Price-to-Earnigs Ratio (P/E): come si usa la metrica chiave

Il Price-to-Earnigs Ratio (P/E), tradotto come Price-to-Earnigs Ratio (P/E), è ua metrica chiave utilizzata nel determinare il valore di una società quotata in borsa. Questo rapporto confronta l’attuale prezzo delle azioni dell’azienda con i suoi utili per azione (EPS).

Quando si confrontano le azioni di un’azienda con quelle di altre società che operano nello stesso settore, gli investitori e gli analisti utilizzano il Il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) per stimare il valore relativo delle azioni della società in questione.Inoltre, può essere utilizzato per valutare una società in relazione ai propri risultati storici, nonché per valutare i mercati aggregati in relazione tra loro o in un determinato periodo di tempo. Il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) può essere determinato su base trailing (proiettata) o forward (retrospettiva).

Price-to-Earnigs Ratio (P/E)
Adobe Stock

Il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) è un rapporto che confronta il prezzo delle azioni di un’azienda con i suoi utili per azione. Quando il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) di un’azienda è elevato, può indicare che le azioni della società sono sopravvalutate o che gli investitori prevedono forti tassi di crescita in futuro.Il rapporto prezzo/utile non esiste per le aziende che non realizzano profitti o che sono in perdita.Questo perché non c’è nulla da mettere al denominatore del rapporto.

In pratica, si utilizzano due tipi di rapporti P/E: il forward P/E e il trailing P/E. Se confrontato con quello di altre aziende dello stesso settore o di una singola società per un certo periodo di tempo, il rapporto prezzo/utile è una delle metriche più preziose che un analista possa prendere in considerazione.
Rapporto prezzo/utile, noto anche come P/E

Come funziona il

Il Price-to-Earnigs Ratio (P/E), è una delle misure più utilizzate da investitori e analisti per valutare la valutazione relativa di un titolo. Questa importante metrica consente di stabilire se un titolo è sopravvalutato o sottovalutato. Esiste anche la possibilità di confrontare il rapporto prezzo/utile di una società con quello di altre società dello stesso settore o con quello del mercato nel suo complesso, come ad esempio l’indice S&P 500.

Il rapporto prezzo/utile (P/E) 10 e il rapporto prezzo/utile (P/E 30) forniscono una media degli utili degli ultimi dieci o trent’anni, rispettivamente, e sono talvolta presi in considerazione dagli analisti interessati ai modelli di prezzo a lungo termine. Quando si cerca di determinare il valore totale di un indice azionario, come l’S&P 500, queste misure vengono spesso utilizzate. Ciò è dovuto al fatto che queste misure a lungo termine hanno anche la capacità di correggere le fluttuazioni del ciclo economico.

Nel corso della sua storia, il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) dell’S&P 500 ha oscillato da un minimo di circa 5 volte nel 1917 a oltre 120 volte nel 2009, poco prima dell’inizio della crisi finanziaria. Si stima che nel lungo periodo lo S&P 500 abbia un Price-to-Earnigs Ratio (P/E) di circa 16x. Ciò significa che i titoli che compongono l’indice ottengono collettivamente un premio di sedici volte superiore ai loro guadagni medi ponderati.

Secondo gli analisti e gli investitori, il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) di un’azienda viene valutato per verificare se il prezzo delle azioni riflette adeguatamente gli utili per azione previsti.

Come si calcola il Price-to-Earnigs Ratio (P/E)

Per questa particolare procedura, la formula e il calcolo utilizzati sono:

Price-to-Earnigs Ratio (P/E) = (Market value per share​/Earningspershare)

Per calcolare il Price-to-Earnigs Ratio (P/E), è sufficiente dividere il prezzo corrente delle azioni per gli utili per azione (EPS) per ottenere il valore corrente.

Sebbene il prezzo corrente delle azioni (P) sia un valore reale che rappresenta quanto gli investitori sono tenuti a pagare per un’azienda in questo momento, l’utile per azione (EPS) è un dato un po’ più nebuloso. Il prezzo corrente delle azioni può essere ottenuto semplicemente inserendo il simbolo del titolo in un qualsiasi sito web di finanza.

L’EPS è disponibile in due tipi principali. Il termine “trailing 12 mesi” è l’acronimo di “TTM” nel lessico di Wall Street. Questo dato rappresenta la performance dell’azienda nel corso dell’anno precedente. La relazione sui risultati di un’azienda, che spesso include una guidance sull’EPS, è la fonte della seconda forma di utile per azione (EPS). Secondo le previsioni più informate dell’azienda, si tratta dell’importo che l’azienda prevede di guadagnare negli anni a venire. I diversi tipi di utili per azione sono alla base, rispettivamente, del rapporto prezzo/utile trailing e prospettico.

Il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) per i futures

Le forme più frequenti di Price-to-Earnigs Ratio (P/E) sono il rapporto P/E future e il rapporto P/E trailing. Vengono presi in considerazione questi due tipi di indicatori EPS. L’utilizzo del totale degli ultimi due trimestri effettivi più le stime dei due trimestri futuri è la terza alternativa, un metodo utilizzato meno frequentemente. In alternativa ai numeri trailing, il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) forward (o leading) si basa sulle previsioni degli utili futuri.

Questo indicatore prospettico, spesso definito “prezzo stimato degli utili”, è utile per confrontare gli utili attuali con quelli futuri e offre un’immagine più chiara di come saranno gli utili in futuro, nell’ipotesi che non vi siano modifiche o altri aggiustamenti contabili. Il rapporto prezzo-utili forward, invece, presenta alcuni difetti intrinseci. Uno di questi difetti è che le aziende potrebbero sottovalutare i propri utili per ottenere un Price-to-Earnigs Ratio (P/E) più elevato quando dichiarano i risultati del trimestre successivo.

C’è la possibilità che altre aziende esagerino le stime e poi le modifichino prima di fare la loro successiva dichiarazione sugli utili. Inoltre, le stime possono essere fornite anche da analisti esterni, che possono differire dalle previsioni fornite dall’azienda, causando così un’incomprensione tra i due.

Il trailing Price-to-Earnigs Ratio (P/E)

Il rapporto trailing prezzo-utili si calcola dividendo il prezzo corrente dell’azione per il totale degli utili per azione (EPS) ottenuti nel corso dei dodici mesi precedenti. Tenendo conto del fatto che l’azienda ha comunicato correttamente i propri risultati, è il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) più spesso utilizzato, poiché è il più oggettivo. Alcuni investitori scelgono di considerare il trailing price-to-earnings ratio perché non credono alle previsioni sugli utili fornite da altre persone.

Tuttavia, il rapporto trailing P/E non è privo di difetti, il più importante dei quali è che la performance precedente di un’azienda non sempre indica il suo comportamento futuro.Di conseguenza, gli investitori dovrebbero impegnare il capitale in base al potenziale di guadagno futuro piuttosto che al passato. Un’altra questione è che la statistica degli utili per azione (EPS) non cambia, nonostante i prezzi delle azioni siano sempre in movimento. Il rapporto trailing price-to-earnings sarà meno indicativo delle variazioni del prezzo delle azioni se si verifica un evento aziendale significativo che fa salire o scendere drasticamente il prezzo delle azioni.

Poiché gli utili vengono comunicati solo una volta ogni tre mesi, il rapporto trailing price-to-earnings si sposta ogni volta che si verifica una variazione del prezzo delle azioni di una società. Ciò è dovuto al fatto che le azioni vengono scambiate su base giornaliera. Di conseguenza, il rapporto prezzo-utili forward è preferito da alcuni investitori. Se il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) futuro è inferiore al rapporto P/E trailing, significa che gli analisti prevedono un aumento degli utili. Al contrario, se il rapporto P/E forward è superiore al rapporto P/E attuale, gli analisti prevedono una riduzione degli utili.

Valutare il valore di un’azione sul mercato

Secondo il rapporto P/EIl Price-to-Earnigs Ratio (P/E), è uno dei metodi di ricerca azionaria più utilizzati da investitori e analisti per valutare il valore di un’azione. Inoltre, il rapporto prezzo/utile può riflettere il modo in cui la valutazione di un’azione si confronta con quella del suo gruppo di settore o con un benchmark come l’indice S&P 500. Questo indica anche se l’azione è stata valutata in modo diverso. Questo oltre a indicare se il prezzo delle azioni di un’azienda è sopravvalutato o sottovalutato.

Nella sua forma più elementare, il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) è una misura che riflette la quantità di denaro che un investitore dovrebbe investire in un’azienda per ottenere un dollaro di utili da quella determinata società. Poiché indica la somma di denaro che gli investitori sono disposti a pagare per ogni dollaro di utili, il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) viene comunemente chiamato anche multiplo di prezzo. Un investitore sarebbe disposto a pagare 20 dollari per 1 dollaro di utili correnti se un’azienda vendesse a un Price-to-Earnigs Ratio (P/E) di 20x.

Il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) è uno strumento utile agli investitori per determinare il valore di mercato di un’azione in relazione agli utili dell’azienda. In poche parole, il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) ci dice quanto il mercato è disposto a pagare una società in questo momento sulla base dei suoi utili passati o futuri. Se il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) è elevato, è possibile che il prezzo di un’azione sia alto rispetto ai suoi utili e che sia sovraprezzato. D’altro canto, un basso Price-to-Earnigs Ratio (P/E) può suggerire che il prezzo attuale del titolo sia costoso rispetto agli utili.

metriche trading
Adobe Stock

Come si usa il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) per confrontare diverse aziende

Come ulteriore illustrazione, possiamo esaminare due diverse organizzazioni finanziarie e confrontare i loro rapporti prezzo/utili per determinare se una delle due è comparativamente sopravvalutata o sottovalutata.

Secondo il Wall Street Journal, gli utili per azione della società per l’anno fiscale conclusosi il 31 gennaio 2021 sono stati di 4,75 dollari.

Wallmart

Di conseguenza, il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) di Walmart è stato:

139,55 dollari diviso 4,75 dollari uguale 29,38

Bank of America Corporation (BAC)

L’anno 2020 si è concluso con le seguenti statistiche per Bank of America Corporation (BAC):

Valore dell’azione = 30,31 dollari
L’utile diluito per azione è pari a 1,87 dollari.
Il P/E è pari a 16,21 volte (30,31 dollari diviso 1,87 dollari).

In altre parole, gli utili di Bank of America sono stati scambiati a circa 16 volte. D’altra parte, il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) di 16,21 volte non è utile di per sé, a meno che non si abbia qualcosa con cui confrontarlo, come il gruppo industriale del titolo, un indice di riferimento o l’intervallo storico prezzo/utili di Bank of America.

Il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) di Bank of America era leggermente più alto di quello dell’S&P 500, che di solito viene scambiato a circa 15x gli utili di trailing nel tempo.

JPMorgan Chase & Co. (JPM)

Nel confrontare il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) di Bank of America con quello di un concorrente, possiamo anche calcolare il rapporto P/E di JPMorgan Chase & Co. (JPM) alla fine del 2020:

Il prezzo attuale del titolo è di 127,07 dollari.
L’utile diluito per azione è di 8,88 dollari.
Il P/E è pari a 14,31 volte

Se si confronta il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) di 16x per Bank of America con il rapporto P/E di circa 14x per JPMorgan, si noterà che le azioni di Bank of America non appaiono così sopravvalutate come nel confronto con il rapporto P/E medio di 15 per l’S&P 500. Rispetto a JPMorgan e al mercato nel suo complesso, il maggior rapporto prezzo/utile di Bank of America potrebbe indicare che gli investitori hanno previsto una migliore crescita degli utili nei giorni e negli anni a venire.

Tuttavia, non esiste un unico rapporto che possa dire tutto quello che c’è da sapere su una società. Prima di effettuare un investimento, è prudente utilizzare una serie di indici finanziari diversi per verificare se il prezzo di un’azione è adeguato e se la salute finanziaria di un’azienda giustifica o meno la valutazione del titolo.

Le aspettative degli investitori

In generale, un rapporto prezzo/utile elevato indica che gli investitori prevedono una maggiore crescita degli utili in futuro rispetto alle aziende con un rapporto prezzo/utile più basso. È possibile che un basso rapporto prezzo/utile indichi che un’azienda è ora a buon mercato, o che segnali che l’azienda sta ottenendo risultati estremamente positivi rispetto ai suoi modelli storici. Nel caso in cui un’impresa non registri alcun utile o registri perdite, il rapporto prezzo/utile sarà indicato come nullo. Nonostante sia fisicamente concepibile calcolare un rapporto P/E negativo, questa non è la pratica standard.

È anche possibile considerare il Price-to-Earnigs Ratio (P/E) come un metodo per standardizzare il valore di un dollaro di utili nell’intero mercato azionario. In linea di principio, si potrebbe stabilire una sorta di Price-to-Earnigs Ratio (P/E) standardizzato prendendo la mediana dei rapporti P/E su un periodo di molti anni. Questo rapporto potrebbe essere utilizzato come benchmark per determinare se una società vale o meno l’acquisto.

Il significato di “N/A

Il termine “N/A” indica che il rapporto prezzo/utile non è disponibile o non si applica alle azioni di quella particolare società. Quando una società è appena stata quotata in borsa e non ha ancora comunicato gli utili, come nel caso di un’offerta pubblica iniziale (IPO), la società può avere un rapporto prezzo/utile pari a N/A.

Tuttavia, questo rapporto può anche indicare che la società non ha utili o che gli utili sono negativi. Gli investitori possono quindi supporre che la società stia registrando una perdita netta quando vedono un rapporto di N/A.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.