Invalidità e legge 104, bonus per il pagamento della retta RSA: come fare domanda

In tema di invalidità e legge 104, a chi spetta il pagamento della retta RSA e quando la retta è a carico del Comune e dell’ASL? 

Invalidità e legge 104: bonus per il pagamento della retta RSA, come fare domanda?
Invalidità e legge 104: bonus per il pagamento della retta RSA

Un Lettore chiede se può ottenere il bonus per il pagamento della retta RSA per la madre invalida al 100% in seguito ad un ictus. Inoltre, precisa che la madre percepisce l’indennità di accompagnamento ed è ricoverata in una RSA e la retta mensile è interamente a suo carico. Chiede agli Esperti di Trading.it se è giusto così o le spetterebbe, come ha letto sul web, un bonus per il pagamento della retta.

Invalidità e legge 104: bonus per il pagamento della retta RSA, come fare domanda?

Questo tema è molto importante e più volte la Giurisprudenza ha ribadito il diritto per tutti alle cure sanitarie. Inoltre, ha chiarito che gli anziani e i malati di Alzheimer con difficoltà a deambulare o totalmente non autosufficienti non devono pagare la retta mensile della Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA).

In effetti, gli anziani non autosufficienti ricoverati in reparto o al pronto soccorso dell’ospedale, oppure, in struttura convenzionata con il SSN (RSA o case di cura), non possono essere dimessi se necessitano di assistenza e cura, che la famiglia non può assicurare presso l’abitazione del familiare. La gestione è regolata dalla normativa dettata dai Comuni, Regioni e ASL.

Da considerare che ogni caso è da esaminare singolarmente. In linea generale, l’ASL riconosce una parte della quota sanitaria nella misura del 50% del totale della retta. Per la retta alberghiera non è corrisposto nessun contributo, e il pagamento spetta dai familiari. Inoltre, nel caso in cui il reddito o patrimonio siano insufficienti, il Comune se ne fa carico in base alla presentazione dell’ISEE. ISEE come cambiare la residenza e ottenere il massimo dei benefici

Da considerare che la retta per gli anziani non autosufficienti affetti dal morbo di Alzheimer o con disabilità grave, la quota a carico del SSN è di importo maggiore rispetto alla quota alberghiera. In questo caso il Comune o il paziente versa una somma inferiore rispetto alla norma generale.

LEGGI ANCHE>>>Invalidità e legge 104 con nuove percentuali invalidanti, novità nel DDL approvato

Diritto alle cure sanitarie

Per rispondere a chi paga le retta della RSA, possiamo precisare che:

a) una parte è pagata dal SSN per le prestazioni infermieristiche e mediche;

b) la seconda parte (posto letto, pasti, pulizia dei locali, eccetera), paga l’interessato attraverso il reddito personale. Nel caso la persona ricoverata, è in difficoltà economica da documentare con la presentazione dell’ISEE, subentra il Comune in tutto o in parte al pagamento della retta.

La sentenza del Tribunale di Verona numero 2384/2013, ha stabilito che un anziano invalido al 100% non deve pagare nulla ne lui ne i suoi parenti. Inoltre, precisa che nel caso la retta sia stata pagata, è possibile richiedere al Comune, la restituzione dei soldi.

In effetti, i giudici eliminano i contratti stipulati tra gli assisti e i parenti per il pagamento della quota RSA, annullando l’impegno dei familiari a corrispondere una parte della retta come garanti del familiare invalido.

Riepilogando, bisogna esaminare il caso singolarmente, ma la Corte è chiara sul diritto agli invalidi totali al 100% e ultrasessantacinquenni. Inoltre, le RSA non possono regolamentare le cure con contratti privati che ostacolino il diritto costituzionale per la fruizione dell’assistenza sanitaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *