Pensione: incredibile, ecco a cosa si andrà incontro nei prossimi mesi

I lavoratori prossimi alla pensione si chiedono quanto riceveranno se smetteranno di lavorare entro la fine dell’anno in corso.

Quello della pensione è uno dei traguardi più importanti per un lavoratore. Bisogna, però, possedere degli specifici requisiti anagrafici e contributivi.

pensione
Adobe Stock

Poiché, nell’ultimo periodo, si parla tanto di Riforma delle Pensioni e della possibilità che possano mutare i requisiti per accedere alla pensione, i cittadini attendono con ansia l’esito delle elezioni del prossimo 25 settembre. Dopo tale data, infatti, sarà possibile scoprire se l’attuale sistema pensionistico verrà modificato ed, eventualmente, in che modo.

I contribuenti più interessati alle possibili evoluzioni sono quelli che smetteranno di lavorare da settembre a dicembre 2022. Quanto guadagneranno? L’assegno pensionistico subirà delle penalizzazioni? Scopriamolo insieme.

Consulta anche: “Riforma pensioni, i partiti indicano i punti chiave in vista delle elezioni: quali sono?

Pensione: lo scenario dopo la crisi di Governo

L’INPS ha pubblicato i dati aggiornati degli eventuali rischi che si possono verificare in relazione ai trattamenti pensionistici. Tali rischi riguardano, prevalentemente, la possibilità di subire una penalizzazione sull’importo finale dell’assegno.

Per tale motivo, i futuri pensionati degli ultimi quattro mesi del 2022 aspettano con insistenza le prossime elezioni politiche. La preoccupazione più diffusa riguarda l’ammontare della pensione. Quanto guadagneranno, concretamente?

Dopo la caduta dell’ultimo Governo Draghi, purtroppo, il processo di riforma dell’attuale sistema previdenziale ha subito una battuta d’arresto. Di conseguenza, non si sa se molte misure, pensate dallo scorso Esecutivo e valide per l’anno in corso, verranno confermate anche per il 2023.

In attesa di ulteriori risvolti, è probabile che alcuni strumenti di flessibilità in uscita previsti per il 2022, come Quota 102, Opzione Donna e Ape Sociale, non saranno più validi dopo il 31 dicembre. E questo è un aspetto di non poco conto, da dover considerare.

Molti partiti politici impegnati in prima linea nella competizione elettorale hanno inserito la revisione del sistema pensionistico tra i punti dei propri programmi. L’obiettivo, infatti, è evitare che, con l’abrogazione degli attuali strumenti, si ritorni completamente alla Legge Fornero.

Opzione Donna e Ape Sociale: verranno rinnovati?

Tra i temi più discussi dai partiti vi è quello della tanto attesa Riforma delle Pensioni. I leader, infatti, cercano di dare certezze agli italiani che chiedono cosa cambierà dopo il 25 settembre.

Per ulteriori approfondimenti: “Elezioni e Riforma pensioni, cosa succederà a quelle anticipate? Gli scenari non sono buoni“.

Senza dubbio, gli argomenti più “caldi” sono la proroga di Opzione Donna e Ape Sociale. Oggi, Opzione Donna consente alle lavoratrici di andare in pensione in anticipo, al raggiungimento di 58 o 59 anni di età e di 35 anni di contribuzione. Utilizzando tale strumento, però, le interessate avranno un taglio dell’importo dell’assegno di circa un terzo.

Molti interrogativi ci sono anche su Ape Sociale. Si tratta di un’indennità di 1.500 euro al mese, erogata in favore dei lavoratori addetti ai mestieri usuranti, che possiedono almeno 63 anni di età e 36 di contributi versati. Anche questa misura cesserà di esistere?

Pensione: le idee dei partiti politici

Quali sono i programmi dei partiti su un tema così importante come quello delle pensioni?

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
  • Coalizione di Centrosinistra: l’obiettivo di questo schieramento politico è quello di favorire l’uscita dal mondo del lavoro attraverso una flessibilità moderata, modificando, in parte, i presupposti della Legge Fornero. Inoltre, si vuole estendete la facoltà di congedo anticipato anche ai lavoratori che hanno svolto mansioni usuranti o lavori di cura in ambito familiare.
  • Centrodestra: i rappresentati dei partiti di centrodestra si battono per l’aumento delle pensioni minime, sociali e di invalidità. Vogliono anche assicurare la flessibilità in uscita a tutti, per favorire il ricambio generazionale nel mondo del lavoro. Per attuare tali progetti, Matteo Salvini propone di introdurre Quota 41 per tutti i lavoratori. In pratica, si tratta della possibilità di andare in pensione al raggiungimento dei 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica posseduta. Infine, la Lega vorrebbe la stabilità di Opzione Donna e Ape Sociale (che attualmente hanno solo forma sperimentale).
  • Foza Italia, invece, propone di innalzare tutte le pensioni minime e di invalidità a 1.000 euro al mese, mentre Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni vorrebbe modificare il meccanismo del Reddito di Cittadinanza.
  • Terzo Polo: a differenza degli altri schieramenti, nel programma di Calenda e Renzi non compaiono ipotesi dirette ad assicurare una maggiore flessibilità per l’accesso alla pensione.
  • Movimento 5 Stelle: vuole introdurre misure finalizzare alla modifica degli aspetti più controversi della Legge Fornero. Un altro obiettivo è quello di aiutare donne e giovani; su questo fronte, ad esempio, propone il versamento di un Bonus a favore delle mamme per ogni figlio, grazie al quale è possibile smettere di lavorare in anticipo. Anche questo schieramento, infine, suggerisce che Opzione Donna diventi strutturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *