Reddito di cittadinanza in anticipo a maggio: a chi arriva prima

La ricerca del Reddito di Cittadinanza di maggio potrebbe arrivare prima e già in settimana: ma non tutti; chi riguarda e dettagli al riguardo

Grande attenzione sul Reddito di Cittadinanza e, in particolare, circa la ricarica di maggio, con la possibilità per alcuni di riceverla già in settimana ed in anticipo. Ma ecco di cosa si tratta.

Reddito di cittadinanza in anticipo a maggio? Quando arriva prima e a chi
fonte foto:adobestock

Come noto, le date per il pagamento del RdC, a maggio, sono due in base alla tipologia di colui che riceve il sostegno, tuttavia, coloro che ricevono la ricarica sulla carta RdC intorno al giorno quindici del mesi, potrebbero riceverla alcuni giorni prima ed in anticipo.

A parlarne è Money.it il quale spiega che si tratta di un’ipotesi generale laddove ogni beneficiario della misura ha la possibilità di poter vetrificare se il RdC sarà o meno pagato nel corso della settimana. Ad ogni modo ed al di là di tutto, è bene sottolineare che tale ipotesi, ovvero l’eventuale ricarica prima della metà del mese corrente, comunque non riguarda tutti.

Tale arrivo anticipato potrebbe verificarsi per qualcuno, già nella giornata di venerdì 13, visto che il 15, il giorno del mese riservato alla ricarica della carta di Poste Italiane per alcuni beneficiari, in questo mese arriva di domenica.

Reddito di cittadinanza in anticipo a maggio? Alcuni dettagli e come controllare

Vari aspetti di interesse quando si parla del reddito di cittadinanza, come ad esempio la questione limite prelievo mensile, a quanto ammonta e quando si può superare?

In merito all’argomento in oggetto, chi potrebbe dunque ricevere il pagamento Rdc in anticipo? Su Money.it si legge: beneficiari del sussidio che hanno fatto domanda per la prima volta e che ricevono dunque la prima ricarica da Poste Italiane; chi ha fatto richiesta circa il rinnovo del RdC ad aprile avendo concluso le prime diciotto mensilità del beneficio, a marzo. Aprile, per i soggetti in questione, è stato il mese di sospensione del sostegno.

Chi non riceverà la misura in anticipo e neanche il pagamento ordinario intorno al ventisette del mese, si legge ancora, è chi ha concluso le diciotto mensilità del sussidio ad aprile; tali soggetti possono far richiesta del rinnovo per le ulteriori 18 mensilità del RdC nel mese corrente, il quale tuttavia corrisponde al mese di sospensione dello stesso.

Ad ogni modo, tenendo conto comunque che la data di elaborazione può non coincidere con quella di pagamento effettivo, i beneficiari possono controllare in modo autonomo quando arriva il RdC sul sito dell’INPS, nell’area riservata facendo accesso con SPID, CIE o CNS.

Non è detto che tutti coloro che dovrebbero ricevere la ricarica entro la prima metà del mese di maggio, e che dunque fanno parte delle categorie sopra indicate, la riceveranno esattamente in settimana e nel giorno 13. Vi possono essere ritardi fisiologici e quindi la ricerca potrebbe anche arrivare, spiega Money.it, il giorno 16.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *