Rincari sul vino: le strategie di marketing colpiscono anche la bevanda di Bacco

C’è una strategia marketing adottata da molti supermercati che produce rincari sul vino. Si tratta di un metodo chi produce un esborso maggiore per i clienti.

Ormai la maggior parte delle persone fa la spesa recandosi al supermercato. Gli esercenti della grande distribuzione organizzata adottano alcuni trucchetti di marketing, mediante i quali i clienti spendono inconsapevolmente più soldi.

rincari sul vino
Canva

Sicuramente molte persone conoscono alcune strategie di marketing adottate dai supermercati. Ma c’è ancora chi è completamente all’oscuro dei trucchetti di cui si avvalgono i supermercati, per far spendere qualche soldo in più ai clienti.

Non si tratta di truffe o di raggiri, ma semplicemente di pubblicità e di strategie che servono ad attirare il cliente a fare la spesa presso quel supermercato.

Rincari sul vino: ecco la strategia di marketing adottata dei supermercati

Quando ci rechiamo in un supermercato per effettuare acquisti, potremmo essere “vittime” di strategie di marketing ben studiate per incentivare i clienti all’acquisto. In questo modo, il cliente spendere ha più soldi rispetto a quanto previsto, portando a casa anche prodotti non indispensabili.

Gli esperti di strategie di marketing sanno che l’impatto visivo è fondamentale, quando si vuole attirare l’attenzione di un cliente e, dunque, di un possibile acquirente. Per questo motivo, si cerca di rendere il più possibile visibili i prodotti sugli scaffali. Dopotutto la concorrenza è alta e, per i produttori, è necessario farsi individuare facilmente dal cliente.

In ogni caso, esiste un trucco adottato dalla maggior parte dei supermercati che interessa una delle bevande alcoliche più apprezzate dagli italiani: il vino.

Il trucchetto adottato dei supermercati per farci spendere di più

Generalmente la disposizione delle bottiglie di vino sugli scaffali dei supermercati è studiata in maniera tale da favorire la vendita dei prodotti che costano di più.

Per questo motivo, può essere utile conoscere questo piccolo trucchetto relativo alla distribuzione delle bottiglie.

Nella maggior parte dei casi, i vini più pregiati e costosi hanno un packaging di tutto rispetto. In genere queste bottiglie, infatti, sono contenute in teche di legno che danno l’idea di un prodotto di qualità, artigianale che richiama le enoteche.

Per questo motivo molti, clienti sono attratti da tale sezione e tendono a preferire tali categorie di prodotti ad altri. Generalmente, questi marchi hanno costi più elevati rispetto ai competitor.

Ma come spesso accade, qualche scaffale più in là sono presenti i prodotti più economici, proposti con una modalità molto più semplice e meno accattivante.

Va detto, nella maggior parte dei casi, questi prodotti più economici sono anche meno pregiati. Tuttavia, ci sono le dovute eccezioni. Ci stiamo riferendo a marchi poco noti, che producono vini di buona qualità ad un prezzo più accessibile.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Dunque, al prossima volta che vi recate a fare acquisti in un supemercato provate a non cadere nella trappola di marketing sul vino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *