Azioni a media capitalizzazione: opportunità o pericolosa trappola?

Per i golfisti lo “sweet spot” è il punto della faccia della testa del bastone che, quando viene colpito, produce il massimo risultato. Quando si guarda alle azioni di media capitalizzazione, si può utilizzare un approccio simile per massimizzare la resa dell’operazione, riducendo al minimo i rischi che questa  comporta.

Quando si investe in azioni a media capitalizzazione, ossia in aziende con una capitalizzazione di mercato compresa tra i 2 e i 10 miliardi di dollari, di solito si ottiene un risultato molto simile a quello descritto sopra.

azioni media capitalizzazione
Adobe Stock

Nella maggior parte dei casi si tratta di società ben consolidate che si collocano a metà strada tra le società internazionali a grande capitalizzazione con uno sviluppo più lento e le società a piccola capitalizzazione con una crescita rapida. Negli ultimi anni, le azioni a media capitalizzazione hanno sovraperformato le loro controparti a grande e piccola capitalizzazione, e lo hanno fatto con un rischio aggiuntivo molto ridotto.

È quasi come se avessero raggiunto il massimo livello di performance. In questo articolo esamineremo le caratteristiche più importanti delle società a media capitalizzazione, compreso il modo in cui valutarle e i motivi per cui dovreste pensare di inserire questi titoli nel vostro portafoglio, che a volte vengono fraintesi.

Per una guida completa alle stock, cosa sono e come si negoziano le azioni sui mercati, quali rischi e opportunità comportano e come possiamo partire con il piede giusto evitando gli errori più frequenti, corri a leggere la nostra guida:
Cosa sono le azioni: guida al trading nello stock market

Che cos’è la capitalizzazione di mercato

L’intero valore delle azioni di una società forma la capitalizzazione di mercato, nota anche come market cap.Se un’azienda ha pubblicato 10 milioni di azioni e il prezzo di ogni azione è di 100 dollari, la capitalizzazione di mercato dell’azienda è di 1 miliardo di dollari.

La capitalizzazione di mercato totale si determina moltiplicando il numero di azioni attualmente in circolazione per il prezzo delle azioni al momento. Si tratta di tutte le azioni attualmente in circolazione, comprese quelle accessibili al pubblico in generale e quelle riservate, accessibili e controllate da gruppi particolari.

Il significato del termine “market cap

La capitalizzazione di mercato di un’azienda è una misura che semplifica la complessità della situazione finanziaria di una società.Essa dà agli investitori la possibilità di valutare un’azienda in base al valore che il pubblico in generale ritiene di avere. Maggiore è il valore, più “grande” è l’azienda. Quando si tratta di investire in azioni di un’azienda, le dimensioni e il valore dell’impresa possono fornire indicazioni sul grado di rischio che si può prevedere, nonché sui potenziali tassi di rendimento dell’investimento in un periodo di tempo.

In base alla loro capitalizzazione di mercato, le aziende pubbliche sono classificate in base alle loro dimensioni:

  • 10 miliardi di dollari o più di capitalizzazione di mercato.
  • Le mid-cap vanno da 2 a 10 miliardi di dollari.
  • Le small-cap vanno da 250 milioni a 2 miliardi di dollari.

Con questa classificazione, gli investitori sono in grado di sviluppare un portafoglio ben bilanciato e ottimizzato per la crescita nel lungo periodo.È fondamentale tenere presente che la soglia non è chiaramente definita. Le componenti di maggior valore di un segmento potrebbero confondersi con quelle di minor valore del segmento successivo. Di seguito viene fornito un approfondimento sui principali segmenti di capitalizzazione del mercato.

Gli indici e i gestori di fondi possono utilizzare un insieme di criteri più ampio o più ristretto, oppure possono avere diverse definizioni di capitalizzazione di mercato.Esiste anche la possibilità che il prezzo delle azioni di un’azienda cambi al punto da farla passare a una categoria di capitalizzazione di mercato superiore o inferiore.

Perché includere le azioni a media capitalizzazione nel proprio portafoglio d’investimento

Nonostante sia già stato dimostrato che la performance storica delle società a media capitalizzazione è paragonabile, e in molti casi persino superiore, a quella dei titoli a grande e piccola capitalizzazione, è essenziale sottolineare che la performance non è l’unica ragione per includere le mid-cap nel vostro portafoglio.

Per una serie di altri fattori, esse sono estremamente allettanti. Prendiamo ad esempio la maggior parte delle mid-cap, che sono in realtà piccole capitali che si sono ingrandite. Sono i trampolini di lancio che portano a diventare aziende a grande capitalizzazione che continuano ad espandersi. Il processo di acquisizione di denaro supplementare per alimentare lo sviluppo è una componente della crescita economica. In generale, le società a media capitalizzazione hanno vita più facile di quelle a piccola capitalizzazione.

Per quanto riguarda la capacità di reperire capitali, le società a media capitalizzazione sono in vantaggio rispetto alle società a piccola capitalizzazione, ma per quanto riguarda la crescita dei profitti sono in vantaggio rispetto alle società a grande capitalizzazione. Le società a media capitalizzazione, spesso di dimensioni inferiori, non hanno ancora raggiunto la fase di maturità, ovvero il periodo in cui gli utili iniziano a rallentare e i dividendi diventano una percentuale maggiore del rendimento complessivo di un’azione. Il fatto che le società a media capitalizzazione ricevano meno copertura da parte degli analisti rispetto alle società a grande capitalizzazione è forse la motivazione più ignorata per investire nelle società a media capitalizzazione.

Potenziale vs. solidità

Ciò è dovuto al fatto che le società a media capitalizzazione sono meno conosciute di quelle a grande capitalizzazione, sia perché molti analisti non le hanno ancora scoperte, sia perché non hanno catturato l’attenzione della maggior parte dei lettori dei rapporti degli analisti. Allo stesso tempo, sono già uscite dalla zona ad alto rischio delle società a piccola capitalizzazione e la loro strategia aziendale si è dimostrata di gran lunga più vincente. Storicamente, alcune delle azioni più performanti sono state aziende che non erano molto apprezzate, ma che improvvisamente lo sono diventate, con la conseguente produzione di acquirenti istituzionali necessari a far salire le loro quotazioni. Alcuni si riferiscono a questo fenomeno come al “flusso di denaro”.

In qualsiasi modo lo si chiami, il sostegno istituzionale è assolutamente necessario per una quotazione azionaria in crescita. È possibile che questi attori principali producano o distruggano valore per tutti gli azionisti. In definitiva, investire in società a media capitalizzazione è perfettamente sensato, in quanto offre agli investitori il meglio dei due mondi: la crescita delle società a piccola capitalizzazione insieme alla stabilità delle società a grande capitalizzazione.

moving average medie mobili ma
Adobe Stock

Per una guida completa alla scelta del broker più sicuro e adatto alle proprie esigenze e strategie, oltre ai parametri vitali da valutare nella scelta, corri a leggere il nostro articolo:
Come scegliere il broker per il trading sullo stock market: guida per il 2023

Il potenziale di crescita

Il fatto che si investa in società che normalmente hanno successo, sono redditizie da molto tempo e hanno team di gestione che sono in carica da molto tempo è uno degli aspetti più interessanti delle azioni a media capitalizzazione. Al contrario, gli utili di una tipica società a media capitalizzazione tendono a espandersi a un ritmo più rapido rispetto a quelli di una società media a piccola capitalizzazione, ma con minore volatilità e rischio. Ciò non significa che abbiano smesso di crescere rispetto al livello precedente.

Oltre all’espansione degli utili, è essenziale scegliere titoli che abbiano utili che possono essere mantenuti per un periodo di tempo considerevole in futuro. È questo che eleva una mid-cap allo status di large-cap.

La presenza di margini lordi e operativi in aumento, insieme alla diminuzione delle scorte e dei crediti, sono indicatori che indicano se gli utili di una società si stanno muovendo nel modo giusto. In genere, l’azienda vedrà un miglioramento del flusso di cassa e degli utili se sarà in grado di liquidare più rapidamente le scorte e i crediti su base costante. Ognuna di queste caratteristiche contribuisce a ridurre il rischio. Queste caratteristiche sono spesso riscontrabili nelle azioni a media capitalizzazione più frequentemente che in altri tipi di azioni.

Bilanci in buono stato

Indipendentemente dall’entità delle azioni che si desidera acquistare, è fondamentale investire in aziende con bilanci solidi.Benjamin Graham, un noto investitore, ha utilizzato i seguenti tre criteri per valutare la salute finanziaria di un’azienda:

Debito totale inferiore al valore contabile delle attività tangibili. Quando tutte le attività vengono sottratte dall’avviamento, da altre attività immateriali e da tutte le passività, il risultato è il valore contabile tangibile dell’azienda.

Un rapporto esistente superiore a due.La definizione di current ratio è data dal rapporto tra le attività correnti e le passività correnti. Un modo per misurare la capacità di un’azienda di far fronte ai propri impegni a breve termine è quello di esaminare la sua liquidità corrente. Il debito totale è inferiore a due volte il valore delle attività correnti nette. Le aziende che soddisfano questa condizione sono in grado di pagare i loro obblighi utilizzando la liquidità e le altre attività correnti, il che ha l’effetto di renderle significativamente più stabili.

Un bilancio solido può essere di grande aiuto alle imprese per sopravvivere agli anni di magra, data la volatilità del mondo commerciale. Rispetto alle small cap, le mid cap hanno spesso bilanci più solidi, il che si traduce in una riduzione del rischio, offrendo al contempo rendimenti superiori a quelli delle large cap. Quando si investe in società a media capitalizzazione, si combina in un certo senso la solidità finanziaria di una società a grande capitalizzazione con il potenziale di crescita di una società a piccola capitalizzazione. Il risultato finale è tipicamente un rendimento superiore alla media.

Il potenziale di Espansione

In termini di rendimenti a lungo termine, i due aspetti più importanti sono la crescita dei ricavi e l’aumento del potenziale di profitto.Negli ultimi anni le società a media capitalizzazione hanno sovraperformato sia le azioni a grande capitalizzazione che quelle a piccola capitalizzazione, grazie alla loro crescita più sostenuta sia sul fronte dei ricavi che su quello dei profitti. Questo perché le aziende a media capitalizzazione hanno un prezzo medio più elevato.Per quanto riguarda la ricerca della crescita, gli esperti del settore ritengono che le società a media capitalizzazione siano in grado di generare rendimenti maggiori rispetto alle società a grande capitalizzazione perché sono più capaci di reagire rapidamente rispetto alle società a grande capitalizzazione e più solide finanziariamente rispetto alle società a piccola capitalizzazione. Si tratta di una doppietta.

Nel processo di investimento, gli investitori interessati alle società a media capitalizzazione dovrebbero prendere in considerazione la qualità della crescita dei ricavi. Se i margini lordi e operativi crescono parallelamente ai ricavi, ciò indica che l’azienda sta acquisendo migliori economie di scala, che si tradurranno in maggiori profitti per gli azionisti. Una diminuzione dell’indebitamento complessivo e un aumento del free cash flow sono altri due indicatori di una forte crescita dei ricavi.

L’elenco continua e, sebbene molti dei fattori che gli investitori utilizzano per valutare le aziende di qualsiasi dimensione si applichino certamente anche in questo caso, è della massima importanza mostrare uno sviluppo sul fronte degli utili quando si tratta di mid-cap, poiché è questo che la trasformerà in una large-cap. L’aumento dei ricavi è fondamentale. Ma l’aumento della redditività è assolutamente necessario.

Un prezzo ragionevole

Quando si tratta di fare acquisti, nessuno vuole pagare poco, e l’acquisto di azioni non fa eccezione a questa regola. Warren Buffett è del parere che “è molto meglio comprare una società meravigliosa a un prezzo equo che comprare una società equa a un prezzo meraviglioso”.

Gli individui interessati alla crescita a un prezzo accessibile sono talvolta definiti investitori GARP. Quando si tratta di esaminare i titoli a media capitalizzazione, gli investitori GARP prestano attenzione a una serie di fattori, tra cui gli indicatori di crescita, come i tassi di crescita delle vendite e degli utili, e le misure di valore, come il prezzo/utile e il prezzo/flusso di cassa.

La qualità dell’azienda dovrebbe essere il criterio più importante, indipendentemente dalla metrica che ritenete più appropriata.L’Oracolo di Omaha ha detto che non è una buona idea fare un buon affare con un’azienda che non è molto buona. I veri seguaci di GARP non mirano ad ottenere l’affare del secolo; piuttosto, cercano solo di evitare di pagare troppo per l’attività.Gli investitori deep value potrebbero non essere d’accordo con questa affermazione.

Investire in azioni o fondi

La performance del vostro portafoglio d’investimento può essere migliorata e allo stesso tempo diversificata attraverso l’uso di azioni a media capitalizzazione, che è un buon tipo di investimento. L’investimento in fondi negoziati in borsa o in fondi comuni di investimento è un’ottima alternativa per quegli investitori che ritengono che la valutazione delle singole società richieda una quantità eccessiva di lavoro.

Se questo è il vostro caso, potreste prendere in considerazione l’idea di investire in questo tipo di fondi e lasciare che altri specialisti si occupino del processo di valutazione. Le mid-cap sono indubbiamente un’opzione da prendere in considerazione, indipendentemente dalla vostra scelta personale.

 

*NB: Le riflessioni e le analisi condivise sono da intendere ad esclusivo scopo divulgativo. Quanto esposto non vuole quindi essere un consiglio finanziario o di investimento e non va interpretato come tale. Ricorda sempre che le scelte riguardo i propri capitali di rischio devono essere frutto di ricerche e analisi personali. L’invito è pertanto quello di fare sempre le proprie ricerche in autonomia.