Investire sul Bitcoin per raggiungere la pensione anticipata: non è impossibile

I motivi per credere e investire sul Bitcoin sono molti e negli ultimi anni la proliferazione di servizi di trading retail supportato la popolarità delle criptovalute.

Nel corso degli anni sono stati molteplici le storie di fallimento ma soprattutto di successo in relazione agli investimenti nelle criptovalute e in primo luogo nel Bitcoin.

Pensioni, tema caldo: le proposte, assegni più ricchi e cosa può cambiare
fonte foto:adobestock

 

Tra le persone che sono riuscite a guadagnare dagli investimenti sulle criptovalute c’è Mr. ERB,” noto blogger e appassionato di Bitcoin, che racconta la sua ascesa finanziaria su Cointelegraph. Come migliaia di trader e piccoli investitori, anche in questo caso l’attrazione verso il Bitcoin è stata irresistibile. A partire dall’estate del 2017 le criptovalute hanno cominciato a coinvolgere più seriamente l’opinione pubblica. In quell’anno il prezzo del Bitcoin era arrivato per la prima volta sopra i mille dollari e molti come ERB, che preferisce mantenere una forma di anonimato, ha deciso di acquistarlo.

Quando per la prima volta si è interessato a Bitcoin pensava che ormai fosse troppo tardi per investire. Nessuno avrebbe previsto che il suo valore sarebbe ancora decuplicato fino agli estremi dei 60 mila dollari. ERB decise di investire nell’asset dopo aver ascoltato un podcast sul Bitcoin, nel quale Trace Mayer stimò il potenziale di incremento del prezzo fino a un milione di dollari. Il noto imprenditore, giornalista e investitore ne ha per ora sicuramente sovrastimato il valore, è anche vero però che chi investì allora è stato remunerato in pochi anni oltre ogni aspettativa.

Investire sul Bitcoin per raggiungere la pensione anticipata. La strategia di chi ci ha provato

Quando ERB si è accorto di avere anticipato la tendenza rialzista di diversi anni ha ritenuto di poter sfruttare gli investimenti sulla criptovaluta per raggiungere il pensionamento anticipato. Dall’ottobre del 2017 ha cominciato quindi ad accumulare in modo costante i Bitcoin mediando la volatilità con ingressi prestabiliti a scadenze regolari su qualsiasi livello di prezzo. Il blog di ERB mostra in dettaglio come l’attuale ritorno sull’investimento sia superiore al 450%. Si tratta di una cifra superiore di dieci volte rispetto allo S&P.

Tra i consigli che ERB vuole condividere per chi è nuovo al mondo di Bitcoin e vorrebbe iniziare a investire nella criptovaluta c’è quella di non credere e soprattutto non provare a diventare ricco in fretta. “Concediti cinque anni” per conoscere davvero Bitcoin, prenditi tutto il tempo necessario per imparare. Ascolta i podcast giusti, leggi e informati per formarti con il giusto spirito critico un’aspettativa realistica. “Resisti all’impulso di consigliare Bitcoin a tutti quelli che conosci,” specialmente se non comprendi ancora appieno l’asset.

Investire sul Bitcoin con tre stili di trading

In questo mercato esistono tre tipi di investitori: i primi hanno acquistato a prezzi molto inferiori ai prezzi attuali e si trovano in profitto. I secondi hanno acquistato a prezzi eccessivamente alti e sono rimasti a mercato con posizioni in perdita. I terzi infine entrano a mercato e attendono lo sviluppo di una tendenza ideale in grado di incrementare il capitale a prescindere dal prezzo di acquisto. I trader sul Bitcoin come ERB continueranno probabilmente a mantenere un approccio basato sull’idea di ottenere un grande guadagno finale, piuttosto che una somma di tanti guadagni, ottenibili acquistando e vendendo sui diversi livelli di prezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *