Irpef, novità in arrivo: ecco cosa cambia

L’Irpef è sicuramente una delle imposte dirette che genera il maggior gettito per le casse dello stato, importanti novità sono in arrivo, il Governo infatti ha deciso di modificare tale imposta. Vediamo cos’è l’Irpef e cosa cambia con le nuove modifiche. 

IRPEF

L’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) è l’imposta diretta che genera l’entrata più importante alle casse dello Stato Italiano. Essa è un’imposta che grava sul reddito delle persone fisiche derivante da: lavoro autonomo, capitale, lavoro dipendente, redditi diversi(vincite), redditi fondiari e anche redditi di impresa.  

L’Irpef è un imposta progressiva ovvero che cresce all’aumentare della base imponibile che in questo caso è il reddito. L’attuale modalità di calcolo di questa imposta prevede infatti, 5 scaglioni di reddito con diverse aliquote per ogni fascia.

Il Governo ha però raggiunto l’accordo politico per apportare importanti modifiche a quest’imposta. Ecco le modifiche apportate e cosa cambierà per i cittadini.

L’IRPEF cambia: ecco le novità in arrivo

Le nuove modifiche che verranno apportate dal Governo sull’Irpef sono importanti. Infatti, la novità è che l’imposta passerà dagli attuali 5 scaglioni a 4, a variare saranno però anche le aliquote che diminuiranno per determinati scaglioni di reddito.

L’imposta sul reddito delle persone fisiche infatti, avrà 4 scaglioni con aliquote di riferimento così pensati: 

  • Fino 15000 euro l’aliquota sarà al 23%;
  • Dai 15 ai 28 mila euro l’aliquota sarà al 25%;
  • Dai 28 ai 50 mila euro l’aliquota sarà al 35%;
  • Infine oltre i 50 mila euro l’aliquota sarà al 43%.

La nuova riforma darà una mano soprattutto ai contribuenti che percepiscono stipendi medio-alti. Infatti, l’aliquota riguardante i redditi fino a 15 mila euro resta invariata, non vi sarà quindi un grande beneficio per i contribuenti con stipendi medio-bassi. 

LEGGI ANCHE :Il Governo modifica le detrazioni IRPEF e taglia alcuni tributi: le proposte

Si apprende infatti, che a variare sarà anche la no tax area. Il Governo infatti, ha pensato di aumentare il limite diretto di accesso alla no tax area per autonomi e pensionati. 

Quale sarà il risparmio per i contribuenti

Il risparmio secondo l’ex vice Ministro per  le Finanze Zanetti  sarà  per i contribuenti con reddito imponibile lordo di 50 mila euro di circa 920 euro , al di sotto di tale soglia i risparmi saranno più bassi ma cresceranno all’aumentare del reddito.

Ad oggi risulta però poco agevole riuscire a stimare il risparmio dei contribuenti, infatti l’aliquota per i redditi fino ai 15 mila euro è rimasta invariata proprio perché la platea è di circa 30 milioni di contribuenti e il risparmio secondo i calcoli dei precedenti Governi non è considerato vantaggioso.

Soprattutto una diminuzione dell’aliquota per redditi fino ai 15 mila euro, sarebbe molto onerosa per le casse dello Stato. Sarà importante attendere la modifica delle detrazioni che è sul tavolo Ministero dell’Economia e Finanza per riuscire a stimare in modo più preciso quanto i contribuenti possano risparmiare dopo le modifiche apportate. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *