Wall Street beneficia della tregua delle obbligazioni, ma attenzione

La tregua delle obbligazioni permette a Wall Street di respirare ma attenzione alla volatilità, sempre alle porte.

New York Wall Street

Poco dopo l’apertura, la Borsa di New York è salita grazie ai titoli tecnologici, ai segnali di allentamento delle tensioni nei mercati obbligazionari e alle novità riguardo gli aiuti voluti a favore del popolo statunitense a seguito del disastro dovuto al Coronavirus. Pochi minuti dopo l’apertura, l’indice Dow Jones ha guadagnato lo 0,26% a 32.380,77 punti dopo un record a 32.453,10, Standard & Poor’s 500 è aumentato dello 0,62% a 3.922,99 punti, il Nasdaq Composite ha guadagnato l’1,53% a 13.269.10 punti in apertura. le azioni restano sostenute ed i dati sull’inflazione negli Stati Uniti hanno in qualche modo fatto venire meno, negli investitori, la paura di un forte aumento dei prezzi.

Il rendimento dei titoli di stato USA, i Treasury, si è stabilizzato all’1,53%, dopo essere sceso prima all’1,4750%, contribuendo a dare nuova vita ai titoli hi-tech Amazon, Microsoft, Apple e Tesla hanno guadagnato infatti tra l’1,06% e il 2,79%.

LEGGI ANCHE >> Nasdaq in rialzo: cosa sta succedendo a Wall Street?

LEGGI ANCHE >> Goldman Sachs riapre il trading desk per le criptovalute

Attenzione nei prossimi mesi a cambiamenti e volatilità

In Europa, i rendimenti dei titoli di stato sono calati molto insieme al titolo decennale tedesco che, dopo l’annuncio della Banca Centrale Europea sulla necessità di accelerare l’acquisto di titoli sui mercati per frenare l’aumento dei costi di finanziamento, è calato ulteriormente al livello più basso da tre settimane. Contemporaneamente, considerato il miglioramento delle condizioni di salute della popolazione statunitense, anche grazie alle vaccinazioni, le richieste di disoccupazione finalmente cominciano a scendere anche più del previsto.

Altre note positive sono quelle espresse dall’operatore cinematografico AMC che ha guadagnato il 3,40%, ha mostrato ottimismo per la crescita del suo fatturato annuo grazie alla vaccinazione e l’uscita di diversi film importanti. Oracle invece è sceso del 7,47%, sanzionato per un fatturato della sua divisione di cloud computing al di sotto delle aspettative.

Ad ogni modo, nonostante la positività che pian piano cresce, vi è tra gli investitori una sensazione di incertezza che provoca confusione. Per questo motivo. è importante riuscire a difendersi dalla volatilità e dai cambiamenti attesi sul mercato per i prossimi mesi. Sarebbe opportuno, evitare investimenti obbligazionari di lunga scadenza ma restare sul breve termine. Come sempre, al fine di tutelare il proprio portafoglio cosa logica da fare è la diversificazione degli investimenti.

Per gli analisti andrebbero considerate anche operazioni contro l’inflazione, tra cui investimenti in asset come l’oro, le materie prime e le criptovalute, ad ogni modo è essenziale partire sempre dal money management e da una corretta gestione del rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *