L’inflazione non si ferma e la Fed applica il più grande aumento dei tassi dal 2000, ecco cosa succederà da oggi

La Federal Reserve ha intensificato mercoledì la sua politica monetaria restrittiva approvando il più grande aumento dei tassi di interesse dal 2000.

Il piano per ridurre l’inflazione e l’aumento anomalo dei prezzi rispetto all’aumento della crescita economica ha portato un sollievo sui listini.

L'inflazione non si ferma e la Fed applica il più grande aumento dei tassi dal 2000

Mentre i prezzi negli Stati Uniti hanno avuto l’incremento più rapido degli ultimi quarant’anni, Jerome H. Powell, ha continuato a sostenere la linea dura affermando i preparativi per nuovi aumenti nelle prossime riunioni della Fed.

Quello che è successo mercoledì a Wall Street, è lo specchio di questa consapevolezza. I risultati dei listini hanno fatto registrare la miglior seduta da due anni. L’esito dell’aumento dei tassi di interesse sulle borse è paradossale, considerando che una politica monetaria restrittiva è solitamente precursore di un rallentamento generale dell’economia.

Alzando i tassi e riducendo i suoi quasi 9 trilioni di dollari in partecipazioni obbligazionarie, la Fed spingerà a rialzo i costi di finanziamento rallentando in definitiva i consumi.

I responsabili politici hanno trascorso la maggior parte del 2021 sperando che l’inflazione si attenuasse da sola man mano che il picco di domanda si stabilizzasse. La normalità in termini economici è ancora lontana; nuovi lockdown legati alla pandemia in Cina e la guerra in Ucraina stanno ulteriormente aumentando i prezzi di beni come cibo e carburante. Allo stesso tempo, scarseggiano i lavoratori e i salari stanno aumentando a loro volta la crescita dei prezzi.

Gli effetti della politica della Fed e le ripercussioni sulla crescita

Powell ha osservato che gli sviluppi in Cina e Ucraina potrebbero avere ripercussioni significative sull’inflazione. Se gli investitori hanno trascorso settimane a preoccuparsi che la Fed potesse decidere di correggere eccessivamente a rialzo il costo del denaro, a continuare ad alimentare i timori per la crescita rimangono i rapporti di politica estera tra la Nato, la Russia e la Cina.

Secondo i responsabili della Federal Reserve è possibile “ripristinare la stabilità dei prezzi senza una recessione o un aumento significativo della disoccupazione. Dobbiamo tornare alla stabilità dei prezzi in modo da poter avere un mercato del lavoro in cui i salari delle persone non vengano divorati dall’inflazione.” La Fed lascerà scadere fino a $ 60 miliardi di debito del Tesoro ogni mese, insieme a $ 35 miliardi di debito garantito da ipoteca, tutto ciò a partire da settembre.

Le mosse della Fed renderanno forse ancora più interessanti i rendimenti obbligazionari fino a quando la crescita economica non comincerà a incidere e prevalere sull’inflazione. A questo si affianca la prospettiva della crescita del settore immobiliare, automobilistico e dei beni durevoli, con il calo dei prezzi nel settore alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *