Reddito di cittadinanza, l’Inps da i numeri: ecco tutte le date dei pagamenti

La misura preferita dagli italiani, al momento senza ombra di dubbio, la misura capace di legare intorno a se consensi più che inattesi.

Reddito di Cittadinanza, la tessera
Reddito di Cittadinanza

Le prossime date per l’erogazione della misura che più di tutte alletta  i cittadini italiani sono ora ufficiali. L’Inps attraverso i suoi canali ha reso note le date che fisseranno l’erogazione della misura per tutti gli aventi diritto per i pagamenti di novembre e dicembre. Nessuna novità rispetto a ciò che si poteva immaginare con la data per i percettori della misura fissata per fine mese. Eccezione per quelli che riceveranno per la prima volta la misura, per loro infatti il pagamento dovrebbe essere fissato per la metà del mese, cosi come di solito accade. Altra situazione complessa riguarda poi il mese di dicembre.

Il dubbio maggiore come anticipato riguarda il mese di dicembre che potrebbe vedere stravolte le comuni abitudini. Metà e fine mese potrebbero lasciare spazio ad un pagamento di sicuro antecedente alla giornata del 25 e possibilmente anche prima. Questo ovviamente perchè per Natale si vorrebbe fare in modo di dare agli aventi diritto la possibilità di avere una maggiore disponibilità economica. Quei giorni richiedono come è risaputo un impegno molto importante, tra regali, cene e cenoni. Dare una maggiore disponibilità agli italiani coinvolti vuol dire dare loro la possibilità di trascorrere un sereno Natale.

Reddito di cittadinanza: le date esatte delle erogazioni

Secondo l’Inps la fruizione della misura per il mese di novembre avrà due distinti destinatari tra gli italiani, per loro la misura dovrebbe essere già stata percepita per questo mese:

  • i cittadini che per la prima volta hanno fatto domanda del reddito di cittadinanza a ottobre 2021. Con ricezione dell’esito positivo dopo il 15 di novembre;
  • i cittadini che  scaduti i 18 mesi di fruizione con l’ultima mensilità pagata a settembre 2021, hanno presentato richiesta di rinnovo a ottobre.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza, NASPI e DIS-COLL non si perdono se si lavora, le novità INPS

Tutti gli aventi diritto possono in ogni caso verificare lo stato dei propri pagamenti accedendo al sito web Inps e verificando quindi lo stato effettivo della transazione. L’accesso è eseguibile con Spid, carta d’identità elettronica oppure Cns. In questo caso quindi i cittadini potranno rendersi conto di quanto tempo realmente passi prima di vedersi accreditati quei soldi tanto attesi. La misura che più di tutte è apprezzata dagli italiani, questo è fuori discussione. I motivi sono ben chiari a tutti, la politica, oggi, infatti lavora per migliorare la stessa iniziativa, renderla insomma più giusta, per tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *