Il calendario economico dal 26 al 30 aprile

Vediamo quali saranno gli eventi e i dati macroeconomici che potranno determinare maggior impatto sui mercati finanziari nel corso della prossima settimana lavorativa.

calendario
Adobe stock

Il calendario economico è uno strumento che un trader dovrebbe consultare quotidianamente, in modo da tenere sempre sotto controllo gli eventi più importanti e i dati macroeconomici che potrebbero generare volatilità nei mercati finanziari.

Questo vale soprattutto per un trader che opera in ottica di breve termine, in quanto un improvviso movimento delle quotazioni dovuto al rilascio di un dato o allo svolgimento di un determinato evento, potrebbe stravolgere l’esito delle operazioni in corso e, dunque, prima che ciò accada, sarebbe prudente valutare di chiudere un’operazione in profitto oppure portare lo stop loss ad un livello pari o superiore a quello di ingresso per annullare il rischio di perdita.

Consultare il calendario economico è comunque importante anche per un trader di medio-lungo termine: i dati o gli eventi più importanti, infatti, come l’annuncio di una variazione del tasso di interesse di riferimento o le conferenze stampa dei governatori delle banche centrali, possono influenzare i mercati ad essi collegati anche nel medio-lungo termine.

Ad esempio, il rilascio di dati importanti che riguardano l’economia statunitense potrebbero generare un impatto sui cambi valutari che coinvolgono il dollaro statunitense, oltre che sul mercato azionario. I movimenti più rilevanti avvengono quando vi è difformità tra il dato effettivo e la previsione elaborata dagli analisti, in quanto la variazione delle quotazioni nei mercati finanziari deriva dalle aspettative degli operatori e ogni scostamento dei dati rilasciati rispetto alle attese, genera, di solito, dei movimenti più o meno rilevanti.

Ci sono anche trader che operano nel momento della pubblicazione di dati macroeconomici importanti, o in concomitanza con lo svolgimento di un evento molto atteso, per applicare strategie che sfruttano la forte volatilità generata nei mercati. Prima di fare ciò, è necessario, come per ogni altra strategia di trading, svolgere un numero sufficiente di test su un conto demo per perfezionare la strategia, verificarne l’affidabilità e  la capacità di generare profitti. Bisogna considerare anche che, molto spesso, il movimento impulsivo generato nei primi istanti successivi al rilascio di dati importanti o allo svolgimento di eventi ad alto impatto sui mercati, tende ad essere riassorbito col passare dei minuti e il prezzo si orienta poi nella direzione opposta, perciò è proprio a favore di quest’ultima che conviene fare trading in queste situazioni.

LEGGI ANCHE >> Conto corrente: arriva l’aumento, la decisione è irrevocabile

Sintesi del calendario economico giorno per giorno

Per ogni dato che verrà rilasciato durante la settimana, viene riportata la previsione degli analisti, a condizione che questa sia già disponibile prima dell’inizio della settimana. Inoltre, soltanto quando ciò viene ritenuto rilevante ai fini delle valutazioni degli operatori finanziari, viene indicato anche il valore già pubblicato in relazione al periodo precedente.

Si precisa inoltre, che, per quanto riguarda gli indici dei responsabili degli acquisti (elaborati sulla base di indagini e sondaggi), valori superiori al 50 indicano un’espansione dell’attività economica nel settore cui il dato si riferisce; viceversa, valori inferiori al 50, indicano una contrazione dell’attività economica.

I dati macroeconomici e gli eventi più attesi della prossima settimana lavorativa, che inizia il 26 e termina il 30 aprile, sono i seguenti (con riferimento all’ora italiana):

Lunedì 26 aprile

  • 10.00-Germania: indice IFO sulla fiducia delle aziende (aprile). Previsione degli analisti: 97,8. Precedente: 96,6
  • 14.30-Stati Uniti: principali ordinativi di beni durevoli (mensile, marzo). Previsione degli analisti: +1,6%. Precedente: -0,9%

Martedì 27 aprile

  • 05.00-Giappone: dichiarazioni sulla politica monetaria della banca centrale (BOJ) e annuncio del tasso di interesse. Previsione: -0,10%. Precedente: -0,10%
  • 16.00-Stati Uniti: rapporto sulla fiducia dei consumatori (aprile). Previsione degli analisti: 112,1. Precedente: 109,7

Mercoledì 28 aprile

  • 01.50-Giappone: vendite al dettaglio (marzo, su base annuale). Previsione degli analisti: +4,7%. Precedente: -1,5%
  • 03.30-Australia: indice dei prezzi al consumo (primo trimestre 2021, in confronto al precedente trimestre). Previsione degli analisti: +0,9%. Precedente: +0,9%
  • 03.30-Australia: indice dei prezzi al consumo (primo trimestre 2021, su base annuale). Previsione degli analisti: +1,4% Precedente: +0,9%
  • 03.30-Australia: indice d’inflazione generale (primo trimestre 2021, in confronto al precedente trimestre). Previsione degli analisti: +0,5%. Precedente: +0,4%
  • 14.30-Canada: vendite al dettaglio (febbraio, su base mensile). Previsione degli analisti: +4,0%. Precedente: -1,1%
  • 16.30-USA: scorte di petrolio greggio in giacenza presso le aziende statunitensi, pubblicate dall’EIA (Energy Information Administration). Precedente: +0,594 milioni di barili
  • 20.00-USA: annuncio del tasso di interesse da parte della FED. Previsione degli analisti: range 0-0,25%. Precedente: range 0-0,25%
  • 20.30-USA: conferenza stampa di Jerome Powell, governatore della FED

LEGGI ANCHE >> Fed, ancora stimoli all’economia nonostante la crescita più sostenuta

Giovedì 29 Aprile

  • 09.55-Germania: variazione della disoccupazione (aprile). Previsione degli analisti: -10.000. Precedente: -8.000
  • 09.55-Germania: tasso di disoccupazione (aprile). Previsione degli analisti: +6,0%. Precedente: +6,0%
  • 14.00-Germania: indice dei prezzi al consumo (aprile, su base mensile, rilascio preliminare). Previsione degli analisti: +0,5%. Precedente: +0,5%
  • 14.00-Germania: indice dei prezzi al consumo (aprile, su base annuale, rilascio preliminare). Previsione degli analisti: +1,8%. Precedente: +1,7%
  • 14.30-USA: richieste iniziali di sussidi di disoccupazione su base settimanale. Previsione degli analisti: 560.000. Precedente: 547.000
  • 14.30-USA: Prodotto Interno Lordo (primo trimestre 2021, rispetto al precedente trimestre). Previsione degli analisti: +6,5%. Precedente: +4,3%

Venerdì 30 Aprile

  • 01.30-Giappone: indice generale dei prezzi a Tokyo (annuale: aprile 2020-aprile 2021). Previsione degli analisti: -0,2%. Precedente: -0,1%
  • 01.50-Giappone: produzione industriale (marzo, su base mensile, rilascio preliminare). Previsione degli analisti: -2,0%. Precedente: -1,3%
  • 03.00-Cina: indice dei responsabili degli acquisti del settore manifatturiero (aprile). Previsione degli analisti: 51,7. Precedente: 51,9
  • 03.00-Cina: indice PMI non manifatturiero (aprile). Precedente: 56,3
  • 08.00-Germania: Prodotto Interno Lordo (primo trimestre 2021, su base trimestrale, rilascio preliminare). Previsione degli analisti: -1,5%. Precedente: +0,3%
  • 08.00-Germania: Prodotto Interno Lordo (primo trimestre 2021, su base annuale, rilascio preliminare). Previsione degli analisti: -3,4%. Precedente: -2,7%
  • 11.00-Italia: indice dei prezzi al consumo (aprile, su base annuale, rilascio preliminare). Previsione degli analisti: +0,8%. Precedente: +0,8%
  • 11.00-eurozona: indice dei prezzi al consumo (aprile, su base annuale, rilascio preliminare). Previsione degli analisti: +1,6%. Precedente: +1,3%
  • 11.00-eurozona: Prodotto Interno Lordo (su base annuale, rilascio preliminare) Precedente: -4,9%
  • 11.00-eurozona: tasso di disoccupazione (marzo). Previsione degli analisti: +8,3%. Precedente: +8,3%
  • 14.30-USA: indice dei prezzi per i consumi principali (marzo, su base annuale). Previsione degli analisti: +1,8%. Precedente: +1,4%
  • 14.30-USA: indice del costo del lavoro (primo trimestre 2021, in confronto al precedente trimestre). Previsione degli analisti: +0,7%. Precedente: +0,7%
  • 14.30-Canada: Prodotto Interno Lordo (febbraio, su base mensile). Previsione degli analisti: +0,5%. Precedente: +0,7%
  • 15.45-USA: indice dei responsabili degli acquisti di Chicago (aprile). Previsione degli analisti: 65,5. Precedente: 66,3
  • 16.00-USA: indice di fiducia elaborato dall’università del Michigan (aprile). Previsione degli analisti: 87,5. Precedente: 86,5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *