Piazza Affari, martedì 24 agosto: chiusura sulla parità, sale Leonardo

La chiusura della seduta odierna della Borsa di Milano, titoli migliori e titoli peggiori di giornata. Uno sguardo anche all’andamento di Wall Street e degli altri principali mercati finanziari. Una sintesi dei temi più importanti della giornata. 

immagine borsa italiana
Ingresso di Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano (Adobe stock)

Borse europee poco mosse durante la seduta odierna, caratterizzata da bassa volatilità e scarsi volumi di scambio. La Borsa di Milano chiude sullo stesso livello della scorsa seduta, in linea con quanto avvenuto nelle altre principali piazze europee, dove gli indici evidenziano performance poco distanti dalla parità. Ancora in rialzo i titoli del settore energetico, in virtù di una nuova seduta positiva per i prezzi del petrolio.

Gli operatori sembrano in una fase di indecisione, nelle quale preferiscono limitare gli ingressi a mercato, in attesa di maggiori notizie su due fattori molto importanti, probabilmente quelli che più sono in grado di determinare forti movimenti nei mercati azionari, in caso di novità di particolare rilevanza, sia in senso positivo che in senso negativo:

  • innanzitutto, non è ancora ben chiaro quale possa essere l‘andamento dei nuovi contagi, determinati dalla variante Delta del Covid-19, in autunno e, dunque, se sarà o meno necessario ricorrere a nuove misure restrittive, che andrebbero a rallentare la ripresa economica;
  • un’influenza molto importante sulla direzione futura dei mercati potrà derivare dalle decisioni della Federal Reserve, al riguardo del ridimensionamento del programma di acquisto titoli dalle banche (tapering). A quanto pare, aggiornamenti importanti su questo tema verranno rilasciati dalla Fed, non durante il Simposio di Jackson Hole, in programma tra giovedì 26 e sabato 28 agosto, ma nel prossimo meeting di settembre della banca centrale. Se venissero confermate le previsioni di alcuni analisti, secondo cui gli stimoli monetari cominceranno ad essere allentati già a partire dall’autunno, soprattutto i mercati azionari statunitensi ma, di riflesso, anche quelli europei, potrebbero correggere al ribasso, in quanto buona parte del rally osservato in questo 2021 è stato determinato dalla politica monetaria ultra-espansiva delle principali banche centrali.

La chiusura dei mercati azionari europei: il migliore è Francoforte

Di seguito, le performance evidenziate, in chiusura di seduta e su base giornaliera, dai principali indici azionari europei:

  • DAX (Francoforte): +0,33%
  • FTSE 100 (Londra): +0,24%
  • FTSE MIB (Milano): -0,07% a quota 26.027,91 punti indice
  • IBEX 35 (Madrid): -0,22%
  • CAC 40 (Parigi): -0,28%
  • SMI (Zurigo): -0,32%

L’Euro Stoxx 50, come sempre ottimo rilevatore del sentiment prevalente nei mercati azionari europei, chiude la seduta con una performance di +0,04%, che testimonia la scarsa attività degli operatori durante la seduta appena conclusa.

Titoli migliori del Ftse Mib

  • Leonardo: +2,81%
  • Cnh Industrial: +1,17%
  • Poste Italiane: +0,87%
  • Prysmian: +0,86%
  • Saipem: +0,84%
  • Unicredit: +0,83%
  • Eni: +0,82%
  • Unipol: +0,52%
  • Exor: +0,48%
  • Pirelli: +0,43%

Titoli peggiori del Ftse Mib

  • Amplifon: -1,94%
  • A2a: -1,82%
  • Moncler: -1,51%
  • Snam: -1,06%
  • Diasorin: -0,83%
  • Terna-Rete Elettrica Nazionale: -0,78%
  • Italgas: -0,77%
  • Nexi: -0,73%
  • Hera: -0,64%
  • Recordati: -0,60%

L’andamento dei principali indici di Wall Street

Poco mossi anche i mercati azionari statunitensi e, probabilmente, lo saranno fino al termine di questa settimana, visto l’appuntamento con il meeting di Jackson Hole, che gli investitori seguiranno con molta attenzione per cercare di comprendere quali sono gli indirizzi di politica monetaria delle principali banche centrali del mondo, con un’occhio di riguardo per la Federal Reserve, tra tutte quella che dovrebbe cominciare prima a ridurre la portata degli stimoli monetari.

Queste le performance registrate, alle 18:50 ora italiana, dai principali indici azionari Usa:

  • Nasdaq 100: +0,20%
  • Dow Jones: +0,17%
  • S&P 500: +0,16%

Nonostante gli scarsi movimenti, sia l’S&P500 che il Nasdaq hanno nuovamente aggiornato i rispettivi massimi storici, seppur non durante l’orario di apertura di Wall Street, ma in fase di pre-market.

Ancora segnali positivi dal mercato immobiliare, dove si è registrato un aumento delle vendite di nuove abitazioni, in scia all’incremento delle vendite di abitazioni esistenti, comunicato ieri. A luglio, sono state vendute 708.000 nuove abitazioni, dato superiore sia rispetto alle stime degli analisti (+700.000) che in confronto al dato precedente (+701.000).

Altre notizie dai principali mercati finanziari: Bitcoin rallentato dalla resistenza dei 50.000 dollari

Per quanto riguarda il mercato obbligazionario, lo spread Btp/Bundovvero il differenziale di rendimento tra il titolo di Stato italiano e quello tedesco con scadenza decennale, scende leggermente a quota 105 punti base, in  calo di un solo punto rispetto all’ultimo valore di chiusura: il rendimento del Btp risulta pari a +0,57%, mentre il rendimento del Bund si attesta a -0,48%. In rialzo, invece, il rendimento del Treasury Note decennale (titolo di Stato Usa), che risulta pari a +1,29%, in aumento di 3 punti base rispetto al precedente valore di chiusura.

In ribasso il prezzo del Bitcoin, alle prese con l’importante livello di resistenza in area 50.000 dollari che, almeno finora, ha impedito una ulteriore salita delle quotazioni. La sensazione, considerando che non vi è stato un vero e proprio rifiuto del prezzo in quella zona, è che nei prossimi giorni questa resistenza verrà rotta al rialzo e, qualora ciò accadesse, l’impulso rialzista della criptovaluta più famosa potrebbe continuare con maggiore intensità, portando il prezzo, prima in area 58.000 dollari, e poi a rivedere i massimi in area 64.900 dollari. Il Bitcoin quota attualmente 48.110 dollari, corrispondenti ad una performance su base giornaliera di -2,90%.

Nel mercato valutario, risulta stabile il cambio Euro/Dollaro Usa, la cui impostazione di fondo rimane comunque ribassista, in quanto la divergenza nella politica monetaria delle rispettive banche centrali, con la Fed ormai vicina a ridurre gli stimoli monetari, potrebbe determinare ulteriori discese del cambio anche nelle prossime settimane. Il cambio più utilizzato dai traders del Forex quota attualmente 1,1746 dollari, corrispondenti ad una performance di +0,03% su base giornaliera.

LEGGI ANCHE >> Il prezzo di questi alimenti è fuori controllo: colpa dei cambiamenti climatici

Per quanto riguarda il mercato delle materie prime, poco mosso il prezzo dell’oro, che quota attualmente 1.806,60 dollari l’oncia, corrispondenti ad una performance di +0,06% rispetto all’ultimo valore di chiusura. Ancora in deciso rialzo le quotazioni del petrolio, dopo la salita di ieri: il WTI (West Texas Intermediate, prodotto negli Stati Uniti) quota 67,70 dollari al barile, con una performance di +3,03% su base giornaliera, mentre il Brent (prodotto in Europa) quota 70,35 dollari al barile, con una variazione di +2,90% rispetto all’ultimo valore di chiusura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *