Pensioni, rebus tredicesima: ecco come districarsi nella lettura del cedolino

Tredicesima in arrivo per pensionati e lavoratori: ecco cosa cambia e come comprendere le eventuali variazioni.

Cedolino
Cedolino (Adobe)

Dicembre è per definizione il mese delle festività natalizie ma non solo. In questo mese, proprio in virtù di quella che è con molta probabilità la festività maggiormente sentita nel nostro paese, con tutte le dinamiche che ne conseguono, è prassi consolidata riconoscere a pensionati e lavoratori dipendenti una ulteriore gratifica mensile, oltre al già dovuto assegno mensile. La gratifica natalizia, meglio nota come tredicesima mensilità arriva dunque a pennello per soddisfare le esigenze ed eventualmente le scadenze di lavoratori e pensionati. Ogni anno, però, in base a modifiche e revisioni fiscali la consistenza della mensilità extra potrebbe essere soggetta a variazioni.

Per quel che riguarda le pensioni, abitualmente il pagamento avviene ancor prima che per i lavoratori dipendenti. Il primo giorno del mese è la data utile. Ancora più vantaggiosa la condizione di coloro i quali ritireranno l’importo in contanti presso lo sportello postale. In quel caso, infatti, l’erogazione avverrà con ulteriori giorni d’anticipo. Quest’anno per i pensionati ci sarà una gradita sorpresa. L’importo, infatti risulterà più consistente a causa di una diversa distribuzione del prelievo fiscale sul reddito derivante. Il calcolo delle ritenute da quest’anno è infatti considerato su tredici mensilità e non più su dodici, come invece accadeva in precedenza.

Tredicesima 2021: come leggere il cedolino di pensione in pagamento

Per il 2021, quindi, va considerata una diversa distribuzione delle ritenute Irpef sugli importi mensili delle pensioni. Gli enti preposti, come anticipato, hanno gestito le ritenute stesse considerando non più dodici mensilità ma bensì tredici. L’Inps consentirà di visualizzare i dovuti importi a partire dagli ultimi giorni del mese di novembre. Attraverso la lettura del modello Obis M, dal sito Inps.it, sarà quindi possibile visionare, dall’ultima settimana di novembre l’importo destinato ad ogni singolo pensionato. Un vantaggio non certo di poco conto se si considerano particolari esigenze e conseguenti operazioni di pianificazione.

LEGGI ANCHE >>> Pensioni, assegno più alto nel 2022? Facciamo chiarezza: chi può sorridere

Per accedere alle lettura del cedolino, come anticipato bisognerà accedere alla piattaforma Inps.it. Una volta effettuato l’accesso tramite Spid, Cie o Cns sia da smartphone che da pc, basterà quindi cliccare su “fascicolo previdenziale del cittadino”, successivamente su “prestazioni” ed infine su “pagamenti”. A quel punto sarà possibile visionare il proprio cedolino di pagamento della pensione con il relativo importo spettante. A sorridere quest’anno saranno dunque i pensionati, per loro Natale diventerà un ricorrenza ancora più sentita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *