Monte dei Paschi approva il nuovo piano industriale fino al 2026, ma è sorprendente quanto è costata allo Stato fino a oggi

Monte dei Paschi di Siena; la più antica banca del mondo approva il nuovo piano industriale fino al 2026. Ma quanto è costata allo Stato fino a oggi?

Il gruppo che ha continuato praticamente a espandere la sua quota di mercato fino agli anni 2000 ha raggiunto il suo apice con la quotazione in borsa avvenuta nel 1999.

MPS monte dei paschi conto corrente

MPS si trova oggi in una situazione economica figlia dei compromessi scaturiti dalla sua strategia di controllo sul territorio. L’istituto arriva ad avere nel 2017 ad avere 2.100 filiali in tutto il territorio nazionale. Oggi il piano approvato dal consiglio di amministrazione prevede un aumento di capitale da 2,5 miliardi di euro e circa 4 mila uscite volontarie.

A questo si affiancano altri interventi per semplificare e rafforzare il proprio ruolo di banca commerciale; A partire dal 2023 con la chiusura di 150 sportelli e con il calo del personale realizzerà risparmi annui di circa 270 milioni di euro.

La storia recente dei salvataggi e dell’intervento dello Stato in Monte dei Paschi

Nella storia recente di MPS, le cui origini possono risalgono al quindicesimo secolo, ci sono stati a partire 2009 numerosi tentativi per recuperare la sua solidità patrimoniale. In quell’anno con l’intervento dello Stato MPS vende 1,9 miliardi di euro in obbligazioni speciali al Tesoro italiano per sostenere le sue finanze.

  • Nel settembre 2011 la Banca d’Italia con l’aggravarsi della crisi finanziaria, fornisce 6 miliardi di euro di liquidità di emergenza a MPS. Solo l’anno successivo, nel marzo 2012 MPS ha un rosso di 4,7 miliardi di euro. Nel giugno 2012 MPS chiede al Tesoro di sottoscrivere altri 2 miliardi di euro in obbligazioni speciali.
  • Nel 2014 dopo aver rimborsato allo Stato 3,1 miliardi di euro di prestiti, MPS risulta la peggiore banca a livello europeo negli stress test sulla solidità patrimoniale. L’istituto ha realizzato una perdita netta di 5,3 miliardi di euro; raccoglie l’anno successivo altri 3 miliardi di euro di finanziamenti.
  • Nel dicembre 2016 MPS chiede aiuto allo Stato nell’ambito di un piano di ricapitalizzazione. L’anno successivo dopo che la BCE ha dichiarato solvibile MPS, la Commissione europea autorizza lo Stato italiano al salvataggio. Questo avverrà con un intervento da 8,2 miliardi di euro che consegna allo Stato una quota del 68% al costo di 5,4 miliardi.

Ancora nel febbraio 2021 MPS registra una perdita di 1,69 miliardi di euro per il 2020 rendendo l’istituto disponibile all’acquisto.

Le aspettative di MPS fino al 2026

L’istituto, oggi, ancora controllato dallo Stato attraverso il MEF mantiene una quota del 64,2 per cento. MPS prevede di generare un utile ante imposte di 705 milioni di euro nel 2024 e di 909 milioni nel 2026. In questo modo il piano si come obbiettivo il ritorno alla profittabilità e un livello di solidità patrimoniale con un Cet1 ratio del 14,2% e del 15,4% nel 2026.

Il piano industriale di Mps intende valorizzare il ruolo nella consulenza finanziaria nella gestione del risparmio delle famiglie, consolidando le partnership con Anima nel risparmio gestito e Axa nella bancassicurazione.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *