione costante, è più che mai fondamentale essere consapevoli dei molti tipi di informazioni che riceviamo e di come queste possano aiutare o ostacolare le decisioni di investimento e i risultati finanziari.

Illusioni informative e decisioni finanziarie

Nel decidere tra le diverse mosse da attuare sui mercati, gli investitori possono essere indotti in errore dalle information bias e finire per esprimere giudizi errati basati su dati imprecisi, oppure possono cercare e fare affidamento su informazioni non necessarie o eccessive. L’avvento dei social media ha reso più semplice che mai l’acquisizione di enormi volumi di informazioni da una varietà di fonti, il che ha fatto sì che l’information bias diventasse un problema sempre più importante.

Il processo decisionale di un investitore può essere gravemente influenzato dalla information bias. Per esempio, un individuo può attribuire un’importanza eccessiva a una singola notizia o a un tweet, trascurando il contesto più ampio del successo di una società o la performance del mercato nel suo complesso. Oppure, un investitore può cercare prove a sostegno di opinioni preesistenti su una particolare azienda o sul mercato nel suo complesso, ignorando o sminuendo il materiale che va contro tali ipotesi.

Il ruolo cruciale delle informazioni nel trading

È possibile che non tutte le informazioni utilizzate dagli investitori siano così essenziali per prendere decisioni di trading come sembrerebbe inizialmente. Le oscillazioni quotidiane dei prezzi delle azioni, ad esempio, sono spesso influenzate da variabili esterne come il sentiment generale del mercato. Questo sentimento può non rappresentare necessariamente le prospettive a lungo termine di una determinata azienda.

Analogamente, il successo di un’azienda in passato può non essere una previsione accurata della sua performance futura, dato che i contesti e le situazioni aziendali cambiano e si sviluppano nel tempo.

È stato dimostrato dalla ricerca che gli investitori possono migliorare le loro capacità decisionali concentrandosi sulle informazioni pertinenti ed evitando le information bias. Secondo uno studio condotto dagli economisti comportamentali Brad M. Barber e Terrance Odean, gli investitori retail che hanno operato meno frequentemente e hanno prestato meno attenzione alle notizie del mercato azionario hanno ottenuto rendimenti maggiori rispetto a quelli che hanno operato più frequentemente e hanno prestato maggiore attenzione alle notizie.

Quali sono le tre forme più comuni di information bias

Le persone commettono un bias cognitivo noto come recency bias, conosciuto anche come availability bias, quando presumono erroneamente che eventi recenti si ripeteranno presto. Questo bias cognitivo è stato scoperto nel campo dell’economia comportamentale. Le persone rifiutano le informazioni pertinenti che sono più vecchie o più difficili da raccogliere perché danno più peso alle informazioni più attuali.

La propensione degli esseri umani a cercare, analizzare e ricordare attivamente le informazioni che confermano i loro pensieri e le loro opinioni preesistenti è definita bias di conferma, o confirmation bias. Allo stesso tempo, le informazioni che contraddicono queste idee vengono scartate come inaffidabili o ignorate del tutto.

Quando una delle parti di una transazione ha accesso a informazioni maggiori o migliori dell’altra, si tratta di un esempio di informazione asimmetrica. Ad esempio, chi vende una vecchia auto spesso sa più cose sul veicolo di chi lo acquista, e chi richiede una polizza assicurativa di solito sa più cose sulla propria salute di quante ne sappia l’assicuratore.In alcuni casi, il fallimento del mercato può essere attribuito all’informazione asimmetrica.5

Come evitare di essere influenzati dagli information bias quando si investe o si fa trading

Quando si tratta di investire, tenere a mente le seguenti linee guida e tattiche può aiutare a evitare i pregiudizi informativi:

  • Ridurre il tempo trascorso a leggere notizie finanziarie e post sui social media.
    Sebbene sia importante tenersi informati, passare troppo tempo a leggere notizie finanziarie e post sui social media può aumentare il rischio di pregiudizi informativi.
  • Scegliete con discernimento e imparzialità le fonti che seguite
  • Programmate intervalli regolari in cui controllare le notizie.
  • Aumentate la varietà di fonti di informazione
    Ottenere le notizie e le informazioni da una serie di fonti, comprese quelle con cui siete spesso d’accordo e quelle con cui solitamente non siete d’accordo, può aiutarvi a ridurre l’influenza di una singola informazione sulla vostra strategia di investimento complessiva e a creare un maggiore senso di equilibrio. Ciò è particolarmente utile se le informazioni provengono da fonti con le quali solitamente non si è d’accordo.
  • Giudicate sulla base di un’analisi obiettiva
    Invece di concentrarvi sulle oscillazioni a breve termine del mercato o sui fatti di cronaca, dovreste prestare attenzione alla salute finanziaria e alle prospettive commerciali di un’azienda. Quando scegliete i vostri investimenti, assicuratevi di tenere a mente i vostri obiettivi a lungo termine e cercate di non farvi influenzare da emozioni come la paura o l’avidità.
  • Consultate un professionista
    Rivolgetevi a un consulente finanziario o a uno specialista degli investimenti che possa guidarvi nel processo di scelta consapevole dei vostri investimenti.
information bias trading
Adobe Stock

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Il “mercato dei limoni” e la distorsione delle informazioni

Nel libro “Il mercato dei limoni”, il termine “information bias” si riferisce all’idea che la disparità di accesso alle informazioni possa provocare il crollo di un mercato. Il concetto è stato inizialmente presentato dall’economista George Akerlof nel suo famoso studio del 1970 intitolato “The Market for ‘Lemons’: Quality Uncertainty and the Market Mechanism”. Nel suo articolo, Akerlof utilizza il termine “limone” per descrivere un veicolo usato che presenta difetti non immediatamente evidenti al cliente, ma di cui il venditore è a conoscenza.

Questa idea può essere estesa ad altri mercati in cui vi è incertezza sulla qualità dei prodotti. Il fatto che i venditori abbiano una maggiore conoscenza della qualità dei loro articoli rispetto agli acquirenti è la causa principale della information bias che si verifica nel dilemma dei limoni. Di conseguenza, i clienti si trovano di fronte a un’ambiguità sulla qualità effettiva dei prodotti che stanno acquistando e, di conseguenza, possono esitare a pagare un prezzo maggiore per prodotti che ritengono di qualità probabilmente inferiore.

Quali altri tipi di pregiudizi cognitivi potrebbero avere un ruolo nelle decisioni finanziarie

Lo studio della finanza comportamentale ha messo in luce una serie di pregiudizi cognitivi che, se presenti, possono avere un effetto negativo sulle decisioni di investimento. Alcuni di essi sono:

  • L’avversione alle perdite
  • L’eccessiva fiducia
  • La ricerca di tendenze
  • L’ancoraggio e l’aggiustamento

Che cos’è lo studio dell’economia e della finanza comportamentale

L’integrazione di psicologia ed economia, nota come economia comportamentale, cerca di capire come gli esseri umani prendono realmente le decisioni in una varietà di contesti diversi che si trovano nel mondo reale.

Il modello dell’attore razionale, accettato dall’economia convenzionale, viene messo in discussione da questo approccio e vengono utilizzati approcci sperimentali per individuare i fenomeni empirici.8

L’applicazione dell’economia comportamentale ad altre circostanze finanziarie, come gli investimenti, è nota come “finanza comportamentale”.

Cosa significa condividere le informazioni

La propensione dei membri di un gruppo a dedicare una quantità significativa di tempo alla discussione di materiale che i singoli individui del gruppo conoscono già, piuttosto che alla ricerca attiva di informazioni sconosciute.

Questo è un esempio di pregiudizio da informazione condivisa. Ciò può far sì che il gruppo giunga a conclusioni non ottimali.

In sintesi

  • Il fenomeno noto come information bias si verifica quando i dati o altri tipi di informazioni vengono manipolati o distorti in qualche modo, facendo sì che non riflettano più il mondo reale.
  • Due dei tipi più diffusi di information bias che possono avere un effetto sugli investitori finanziari sono il bias di conferma e il bias di disponibilità (o di ricorrenza).
  • Questi information bias, insieme ad altri simili, possono portare a giudizi di investimento errati, basati su dati irrilevanti o eccessivi.
  • Il rischio di information bias nella finanza personale e negli investimenti è cresciuto con la proliferazione dei social media e di Internet.
  • È possibile effettuare scelte di investimento migliori e più obiettive comprendendo prima i pregiudizi informativi ed evitandoli.

Conclusioni

I dati o le informazioni che non rappresentano in modo equo o corretto la situazione reale del mondo sono definiti distorti. È possibile che le informazioni siano distorte per una serie di motivi diversi, tra queste le sviste nella raccolta o nell’analisi, preferenze inconsce durante la raccolta delle informazioni o addirittura manipolazioni intenzionali.

I information bias nel campo dell’economia comportamentale includono il bias di conferma, il bias di ricorrenza (disponibilità) e l’informazione asimmetrica.

Ognuno di questi pregiudizi informativi può potenzialmente influenzare negativamente le decisioni degli investitori.Mantenere l’obiettività, raccogliere informazioni da una serie di fonti diverse (anche fatti contrari alla propria posizione) e chiedere il parere di altri sono tutte strategie che possono contribuire a mitigare i potenziali impatti negativi.

 

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.
L’autore, al momento della stesura, detiene esposizioni in Bitcoin e altri asset crittografici, anche legati a quanto trattato nell’articolo.