Amplifon: può essere un’opportunità di acquisto?

Lo storno degli ultimi periodi può essere un’occasione per cercare punti di appoggio per entrare buy?

Grafico Amplifon

Amplifon, il titolo tecnologico che si occupa della progettazione di apparecchi acustici, nonostante la crisi pandemica che ha colpito le borse mondiali, ha vissuto un 2020 di forti rialzi, arrivando addirittura a superare di gran lunga i massimi storici.

Sicuramente il settore di lavoro dell’azienda in questo momento non conosce crisi, in quanto i servizi da loro offerti sono indipendenti dalla situazione sanitaria in cui ci troviamo, questo quindi avvalla il trend primario rialzista.

Nelle ultime settimane però, dopo questo rally forsennato, il titolo ha accusato una forte flessione che è arrivata addirittura al -20%, e in molti pensano che siano state le prese di profitto degli investitori a portare a questo forte ribasso.

Certo è che un movimento così importante va attentamente analizzato e studiato, perché può essere un’ottima opportunità per investire su un titolo che sembra comunque mantenere il trend primario rialzista.

LEGGI ANCHE>> Nike: i rendimenti straordinari degli ultimi 15 anni sosterranno i prezzi attuali?

Amplifon: l’analisi del titolo e le opportunità che si prospettano

Sicuramente per un’azione che ha generato una performance del 154% prendendo i minimi di marzo 2020 e i massimi di febbraio 2021, uno storno del -20% era fisiologico, scaturito anche solo dalle prese di profitto, come accennato prima.

Però se andiamo ad analizzare attentamente gli ultimi 5 anni ha sempre avuto una tendenza fortemente rialzista, al netto di grossi scrolloni, e ogni storno si è confermato un’opportunità di acquisto interessante.

Se andiamo a vedere nello specifico l’analisi grafica, il titolo si è appoggiato sul 38,2% di Fibonacci in area 29, livello di supporto che negli scorsi mesi ha tenuto il prezzo.

Anche da un punto di vista volumetrico, Amplifon ha delle aree di supporto intorno ai 28,30 e ai 26, entrambe di rilevanza notevole, dato che nel passato vi è stata fatta molta accumulazione e distribuzione intorno a quei livelli di prezzo.

Sempre in area 26 possiamo notare anche il 50% di Fibonacci, che come sanno gli amanti dell’argomento è un numero molto importante e di rilievo.

Passiamo ora all’aspetto più operativo. La nostra analisi ci porta a studiare un piano di accumulo su questo titolo, basata sullo storico e sulla tendenza che sembra avere per le proiezioni future.

LEGGI ANCHE>> UBS, quali sono i migliori titoli del fast fashion

A parere nostro una giusta operatività, può iniziare a inserire posizioni rialziste al prossimo storno in area 29, con una prima mediazione in area 28,30 e un ultimo ingresso in area 26.

La modalità corretta, data l’importanza dei livelli, è di dividere esattamente in 3 parti le size da investire, così da aver distribuito in modo equo i titoli per ogni livello di ingresso. Questo modus operandi porterà a avere una media di circa 27,80, lo stop loss ideale per chi fa speculazione è intorno ai 24,50, se il titolo arriva lì conviene chiudere e rivalutare la situazione.

Raccomandazione di estrema importanza: bisogna sempre rapportare il rischio e le size sulla base di quanto si è disposti a perdere e sulla base di che capacità economica possediamo. Mai rischiare di più di quanto il nostro Money Management prevede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *