Cos’è l’oscillatore RSI e come utilizzarlo per fare trading

L’RSI è uno tra gli strumenti più utilizzati dai traders come supporto alle proprie decisioni di trading. Vediamo in cosa consiste e come utilizzarlo, tramite un esempio pratico.

rsi
Adobe stock

L’oscillatore RSI è stato ideato e sviluppato da John Welles Wilder e presentato nel 1978 con la pubblicazione del libro intitolato “New Concepts in Technical Trading Systems”.

RSI è l’acronimo di Relative Strength Index (Indice di Forza Relativa) ed è molto utilizzato dai traders sia per individuare segnali operativi che per misurare la forza o la debolezza del trend in corso nel mercato (cosiddetto momentum).

La differenza tra indicatori e oscillatori

E’ molto importante chiarire un concetto che a volte viene sottovalutato nel mondo del trading: gli algoritmi visualizzati in piattaforma al di sotto del grafico dei prezzi ed utilizzati dal trader per trarre indicazioni aggiuntive rispetto a quelle derivanti dalla mera analisi del movimento dei prezzi, non possono essere definiti tutti “indicatori” , come spesso accade.

LEGGI ANCHE >> Applicazioni di base per sfruttare a fondo i meccanismi degli oscillatori

Derivano tutti da formule matematiche calcolate a partire dai prezzi, ma è necessario distinguere tra gli indicatori e gli oscillatori, tra i quali rientra anche l’RSI. Di seguito i principali aspetti distintivi:

  • Indicatori: possono assumere valori infiniti, pur tendendo a muoversi per la gran parte del tempo nei pressi di una linea di equilibrio (che può essere 0 o 100, in base all’indicatore), dalla quale si scostano in modo rilevante soltanto nelle fasi di forte trend. L’indicatore consente una visione profonda del mercato, in alcuni casi anche di individuare il trend in corso nel mercato (o una situazione di assenza di trend), ma reagisce in ritardo rispetto al movimento dei prezzi. Esempi di indicatori sono il MACD e l’ATR;
  • Oscillatori: si muovono nell’ambito di un range di valori predefinito e gli estremi di tale intervallo consentono di individuare delle zone di eccesso del mercato (definite ipervenduto o ipercomprato) che, se raggiunte dai valori assunti dall’oscillatore, potrebbero individuare dei punti di svolta (swing) del mercato. Al contrario dell’indicatore, l’oscillatore non consente di valutare l’esistenza o meno di un trend ma fornisce, molto spesso, un timing di entrata a mercato molto preciso. Oltre l’RSI, altri oscillatori molto utilizzati sono l’Oscillatore Stocastico e il DeMarker.

Oscillatore RSI: cos’è e come si calcola

L’RSI è un oscillatore che può assumere valori nell’intervallo compreso tra 0 e 100. Questo consente di confrontare in ogni momento i valori assunti dall’oscillatore con gli estremi dell’intervallo e, conseguentemente, di individuare dei segnali di trading.

E’ uno strumento che consente di individuare i momenti di eccesso del mercato, ovvero le situazioni in cui uno strumento finanziario potrebbe essere sopravvalutato (ipercomprato) o sottovalutato (ipervenduto) dal mercato.

La formula di calcolo è la seguente: RSI=100-[100/(1+RS)], dove RS è il rapporto tra la media dei prezzi di chiusura al rialzo e la media dei prezzi di chiusura al ribasso, registrati con riferimento ad un determinato numero “N” di periodi.

L’RSI, come ogni altro indicatore o oscillatore, può essere applicato ad ogni timeframe e può, quindi, considerare i prezzi di chiusura di candele a 5 minuti, 15 minuti, orarie, giornaliere, settimanali e così via.

I parametri dell’RSI che ogni trader può definire discrezionalmente

E’ molto importante per un trader definire due parametri, sulla base della propria strategia e della frequenza operativa che si vuole attribuire alla propria attività di trading:

  • il numero di periodi da utilizzare per il calcolo dell’RSI: solitamente le configurazioni più comuni tra i traders sono quella a 5 periodi e quella a 14 periodi. Se abbiamo un RSI a 5 periodi, ad esempio, la formula di calcolo sopra indicata verrà applicata dalla piattaforma di trading ai prezzi di chiusura degli ultimi 5 periodi (ad esempio, se applichiamo al grafico un timeframe giornaliero, ai prezzi di chiusura degli ultimi 5 giorni);
  • le soglie di ipercomprato o ipervenduto, raggiunte o superate le quali l’oscillatore metterebbe in evidenza un eccesso del mercato che a breve potrebbe dar vita ad un movimento di correzione.  Queste soglie solitamente vengono fissate, a discrezione del trader, su valori pari a 70 o 80 per l’ ipercomprato e, rispettivamente, a 30 o 20 per l’ipervenduto: l’opzione 80-20 è, delle due proposte, quella che darebbe segnali di eccesso più affidabili ma con minore frequenza. Molto più rari sono i casi in cui i parametri di ipercomprato e ipervenduto vengono impostati a 90 e 10: questi valori sono, infatti, difficili da raggiungere e l’oscillatore darebbe pochissimi segnali operativi, seppur estremamente accurati.

Oscillatore RSI: come viene visualizzato sul grafico

Si propone, di seguito, un esempio pratico che consente di capire ancora meglio il funzionamento dell’oscillatore RSI e le indicazioni operative che può fornire al trader.

Nel grafico seguente viene evidenziato il movimento dei prezzi e dell’oscillatore RSI, relativi al cambio valutario Dollaro Statunitense/ Yen giapponese su timeframe giornaliero. 

rsi
USD/JPY timeframe giornaliero. Fonte: TradingView

Sono state evidenziate con dei cerchi rosa le situazioni in cui l’RSI a 5 periodi supera i livelli di ipercomprato ed ipervenduto, impostati su valori pari, rispettivamente, ad 80 e 20. L’area in giallo nella finestra dell’oscillatore individua, invece, l’area neutrale: quando il valore dell’RSI si trova in quella zona il mercato è in equilibrio e non evidenzia alcuna situazione di eccesso.

Come è possibile notare, quando l’RSI supera le soglie di ipercomprato o ipervenduto il mercato ha sempre compiuto un movimento, se non di inversione, quantomeno di correzione della tendenza prevalente. 

In queste situazioni, dopo il raggiungimento delle zone di eccesso da parte dell’RSI, è necessario, prima di impostare un’operazione di trading, attendere che la linea dell’oscillatore rientri all’interno dell’area neutrale. E’, infatti, soltanto questo il momento in cui si completa il segnale di trading ed ha senso entrare a mercato alla ricerca di un movimento di correzione.

LEGGI ANCHE >> Distinguere i segnali per scegliere il miglior time frame su cui operare

Le divergenze tra l’oscillatore RSI e il prezzo

E’ stata messa in risalto con due linee nere, di cui una sul grafico dei prezzi e l’altra nella finestra dell’RSI, una situazione più elaborata in cui l’RSI può fornire segnali ancora più affidabili rispetto al semplice rientro da zone di ipercomprato /ipervenduto: si tratta della divergenza RSI/prezzo.

La divergenza rialzista, come quella evidenziata nel grafico, si verifica quando i prezzi fanno registrare due minimi consecutivi decrescenti, mentre l’0scillatore evidenzia due minimi consecutivi crescenti. E ‘ possibile notare come, il segnale rialzista rappresentato da questa divergenza, avrebbe anticipato una vera e propria inversione del mercato, consentendo ad un trader di entrare al rialzo con grande tempismo e di sfruttare una salita del tasso di cambio molto importante.

La divergenza ribassista, invece, si ha quando sui prezzi è possibile rilevare due massimi consecutivi crescenti, mentre l’oscillatore fa registrare contestualmente due massimi consecutivi decrescenti. Si tratta, dunque, di un segnale di possibile inversione o correzione ribassista del trend rialzista in corso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *